Il tuo browser non supporta JavaScript!
Nelle nostre librerie trovi anche letteratura, libri per l’infanzia, filosofia, diritto e molto altro! Scopri dove siamo

Corraini

In residence. Diary. Ediz. italiana e inglese

a cura di

editore: Corraini

pagine: 160

Dopo la prima edizione dedicata al tema "Nature Through Artifice", il progetto "IN Residence" focalizza la sua attenzione sulla materialità, indagandone caratteri e criticità attraverso un laboratorio partecipato intitolato "Matter Matters". La formula dell'evento è quella sperimentata con successo nel corso del primo appuntamento: un workshop tra giovani designer internazionali di talento e ancor più giovani studenti che, lavorando a stretto contatto per alcuni giorni, animano un contraddittorio dialogico ricco e stimolante. Il contesto ambientale rimane quello del "Du Parc Residence" di Torino, edificio di grande pregio architettonico progettato nei primi anni Settanta dagli architetti Laura Petrazzini e Corrado Levi.
16,00 13,60

Popville

Anouck Boisrobert, Louis Rogaud
e altri

editore: Corraini

pagine: 14

La città come organismo vivente, che nasce, si sviluppa e si differenzia nei suoi edifici e nelle sue funzioni: a partire da un primo nucleo originario, una chiesa isolata fra gli alberi, fino alla grande metropoli affollata di strade, tralicci, fabbriche e stazioni. Popville è un libro pop-up in cui ogni pagina corrisponde a un momento dell'evoluzione della città. Alcuni elementi urbani e paesaggistici rimangono punti di riferimento costanti attorno a cui la città si sviluppa, altri invece scompaiono nel tempo per far posto a quelli che li sostituiscono. Il tutto nel costante fluire di occasioni e possibilità, imprevedibili fino al momento di voltare pagina, nel libro come nella realtà. Un volume divertente da sfogliare e inatteso nella sua semplicità, una traduzione immediata e fedele del percorso vivente della città.
18,00 15,30

Ricerca e/o sperimentazione. Conversazione con Gillo Dorfles

Giancarlo Iliprandi, Gillo Dorfles
e altri

editore: Corraini

pagine: 80

A partire dallle ricerche sul lettering condotte da Giancarlo Iliprandi nel corso degli anni '70, Iliprandi stesso e Gillo Dorfles delineano un personale profilo del design grafico contemporaneo, con vive incursioni nel suo contesto culturale, storico, economico ed estetico. La ricerca e la sperimentazione, o meglio la loro assenza all'interno del panorama della comunicazione visiva attuale, costituiscono il tema centrale di questo dialogo non accademico fra i due maestri, che sottolineano l'importanza storica dell'avanguardia grafica e tipografica e il suo ruolo decisivo nell'elaborazione dell'architettura del segno contemporanea. La produzione di Iliprandi ne costituisce un valido esempio: le tavole di alfabeti geometrici, poi rielaborate alla fine degli anni '70 nelle copertine della rivista "Serigrafia", oscillano infatti fra lo status di opere d'arte e di ricerca fini a se stesse e di espressione dell'attività professionale legata alla committenza di Nava, Nebiolo e altri. Dinamismo e livellamento, tradizione e innovazione, contenuto e mercato sono alcuni fra i termini dialettici utilizzati da Iliprandi e Dorfles per definire le contrapposizioni concettuali lungo il tracciato della grafica italiana contemporanea, rievocandone il tono ora veemente ora riflessivo. Questo libro vuole essere un percorso possibile fra gli esercizi formali e progettuali di uno dei protagonisti di questa scena grafica. Con un intervento di Giovanni Anceschi.
15,00 12,75

Double face

Gianpaolo Pagni

editore: Corraini

pagine: 40

"Double face" è un'inesauribile serie di variazioni sui volti umani. Ogni faccia è "doppia" perché può essere osservata in entrambi i sensi di lettura del libro, senza un alto e un basso, senza un inizio e una fine. Capovolgendola, cambia espressione in modo curioso e inaspettato, e ogni dettaglio si rivela duplice nei suoi possibili significati. Allegre, misteriose, spettinate, altezzose, enigmatiche, euforiche, stralunate. Nelle mani di ogni lettore, adulto o bambino, le sagome dei volti diventano specchi di ogni possibile espressione del viso, una galleria di corpose "maschere" dai colori accesi che si succedono su una carta particolarmente spessa e consistente.
12,00 10,20

Mangiarotti. Catalogo della mostra (Mantova, 12 settembre-8 novembre 2009)

Beppe Finessi, Toyo Ito
e altri

editore: Corraini

pagine: 120

A partire dagli anni '50, Angelo Mangiarotti è stato uno dei protagonisti nel panorama internazionale di architettura, design e scultura. Più di cento suoi progetti, concepiti in cinquant'anni di attività, sono raccontati in questo volume attraverso materiali originali spesso inediti, provenienti dall'Archivio Studio Mangiarotti di Milano. Disegni, modelli di studio, oggetti di design, fotografie e sculture testimoniano una costante ricerca della qualità estetica intrinseca dell'oggetto, come linguaggio e proprietà "oggettiva" della sua stessa materia. Dalla sensibilità estetica e dalla profonda conoscenza della materia nasce per Mangiarotti la compenetrazione fra architettura, design e scultura: la valenza scultorea dei progetti di architettura e l'attenzione agli aspetti di produzione industriale e prefabbricazione di ogni oggetto di design. L'attenzione all'esigenza di "concretezza" è inoltre testimoniata dalla valenza "partecipativa" di molte opere e progetti di Mangiarotti, pensati in modo che l'utente finale abbia la possibilità di effettuare un proprio intervento sull'oggetto o sull'architettura. Il volume comprende testi di Beppe Finessi (architetto, professore presso il Politecnico di Milano), Toyo Ito (fra i protagonisti della scena architettonica mondiale) e Marco Meneguzzo (critico d'arte e professore presso l'Accademia di Brera di Milano); ogni progetto è presentato attraverso brevi note analitiche di Matteo Pirola.
24,00 20,40

Food Book

Martí Guixé

editore: Corraini

pagine: 32

Dopo "Blank Book" e "Tattoo Book", è venuto il momento di disegnare profumati primi, deliziosi secondi e succulenti dessert nel nuovo libro di Martí Guixé: "Food Book". Ogni pagina è un saporito suggerimento grafico da completare a cura di ogni commensale, dall'antipasto al caffè, assecondando le voglie del momento o preparando un elaborato menu studiato ad arte. Che siate amanti della cucina tradizionale o attirati dagli accostamenti più esotici e azzardati, Food Book è un banchetto su carta con le proprie portate preferite, oltre che il modo giusto per sperimentare senza rischi. Un volume di grande formato, per adulti e bambini. Non un libro "da leggere" ma un libro "da fare", compito di chi sfoglia è preparare ogni volta un menu diverso, riempiendo piatti e bicchieri di forme e colori seguendo le regole della propria personale originalità.
16,00 13,60

Michele De Lucchi. Paintings 2003/04/05. Ediz. italiana e inglese

Michele De Lucchi, Andrea Branzi
e altri

editore: Corraini

pagine: 184

L'architettura e il design non sono semplici risposte alle necessità dei clienti, dell'industria o del mercato, ma anche attività autonoma di riflessione. In questo contesto si collocano i disegni di Michele De Lucchi: non premesse di progetti veri e propri e nemmeno evasioni dagli impegni professionali, questi disegni sono espressione autonoma di una sperimentazione ininterrotta e di una riflessione personale sullo spazio. Questo volume raccoglie 111 disegni di Michele De Lucchi eseguiti fra il 2003 e il 2005 a tempera e matite: una serie di variazioni su carta attorno ad archetipi compositivi essenziali, grezzi e potenti, autonomi rispetto ai progetti di architettura ma contemporaneamente loro fondamento implicito. Il volume include testi di Andrea Branzi e Luca Molinari, che analizzano da vicino l'attività artistica di Michele De Lucchi inserendola all'interno del suo percorso di architetto e designer, ed è pubblicato in occasione della mostra Paintings 2003/04/05 presso la Galleria Antonia Jannone di Milano (16 ottobre - 17 novembre 2008).
48,00 40,80

Italianità

a cura di Ale + Ale, G. Iacchetti

editore: Corraini

pagine: 112

Marche e oggetti "memorabili" della recente storia italiana, che hanno contribuito a formare la "coscienza visiva" di un Paese: dalla Vespa al Bacio Perugina, dalla Gazzetta dello Sport alla sigla del TG1, ogni oggetto è presentato attraverso un breve testo leggero e personale di un autore ogni volta diverso, e un'illustrazione liberamente ispirata all'oggetto stesso realizzata da Ale + Ale. Lontano dall'essere una pubblicazione semplicemente "celebrativa", questo volume curato da Giulio Iacchetti osserva gli oggetti di qualità che hanno formato la nostra coscienza visiva da un punto di vista grafico ed emozionale al tempo stesso. Senza pretese di completezza in un paesaggio virtualmente senza confini, uno sguardo personale sui nostri ascendenti visivi e culturali dal punto di vista privilegiato del progettista e del designer. L'elenco degli oggetti "mitici" comprende: il marchio Agip, gli spaghetti Aglio olio e peperoncino, l'Apecar, il Bacio Perugina, il Bucaneve Doria, il Calendario di Frate Indovino, la colla Coccoina, la Coppa del nonno, la donna del Dado Star, Diabolik, Fantozzi, la Festa dell'Unità, le Figurine Panini, la Gazzetta dello Sport, la Graziella, la liquirizia Tabù, la Moka Bialetti, la Nutella, i pantaloni dei Carabinieri, le Pastiglie Leone, l'insegna dei Sali e Tabacchi, la Sambuca Molinari, la Settimana enigmistica, le scarpe Superga, la cabina elettorale, la sigla del TG1, Tutto il calcio minuto per minuto.
15,00 12,75

Useless is more. Ediz. italiana e inglese

Beppe Finessi, Joe Velluto

editore: Corraini

pagine: 96

Il design industriale produce oggetti d'uso, ossia oggetti in cui la funzione determina il motivo della progettazione, e l'utilità è dunque il presupposto fondamentale. Al contrario, l'arte produce cose "inutili" (ai fini funzionali), dove cioè il ruolo determinante è giocato dal significato. A metà strada fra arte e design, l'Adesign di JoeVelluto ha precisamente lo scopo di usare la progettazione per fini inutili, rivolgendosi al significato anziché all'utilità. Dopo il Manifesto dell'Adesign, in UseLess is More JoeVelluto esplicita una provocazione e riflessione sull'ambiente di vita di oggi, saturo di oggetti non realmente necessari: un contributo per tornare a progettare per un mondo reale. Declinato in 5 principi fondanti (Disfunction, Useless, Absence, Adesign e UseLess is more), il discorso di JoeVelluto prende forma attraverso suggestioni fotografiche di disfunzione, inutilità e assenza quotidiana, per poi concretizzarsi in una serie di ipotesi ed esempi pratici di Adesign applicato ad oggetti di uso comune. La scelta di carte di consistenza e superficie diversa accompagna l'andamento del discorso nel corso del volume, assecondandone il carattere sperimentale e provocatorio.
24,00 20,40

Decrescita. Architettura della nuova innocenza

Riccardo Dalisi

editore: Corraini

pagine: 200

Da una riflessione di Friedensreich Hundertwasser, pittore, scultore, architetto ed ecologista austriaco che anticipò alcuni concetti della bioarchitettura, parte il percorso che Riccardo Dalisi intende sviluppare attorno alla "decrescita": una filosofia, una linea guida, un'attenzione al progetto architettonico e di design argomentata con testi, illustrazioni ed oggetti realizzati in materiale di recupero da egli stesso e da alcuni suoi allievi. Per ridurre in modo sensibile i pericoli di un tracollo ecologico sostiene Dalisi - non basta puntare esclusivamente sul risparmio energetico, ma occorre riappropriarsi del giusto rapporto tra spazio umano e spazio naturale, ritornare a "far fiorire" l'architettura e prestare una nuova attenzione a ciò che in prima battuta è erroneamente considerato rifiuto.
27,00 22,95

Mendini. Ediz. italiana e inglese

Beppe Finessi

editore: Corraini

pagine: 384

Il volume dedicato ad Alessandro Mendini è un flusso ininterrotto di immagini e occasioni all'interno delle opere e della filosofia progettuale del celebre architetto milanese. Progettare orizzonti, stanze, corpi e pensieri sono i quattro momenti di un percorso personale e suggestivo attraverso l'opera di Mendini: dall'arredo urbano alla decorazione d'interni, dagli oggetti e accessori progettati per il corpo all'attività di teorico dell'architettura e del design, Mendini è protagonista di un approccio personale ed estetizzante alla progettazione, che si distingue per la dimensione organica, emozionale e individuale della propria ricerca, che privilegia suggestioni psicologiche, materiche e sensoriali rispetto a un design e un'architettura più "razionali". Non a caso, "poesia visiva", "progettazione fiabesca e barocca", "dilatazione labirintica degli spazi e delle sensazioni" sono solo alcune delle definizioni associate nel tempo alla sua multiforme produzione. Nel volume, le immagini sono accompagnate da testi di Beppe Finessi (architetto, professore presso la Facoltà di Design e la Prima Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano) e di Alessandro Mendini stesso, in cui l'architetto si racconta a partire dalla propria esperienza di progetto. Conclude il libro una sintetica biografia e bibliografia su Mendini e la sua opera.
35,00 29,75

La pelle come limite. Ediz. italiana e inglese

Riccardo Blumer

editore: Corraini

pagine: 136

Luogo, mappa, limite, storia, varco, tatto, setaccio, metafora: la pelle contiene in sé una molteplicità di caratteristiche e funzioni, è il luogo d'incontro tra fenomeni fisici e psichici, confine fra lo stato interiore ed esteriore della persona. Dalla chirurgia all'agopuntura, dalla body art alle pratiche rituali come il tatuaggio, la pelle è il segno del nostro passaggio nel mondo, e ne porta con sé i significati e le tracce. Nei propri laboratori di Disegno Industriale presso l'Università di San Marino, Riccardo Blumer invita a confrontarsi con il materiale "pelle", capirne la logica e provocare la curiosità del progettare. Risultato di queste riflessioni, riportate in questo volume grazie ai testi dello stesso Blumer, Gaddo Morpurgo (Università di San Marino) e Luigi Zanzi (Università dell'Insubria), sono oggetti nati non per essere "prodotti", ovvero, non prototipi di possibile merce. Sono ricerca, esperimenti di intreccio di forma e materia, puri punti di partenza del pensiero.
16,00 13,60
10,00 8,50

Vietato l'ingresso agli addetti al lavoro

Marco Romanelli

editore: Corraini

pagine: 88

Bruno Munari, ovvero la creatività vista attraverso le sue opere più significative, il racconto di idee e oggetti lungo i novant'anni della sua vita. Dalle prime esperienze con Marinetti e il "Secondo Futurismo" alle sperimentazioni teoriche sul concetto di "negativo-positivo", dai laboratori creativi per bambini alla storica attività di grafica editoriale per Einaudi, Domus, Bompiani e molti altri, scorrono fra le pagine la fantasia e la genialità di un poeta del quotidiano che non può essere "incasellato" in una categoria del contemporaneo. Non solo artista, non semplicemente designer, non didatta di professione: come dice il titolo, la sua è "opera aperta" ad ogni pubblico che abbia la voglia e la capacità di stupirsi, raccontata da Marco Romanelli attraverso una personale lettura delle idee e dei progetti del maestro. Questo volume nasce originariamente dalla mostra omonima tenutasi a Tokyo presso Shiodomeitalia Creative Center, prodotta da La Triennale di Milano in collaborazione con CLAC, Cantù.
15,00 12,75

Eureka!

Giulio Iacchetti

editore: Corraini

pagine: 12

"Elaborare il concetto di design democratico non è stata solo una sfida appassionante, di cui oggi vediamo i frutti, ma è soprattutto la consapevolezza di aver aperto una strada nuova per il progetto e per il design italiano" (Giulio Iacchetti, designer creatore e ideatore del progetto). Dopo la presentazione del 15 febbraio a Torino, nasce ufficialmente per Coop la nuova linea di oggetti di design democratico "Eureka!" 12 oggetti di uso quotidiano trasformati da designer italiani in invenzioni pratiche, utili, esteticamente piacevoli e a prezzi accessibili. Per Eureka! Corraini ha realizzato il libretto di presentazione del progetto, con una filastrocca di Giulio Iacchetti e illustrazioni di Federico Maggioni ispirate agli oggetti della collezione Eureka!
2,00 1,70

Restart. Un progetto di Maurizio Navone

Michele Calzavara

editore: Corraini

pagine: 132

Ci sono oggetti del passato che il tempo ha sedimentato da processi progettuali, mentali, modalità produttive e tradizioni d'uso. Ora, lo sguardo isola e inscatola questi oggetti in "kit della memoria", li sceglie e li accosta creando loro attorno un nuovo contesto. Non si tratta di una ricerca di stimoli per nuove forme, che non mancano nel panorama del design, ma dell'osservazione e del riavvio di oggetti e situazioni indelebili per produrre cortocircuiti con il presente, dialoghi tra il non più e il non ancora. Dalla produzione di lusso in ogni ambito agli oggetti di "design anonimo", segnalati da Munari e utilizzati come archivio d'ispirazione da Castiglioni, "Restart" è l'illustrazione di questo progetto e della ricerca che lo ha guidato. "Restart" sta per ripartire, rimettere in moto, ridare inizio a qualcosa: dunque, non si riparte da zero, ma da qualcosa che già esiste e ha avuto una storia. "Restart" vuole riconoscere l'irrinunciabile e farlo dialogare, riappropriarsene, in modo personale.
38,00 32,30

Restart. A project by Maurizio Navone

Michele Calzavara

editore: Corraini

pagine: 132

Ci sono oggetti del passato che il tempo ha sedimentato da processi progettuali, mentali, modalità produttive e tradizioni d'uso. Ora, lo sguardo isola e inscatola questi oggetti in "kit della memoria", li sceglie e li accosta creando loro attorno un nuovo contesto. Non si tratta di una ricerca di stimoli per nuove forme, che non mancano nel panorama del design, ma dell'osservazione e del riavvio di oggetti e situazioni indelebili per produrre cortocircuiti con il presente, dialoghi tra il non più e il non ancora. Dalla produzione di lusso in ogni ambito agli oggetti di "design anonimo", segnalati da Munari e utilizzati come archivio d'ispirazione da Castiglioni, "Restart" è l'illustrazione di questo progetto e della ricerca che lo ha guidato. "Restart" sta per ripartire, rimettere in moto, ridare inizio a qualcosa: dunque, non si riparte da zero, ma da qualcosa che già esiste e ha avuto una storia. "Restart" vuole riconoscere l'irrinunciabile e farlo dialogare, riappropriarsene, in modo personale.
38,00 32,30

Tattoo book

Martí Guixé

editore: Corraini

pagine: 28

Terapeutico, religioso, rituale, punitivo, contestativo, erotico, modaiolo, magico, di riconoscimento, estetico, ornamentale, simbolico, ambiguo, nascosto, ostentato. Un tatuaggio è un linguaggio. Per declinare forme e colori, e creare il proprio corpo di carta personale. Seguendo la direzione tracciata da "Blank book", un nuovo volume in cui i suggerimenti grafici di Martí Guixé sono completati da ogni "lettore" in maniera totalmente personale. "Tattoo book" è un libro di grande formato: in ogni pagina un dettaglio del corpo da "rifinire" con un tatuaggio, senza limiti alle sperimentazioni.
16,00 13,60

Verbale scritto

Bruno Munari

editore: Corraini

pagine: 88

Una raccolta di alcuni testi brevi di Bruno Munari, sparsi nella sua multiforme produzione editoriale. Dagli aforismi all'haiku giapponese, le invenzioni verbali di Bruno Munari innescano scintille imprevedibili che gettano una luce nuova sui temi più diversi. Dall'arte al design, dalla valorizzazione dell'inutile all'utilizzazione dei valori. Pubblicato per la prima volta nel 1982 per i tipi de "Il Melangolo", il libro è suddiviso in cinque sezioni (Promemoria, Teoremi, Canzoni, Pensare confonde le idee e Due autobiografie), che riprendono spunti e discorsi di altri volumi di Munari seguendo il filo della sua personalissima originalità.
15,00 12,75
15,00 12,75

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.