Il tuo browser non supporta JavaScript!
Sei già un nostro utente? Il sito è cambiato ma il tuo account no. Scopri di più

Psichiatria e psicologia geriatrica

Le comunità Dementia Friendly. Verso l'inclusione delle persone con fragilità cognitiva

Francesca Morganti

editore: Franco Angeli

pagine: 180

Il volume, concepito all'interno di un progetto volto ad approfondire gli approcci centrati sulla persona nella diagnosi e nel trattamento del declino cognitivo nell'anziano, presenta le comunità Dementia Friendly: comunità urbane "amichevoli" con i propri concittadini affetti da demenza. All'interno del testo vengono presentate e descritte in maniera critica le esperienze già realizzate e diffuse in ambito internazionale (USA, Nord Europa, Australia) che mettono al centro le persone con decadimento cognitivo lasciando loro ampi spazi di autonomia nella gestione della propria quotidianità. Viene poi dettagliatamente proposto un approccio utile alla costruzione di comunità urbane inclusive, in cui la persona con demenza venga prima di tutto ri-conosciuta e di conseguenza messa nelle condizioni di continuare i propri percorsi di vita anche nella patologia. A tale scopo vengono fornite dettagliate informazioni in merito alle diverse forme in cui la demenza si manifesta, alla luce delle più recenti ricerche in ambito neuroscientifico. Viene, inoltre, proposto un modello di intervento sulle comunità non di natura prescrittiva o istituzionale, bensì strettamente subordinato alla conoscenza del territorio in cui andrà a operare e in grado di proporre modalità di formazione ed educazione alla cultura Dementia Friendly calibrati in base alle caratteristiche del contesto di intervento. Vengono, infine, presentati esempi di ricerca-azione messi in atto negli ultimi anni in piccole comunità urbane (principalmente rivolti ad attività commerciali, realtà giuridico-finanziarie, servizi alla persona) con l'intento di far crescere le Dementia Friendly Communities in Italia.
23,00

L’esame diagnostico con il DSM-5® per la persona anziana

S. Wang, Abraham M. Nussbaum

editore: Cortina Raffaello

pagine: 365

In contrasto con la diffusa convinzione che affrontare i problemi di salute mentale negli anziani richieda una competenza specifica, L’esame diagnostico con il DSM-5® per la persona anziana offre a psichiatri, infermieri della salute mentale e specializzandi in psichiatria una rassegna di consigli pratici e ragionati per lavorare efficacemente con questa popolazione di pazienti. Orientato al trattamento clinico, il libro presenta casi significativi, utili promemoria e tavole informative che illustrano la prassi del colloquio diagnostico. Aiuta inoltre a riconoscere i principali elementi dei più comuni disturbi psichiatrici, a coinvolgere i pazienti nei piani di trattamento psicosociale, psicoterapeutico, psicofarmacologico e a valutare quando orientarli verso un ulteriore trattamento specialistico. Basato su L’esame diagnostico con il DSM-5®, questo volume è lo strumento ideale per tirocinanti e professionisti qualificati, la giusta guida per un uso corretto e proficuo del DSM-5.
49,00 41,65

La curiosità non invecchia. Elogio della quarta età

Massimo Ammaniti

editore: Mondadori

pagine: 145

Questo libro è una riflessione sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese che raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l'amore, l'amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, rimanere agganciati al presente e fare progetti per il futuro, magari condividendo in maniera partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda a un periodo di vuota attesa della morte, ma sia una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. Come quando il giorno concede al tramonto la sua luce più intensa e più vera.
13,00 11,05
16,00 13,60

La curiosità non invecchia. Elogio della quarta età

Massimo Ammaniti

editore: Mondadori

pagine: 143

«Forse si invecchia veramente solo quando non ci si stupisce più, quando si dà tutto per scontato e la vita sembra non riservare più sorprese. Ma si può essere vecchi e mantenere il gusto della conoscenza e sapersi ancora meravigliare degli insoliti colori di un tramonto, di un fiore che si schiude o di una bambina che ti sorride con aria divertita.» Il nuovo libro di Massimo Ammaniti è una riflessione sulla terza e quarta età, e più in generale sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese (come Andrea Camilleri, Raffaele La Capria, Aldo Masullo, Mario Pirani, Alfredo Reichlin, Luciana Castellina, Angela Levi Bianchini) che ora raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l'amore, l'amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che non lasciarsi sopraffare dalla rabbia e dal rancore, non ripiegarsi su se stessi, ma continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, a rimanere agganciati al presente e a fare progetti per il futuro, magari condividendo in modo partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda al tetro stereotipo di periodo di inquietudine e sconforto, di abulia e rassegnazione, insomma di vuota attesa della morte. Come l'anziano professor Borg, l'indimenticabile protagonista del film "Il posto delle fragole" di Ingmar Bergman, anche le persone intervistate rivisitano la storia della propria vita per rintracciare il filo rosso che l'ha attraversata e, con esso, la direzione e il significato del percorso compiuto. Così la dimensione anagrafica ed esistenziale della vecchiaia ritrova la sua verità, quella di una stagione indubbiamente difficile, irta di insidie fisiche e psicologiche, di paure e di perdite, ma che, se affrontata accettando la propria condizione senza risentimento né eccessivi rimpianti, e con la lucidità dovuta a una maggiore consapevolezza di sé e a un minor coinvolgimento emotivo nelle vicende del mondo, può rivelarsi una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. Come quando il giorno concede al tramonto la sua luce più intensa e più vera.
17,00 14,45

La depressione nell'anziano. Conoscerla per affrontarla

Emilio Sacchetti, Massimo Clerici

editore: Edra

pagine: 176

Le conoscenze attuali in tema di disturbi depressivi possono essere condensate in una serie di dati di fatto oggi abbastanza definiti. Alcuni di questi hanno valore generale, cioè sono validi a prescindere dall'età di chi ne è afflitto; altri, invece, si riferiscono specificamente alla depressione dell'anziano. Nonostante i disturbi depressivi coinvolgano una minoranza di persone anziane, la loro diffusione costituisce comunque un importante problema per il sistema sanitario e la società allargata. Sono quindi immediatamente intuibili la rilevanza e la necessità di un'onesta divulgazione sulla depressione rivolta alla collettività e di un approccio chiaro e competente per uscire da ogni impasse comunicativa. L'approfondimento delle conoscenze in tema di depressione da parte di una platea di non addetti ai lavori può portare chi sfortunatamente è già depresso o vive a fianco di un depresso a imparare a conoscere meglio il disturbo e a coglierne i cambiamenti - che siano in meglio o in peggio - così da supportare attivamente il clinico nelle sue scelte all'interno di un progetto finalmente condiviso in senso reale e non formale.
19,00 16,15

Manuale clinico di psichiatria geriatrica

a cura di M. E. Thakur, D. G. Blazer

editore: Giovanni Fioriti Editore

pagine: 254

"Questo manuale va incontro alle esigenze di clinici indaffarati che appartengono a varie specialità e sono coinvolti nella cura degli anziani... La nostra speranza è che questo maneggevole volume diventi una guida sul campo per quei professionisti oberati dai loro impegni, e costituisca un aiuto per orientare le cure dei pazienti vulnerabili. Auspichiamo peraltro che questo libro trovi posto sulle loro scrivanie o nelle loro tasche invece di rimanere nelle loro librerie. Gli autori dei capitoli di questo volume sono degli esperti nei loro rispettivi campi che hanno contribuito ad aggiornare e focalizzare il manuale su ciò che possiede maggiore rilevanza clinica. Nella trattazione vengono ricompresi una varietà di disturbi specifici, così come i principi generali del colloquio clinico con pazienti anziani, la psicofarmacologia dell'anziano, la pratica assistenziale in strutture residenziali. Una questione importante riguarda la transizione dal DSM-IV al DSM-5, avvenuta mentre questo manuale era in avanzata fase di pubblicazione. Abbiamo deciso di non sottoporre a ulteriore revisione l'intero manuale sulla base dei cambiamenti intervenuti fra le edizioni del DSM, continuando a riferirci in larga misura al DSM-IV"." (Dalla prefazione dei curatori)
28,00 23,80

Fragilità e affettività nell'anziano

a cura di C. Cristini, M. Cesa-Bianchi

editore: Franco Angeli

pagine: 328

Fragilità e affettività costituiscono un binomio significativo, specialmente se considerate nella prospettiva e nel contesto dell'età senile, delle difficoltà che spesso un anziano deve affrontare. Quanto e come l'affettività, attraverso le relazioni che l'hanno caratterizzata, determina, influenza la fragilità? In che modo e in quale misura la vulnerabilità genetica, biologica condiziona o si intreccia alle percezioni ed alle esperienze emozionali? Come interagiscono, si integrano fragilità e affettività nel corso dell'invecchiamento in funzione di quanto si è vissuto e imparato, e di ciò che l'esistenza continua a profilare come sfide e progettualità? Si nasce o si diventa fragili? Sono temi, ipotesi e interrogativi sviluppati e approfonditi in diversi ambiti espressivi, articolazioni concettuali e applicative, che consentono di offrire un quadro complessivo delle problematiche in campo gerontologico e geriatrico. In psicologia gli studi - a parte la psicoanalisi - si sono per lungo tempo occupati quasi esclusivamente degli aspetti cognitivi del funzionamento mentale; soltanto negli ultimi decenni sono comparse pubblicazioni sulla dimensione emotiva. Anche riguardo alle ricerche sull'invecchiamento si trovano numerosi lavori che esaminano funzioni e fragilità cognitive e molto meno quelle affettive. Il volume può essere un utile strumento per studenti, ricercatori, professionisti della salute e per quanti vogliano avvicinarsi, approfondire e comprendere meglio.
39,00

Psicologia dell'invecchiamento e della longevità

a cura di R. De Beni, E. Borella

editore: Il Mulino

pagine: 487

L'invecchiamento della popolazione è un fenomeno assai rilevante nella nostra società. Il manuale, qui presentato in una nuova edizione rivista e aggiornata, affronta le problematiche legate a questa fase della vita secondo una prospettiva multidimensionale. Per capire i processi legati all'allungamento della vita occorre infatti da un lato dare conto dei cambiamenti che avvengono con l'età a livello cerebrale, cognitivo, di personalità, emotivo-affettivo e socioambientale, dall'altro identificare i tipi di intervento attuabili per migliorare la qualità di vita della persona anziana e per promuovere un invecchiamento attivo e positivo.
36,00 30,60

The American Psychiatric Publishing Textbook of Geriatric Psychiatry

Dan G. Blazer, David C. Steffens
e altri

editore: American Psychiatric Publishing

pagine: 837

The American Psychiatric Publishing Textbook of Geriatric Psychiatry is an indispensable resource for psychiatric clinicians and trainees charged with assessing, diagnosing, and treating mental disorders in our nation's burgeoning population of older adults, as well as the nurses and other professionals who provide critically important care day to day. Building on the prodigious strengths of previous editions, this revision is the most current, comprehensive, and systematic textbook of geriatric psychiatry available today, and the only one that is DSM-5(R) concordant. The text's organization is user-friendly and practical, with sections addressing the basic science of geriatric psychiatry, the diagnostic interview in late life, psychiatric disorders in late life, treatment, and special topics. In addition, an array of useful features are included: * The new DSM-5 structure and classifications have been integrated into every chapter, ensuring that readers understand how the changes impact diagnosis and patient care. * Not only do the authors provide up-to-date information on psychiatric disorders, they also contextualize that information for the geriatric population, presenting the latest thinking on the phenomenology, diagnosis, and assessment of late-life mental disorders such as dementia and other neurocognitive disorders, mood disorders, anxiety disorders, and circadian rhythm disorders. * All treatment sections have been thoroughly updated to incorporate the most recent knowledge and research findings on psychotherapeutic, psychopharmacological, and other somatic treatments.* The book offers an impressive set of graphical and illustrative features to help the reader comprehend and retain the material, including outlines, bulleted key points, and tables, as well as lists of essential readings to deepen understanding of complex topics. Widely recognized as the standard in its field, The American Psychiatric Publishing Textbook of Geriatric Psychiatry serves a critical need for clinicians challenged to meet the mental health needs of an aging population.
175,00 148,75

Una mente attiva. Percorsi di stimolazione cognitiva per la terza età

Laura Pedrinelli Carrara

editore: Centro Studi Erickson

pagine: 320

Con il passare degli anni o a causa di determinate patologie, l'anziano tende a diminuire le sue performance e a restringere in modo esponenziale la capacità di utilizzo delle proprie risorse cognitive. Una mente attiva propone percorsi di stimolazione cognitiva per la terza età attraverso centinai di esercizi e attività, da effettuare direttamente sul testo oppure in modo esponenziale. Il volume è strutturato in 8 sezioni, attraverso le quali si stimola la persona non solo a livello prettamente cognitivo, ma anche sensoriale ed emozionale: laboratori linguistici, esercizi visuo-spaziali, attività mnestiche, laboratori creativi, attività sociali, esercizi di ragionamento, laboratorio delle emozioni, attività con la musica. Ogni parte è composta da numerose schede di lavoro di facile utilizzo e comprensione per aiutare l'anziano a mantenere e recuperare, in base alle proprie potenzialità e in modo ludico, quelle risorse che spontaneamente tende a limitare. La grafica chiara e pulita, l'eterogeneità degli esercizi e la praticità del testo lo rendono un efficace strumento sia per gli operatori sia per i familiari o per gli anziani stessi.
22,00 18,70

Giovani sempre. Mindfulness: un metodo per vivere meglio il tempo che passa

Daniela Franzoni

editore: Unicopli

pagine: 135

Ogni intervista appare come un racconto in prima persona, una narrazione che valorizza le esperienze di ciascuno. Fatti, processi, emozioni e sentimenti, testimoniano anche il processo di apprendimento avvenuto nel corso di tre anni di auto-formazione guidata. Il testo può essere considerato anche come prima introduzione al tema della Mindfulness. Le storie narrate ruotano intorno a questo metodo che viene reso concreto e attivo nella vita dei partecipanti al gruppo. Dalle narrazioni emerge come l'"eterogeneità" sia una caratteristica che contraddistingue la "terza età", in quanto con il passare degli anni, invece di diventare tutti più simili, diventiamo più dissimili. Poiché la vita si allunga, e ciascuno ha fatto una vita diversa, l'invecchiare non è uguale per tutti. Emerge anche una similitudine tra terza età e adolescenza: terminato il tempo dei ruoli, la vita appare, come per gli adolescenti, tutta da inventare.
14,00 12,60

Clinical Manual of Geriatric Psychiatry

Dan G. Blazer, David C. Steffens
e altri

editore: American Psychiatric Publishing

pagine: 298

Clinical Manual of Geriatric Psychiatry provides the most current information on psychiatric diagnoses seen in older patients in a concise format. Each chapter is broken into easily understandable, increasingly focused sections, and contains an extensive array of tables, references, and suggested readings. Chapters include clinically relevant information and evidence-based treatments for a wide range of topics and disorders: - The psychiatric interview of older adults, including history, family assessment, mental status examination, rating scales and standardized interviews, and effective communication techniques.- Psychopharmacology, including information on antidepressants, psychostimulants, antipsychotic medications, mood stabilizers, anxiolytics and sedative-hypnotics, and cognitive enhancers.- Diagnosis and treatment of delirium, dementia, mood disorders, schizophrenia, anxiety disorders, sleep disorders, and substance use disorders, including coverage of definition, epidemiology, clinical features, risk factors, diagnosis and differential diagnosis, prevention and management, and treatment guidelines.- Individual and group psychotherapy strategies, including individual and group-based cognitive-behavioral therapies, interpersonal psychotherapies, relaxation training, cognitive stimulation therapy, and behavioral therapies.- Clinical psychiatry in the nursing home, with a focus on cognitive disorders and behavioral disturbances, depression, treatment progress in this setting, and relevant federal regulations. Written by experts in geriatric psychiatry, this clinical manual provides a much-needed "field guide" for the care of nursing home patients and older adults. Busy clinicians, as well as researchers, residents, fellows, clinical psychologists, and social workers, will find this compact volume to be of the utmost value, as will anyone seeking to update their knowledge of geriatric psychiatry.
65,00 55,25

Oxford Textbook of Old Age Psychiatry

Alan Thomas, Tom Dening

editore: Oxford University Press

pagine: 860

Broad in scope and with global appeal The Oxford Textbook of Old Age Psychiatry, second edition is the definitive resource on old age psychiatry. It comprehensively provides the latest knowledge on the science and practice of treating later life mental disorders, focusing on the health and social issues that arise around ageing, dementia, co-morbidity, dependency, and the end of life in progressively ageing societies across the world. Published in previous incarnations as the much loved Psychiatry in the Elderly, this core resource for all old age psychiatrists, trainees, and other clinical professionals treating older people's mental health, has been fully revised, updated, and significantly expanded. Twelve months inclusive access to the online version, including the full text (which can be browsed by the contents list, index, or searched), links from references to external sources (via PubMed, ISI, and CrossRef), and the ability to download all figures and illustrations into PowerPoint ensures that it remains the leading text on old age psychiatry in the field. Maintaining the classic combination of comprehensive coverage, clear writing style, and the provision of authoritative and up-to-date information from earlier editions, this highly respected volume covers the underpinning basic science, both the neurobiological and social varieties, clinical practice, and specific disorders, as well as providing information on psychiatric services for older people, and medico-legal and ethical issues that often present hard challenges for those treating older patients. Taking a global approach by highlighting both the common burdens and the differences in management from country to country and with a much expanded cast of contributors providing a truly international perspective, The Oxford Textbook of Old Age Psychiatry, second edition includes information on all the latest improvements and changes in the field. New chapters are included to reflect the development of old age care; covering palliative care, the ethics of caring, and living and dying with dementia. Existing chapters have also been revised and updated throughout and additional information is included on brain stimulation therapies, memory clinics and services, and capacity, which now includes all mental capacity and decision making. Providing extensive coverage and written by experts the field, the second edition of the Oxford Textbook of Old Age Psychiatry is an essential resource; no old age psychiatrist, trainee, or anyone working in the field of mental health care for older people should be without a copy on their bookshelf.
152,00 129,20

Comunicare con l'anziano

a cura di C. Cristini, C. Cipolli

editore: Franco Angeli

pagine: 224

Ogni anziano ha una storia da raccontare a chi è disposto ad incontrarlo, ad ascoltarlo. Vi è solo quando essa viene pienamente compresa. Il racconto di sé esprime pensieri e sentimenti di una persona, il suo modo di essere, di intendere la vita, anche quando sembra smarrita. Nella relazione con l'anziano, soprattutto se non autosufficiente, diventa rilevante la comunicazione non verbale. Comunicare, in ambito sanitario, significa fondamentalmente interagire, favorire e costruire un rapporto di cura, con il paziente e i suoi familiari. Per gli anziani in difficoltà, sentirsi rassicurati rende spesso più sereni, facilita l'espressione emotiva e creativa. Anche i curanti devono però ricevere interventi di sostegno per continuare a svolgere in modo efficace e valido la loro attività. Quanto più approfondita è la conoscenza dell'anziano e di chi gli sta intorno tanto più chiara appare la comprensione del problema esistenziale e clinico. Vi è sempre un senso da ricercare nell'interazione con il vecchio, specialmente quando fatica ad esprimere e integrare ciò che vive fuori e dentro di sé. Il volume è stato ideato per studenti, ricercatori, professionisti della salute e per quanti considerano gli strumenti della comunicazione, dell'ascolto e della comprensione come supporti tecnici indispensabili per superare le barriere create nella relazione con e per gli anziani dalle differenze di mentalità, costumi, tradizioni, linguaggi, comportamenti, modelli di pensiero.
28,00

Cinque minuti per l'accoglienza in RSA. Un metodo basato sull'approccio capacitante

Pietro Vigorelli

editore: Franco Angeli

pagine: 192

Il giorno del ricovero è come uno spartiacque nella vita della persona e la divide in due mondi: il mondo del prima e il mondo del dopo. Le modalità di accoglienza risultano determinanti per il benessere o il malessere di tutti gli anni a seguire. Basandosi su queste osservazioni il libro propone una procedura informale di accoglienza da mettere in atto sin dal primo momento, sin da quando avviene il primo aggancio visivo tra un operatore e il nuovo ospite. Il metodo proposto è stato sperimentato in numerose RSA in tutta Italia nell'ambito del Progetto Accoglienza, promosso dal Gruppo Anchise e patrocinato dalla Società Italiana di Gerontologia e Geriatria - Sezione Lombardia. Il fulcro del metodo consiste in un colloquio di cinque minuti in cui l'operatore non si occupa di raccogliere informazioni né di valutare il paziente e il suo stato cognitivo. Si tratta di un colloquio in cui due persone sono consapevoli di incontrarsi per la prima volta e che ha per scopo di realizzare uno scambio verbale felice, nel qui e ora dell'incontro. In tal modo l'anziano si sente riconosciuto, anche se presenta deficit cognitivi, e si mettono le basi per una convivenza felice. La pratica del colloquio d'accoglienza fa riferimento all'approccio capacitante, già descritto dall'autore in un precedente libro, e alla Teoria dell'attaccamento di John Bowlby, opportunamente rivisitata e adattata per l'anziano.
24,50

Cervelli che non invecchiano. Conoscere e contrastare l'invecchiamento cerebrale

Lawrence Whalley

editore: Giunti Editore

pagine: 256

Si può contrastare l'invecchiamento cerebrale per migliorare la qualità di vita delle persone anziane? Lawrence Whalley, un ricercatore specializzato nello studio dell'Alzheimer, riferisce che il cervello è in grado di compensare il proprio invecchiamento in quanto la perdita delle cellule cerebrali con l'avanzare dell'età non è così ampia come si credeva una volta e che la presenza di alcune cellule superstiti, che conservano la capacità di riprodursi, consente di ridurre gli effetti più deleteri dell'invecchiamento cerebrale. Il libro offre risposta alle domande più frequenti sul tema e alcuni consigli pratici per invecchiare bene. Introduzione di Alberto Oliveiro.
14,50 12,33

Invecchiamento positivo

Manuela Zambianchi, Pio E. Ricci Bitti

editore: Carocci

pagine: 109

Che cosa si intende per invecchiamento positivo o di successo? È possibile raggiungere questo traguardo da parte di un numero sempre maggiore di persone? Quali sono le risorse e le strategie che possono rivelarsi efficaci per conservare nel tempo una buona salute e un'elevata performance personale? Il libro presenta le più importanti teorie contemporanee sull'invecchiamento di successo e analizza i principali fattori protettivi e di rischio che possono, nel corso della vita, favorire oppure compromettere la salute fisica, cognitiva e sociale della persona che invecchia.
11,00 9,35

L'ultima creatività. Luci nella vecchiaia

Carlo Cristini, Marcello Cesa-Bianchi
e altri

editore: Springer Verlag

pagine: 224

Il volume si pone l'obiettivo di scoprire, affrontare e analizzare un tema, l'ultima creatività, che la psicologia, le neuroscienze e la medicina non hanno mai pienamente esaminato. L'ultima creatività rappresenta la forza dello spirito innovativo, la tendenza a cogliere quanto l'esistenza propone, fino al termine: verso la conclusione della vita può mantenersi attiva la fantasia, non nel significato di evasione allegorica da una realtà che talora appare avversa, ma in quello di ricerca della verità narrativa e della sua realizzazione. Questo argomento può suscitare e incontrare interesse o curiosità presso studenti, ricercatori, professionisti della salute e tutte quelle persone che riconoscono nello svolgersi della vecchiaia un'opportunità di apprendimento, crescita e riscoperta di qualità e risorse. Il testo si colloca in uno spazio nuovo della ricerca sulla creatività, approfondendone il ruolo e il significato più profondo e forse anche quello più vero. Presentazione di Carlo Cipolli.
39,99 33,99

Le capacità di recupero dell'anziano. Modelli, strumenti e interventi per i professionisti della salute

a cura di C. Cristini, A. Porro

editore: Franco Angeli

pagine: 528

Il percorso di recupero in età senile viene influenzato da molti fattori e significati: dai modelli culturali a quelli applicativi e organizzativi, dall'individualità all'ambiente circostante con il quale si interagisce, dal valore attribuito alla perdita funzionale alla motivazione e agli obiettivi della proposta riabilitativa, dalla comunicazione e interazione fra l'anziano, i suoi familiari e gli operatori alla personalizzazione dei progetti e degli interventi, fino alla preparazione psicologica di chi assiste e cura. Organismo e psiche si intrecciano continuamente nel corso della vita, tuttavia nell'anziano sembrano allacciarsi in un modo ancor più incisivo, evidenziandosi nelle condizioni di disagio, di sofferenza, di rischio o di perdita della salute e dell'autonomia. Il recupero di un movimento articolare, di una postura, di un cammino il più corretto possibile, di una strategia cognitiva spesso si accompagnano al ripristino di atteggiamenti di fiducia, di autostima, di risorse affettive, motivazionali. Il volume utilizza un approccio interdisciplinare e transculturale nell'affrontare e sviluppare i vari temi legati alla complessa e variegata realtà della vecchiaia e dei suoi interpreti: gli indugi e le avversità, le aperture e le realizzazioni del vivere, oltre le limitazioni, le difficoltà, il declino del corpo e della mente. Il volume rappresenta quindi un utile strumento d'approfondimento per studenti, ricercatori, professionisti della salute.
49,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.