Il tuo browser non supporta JavaScript!
Sei già un nostro utente? Il sito è cambiato ma il tuo account no. Scopri di più

Psicodramma

Il nero e il bianco. Cinque ritratti clinici di donna in un gruppo di psicodramma

Enrico D. Santori

editore: Magi Edizioni

pagine: 174

Un gruppo di psicodramma in una piccola città del Sud. Cinque donne di età ed esperienze diverse. Uno psicoterapeuta che viene da fuori. È il settimo incontro e, senza concordarlo prima, tutte arrivano vestite di nero e di bianco. Come mai? La psicoterapia è una continua ricerca di senso. Un certosino lavoro di integrazione e sintesi fra gli apporti dell'inconscio e del conscio. Il nero e il bianco sono i riferimenti cromatici delle due istanze opposte della psiche, rappresentate dal gruppo nell'abbigliamento. E sono un riferimento implicito al qui e ora del lavoro terapeutico. Questa dicotomia è anche un dato culturale dell'ambiente, che vive sul piano di quello che Winnicott ha definito "falso Sé" e Sciascia definirebbe "la cultura dell'opportunismo e della finzione". In un paese di falsità, lo scandalo di un gruppo di psicodramma è proprio questo: riunirsi, piuttosto che per rappresentare le apparenze, per rivelare la propria autenticità e approfondirne i torti e le ragioni, al di là dei (pre)giudizi e delle vergogne. Raccontarlo, attraverso le storie vere delle protagoniste, ribadisce e rinforza, sul piano sociale, questo assunto di base: la verità è terapeutica.
17,00 14,45

Sulla rappresentazione. Narrazione e gioco nello psicodramma

Serge Guadé

editore: Alpes Italia

pagine: 236

Serge Gaudé, prematuramente scomparso nel 2005, è stato uno dei più famosi psicoanalisti francesi e ha dedicato gran parte della sua vita alla pratica clinica ed all'approfondimento teorico dello psicodramma analitico teorizzato da Eugenie e Paul Lemoine. Con questa opera egli si propone di illustrare la funzione di rappresentazione nel contesto dello psicodramma analitico. Il fil rouge è il quadro "Las Meninas" di Velasquez, che fu oggetto di studio da parte di Jacques Lacan nel Seminario XI: quest'opera infatti contiene in forma cristallizzata tutti quegli aspetti che riteniamo salienti nel dispositivo dello psicodramma. Dopo una breve descrizione delle leggi della prospettiva, utili ad apprezzare la complessità dell'opera di Velasquez e le relative osservazioni di Lacan, si analizzano i punti salienti e distintivi dello psicodramma analitico, anche grazie ad alcune esemplificazioni cliniche.
20,00 17,00

Lo psicodramma gruppoanalitico

Giulio Gasca

editore: Cortina Raffaello

pagine: 248

Qual'è la caratteristica che consente a determinate psicoterapie di indurre non un semplice adattamento ma un cambiamento profondo? L'analisi freudiana, quella junghiana, lo psicodramma e la gruppo analisi condividono la creazione di uno spazio teatrale, separato dalla realtà quotidiana, nel quale conflitti ed eventi passati possano essere rivissuti e assumere un nuovo significato. In particolare, nella gruppoanalisi soggettuale e nello psicodramma analitico, il gruppo costituisce lo spazio relazionale semireale in cui la drammatizzazione favorisce l'azione psichica, la presa di coscienza delle radici storiche e del comportamento attuale, la possibile apertura al cambiamento e a nuove prospettive da cui vivere la propria esperienza. Soprattutto nei pazienti psichiatrici gravi, il movimento espressivo, le relazioni dell'attività di gruppo, possono portare a significativi miglioramenti, ristabilendo un contatto tra il mondo interno che il paziente non riesce a controllare e la realtà esterna come linguaggio collettivo condiviso.
22,00 18,70

Lo psicodramma contemporaneo. Contributi alla teoria e alla tecnica

Josè Fonseca

editore: Franco Angeli

pagine: 240

Psicodramma e psicoanalisi sono teorie compatibili? Esiste uno psicodramma individuale? In Psicodramma contemporaneo, José Fonseca mette in relazione psicodramma e psicoanalisi intrecciando materiale proveniente dalla propria pratica clinica con un'attenta riflessione metodologica. Il risultato di tale unione determina la creazione di originali proposte, tra le quali una prospettiva sullo sviluppo della personalità (ispirata a Moreno e Buber) tra salute e malattia, lo psicodramma minimalista e lo psicodramma interno. Il volume è suddiviso in quattro parti: nuovi approcci alla teoria dello psicodramma; nuovi approcci alla tecnica dello psicodramma; psicodramma e sessualità; passato e futuro dello psicodramma. Primo lavoro dell'autore tradotto in lingua italiana, rappresenta un innovativo contributo proveniente dal prolifico movimento brasiliano di psicodramma, offrendo un'apertura verso nuove possibilità di sviluppo delle relazioni duali, di gruppo e dello psicodramma stesso, in connessione con il contesto trasformativo della società contemporanea.
33,00

Lo psicodramma. Tecniche e giochi di conduzione

Sabina Manes

editore: Franco Angeli

pagine: 128

Ricco di suggerimenti, giochi di riscaldamento, tecniche e test, è questo uno testo fondamentale per tutti coloro che conducono o si accingono a condurre psicodrammi. Uno strumento operativo per passare dalla teoria alla conduzione vera e propria. Conoscere i fondamenti teorici e la metodologia moreniana non sempre rende necessariamente capaci di gestire uno psicodramma. Lo psicodrammatista deve possedere doti personali di empatia e padronanza, deve entrare in contatto con i membri del gruppo, sentirne gli umori, le emozioni: è contemporaneamente direttore e regista della rappresentazione. L'autrice, che ha sviluppato il metodo triadico di A. A. Schutzenberger, utilizzando la sua lunga esperienza didattica, conduce il lettore a comprendere come nasce, si sviluppa e si agisce uno psicodramma e attraverso i giochi chiarisce il contesto in cui nascono e le chiavi di lettura dell.azione che si è andata svolgendo.
18,00

Il sogno in analisi e i suoi palcoscenici. Drammatizzazioni, gioco e figurazioni

a cura di A. Malinconico

editore: Ma. Gi.

pagine: 424

"Il sogno incarna, tra i tanti ruoli possibili, quello di un elemento di dissolvenza, mai completamente afferrabile. Ora è presente, ora è assente; ora è lì lì per essere svelato, ora si pone frustrante per la sua riconquista di ineffabile trasparenza; ora con chiari segni ci seduce ed esplicita i suoi presunti contenuti profondi, ora ci rammenta che gli stessi segni sono così universali da camuffarsi come in un lupanare dalle luci soffuse e ingannevoli. Eppure c'è, raccontato e adeso al ricordo mattutino, ponderoso nella sua apparente aleatorietà, visibile pur nella sua translucidità, alla ricerca della opportuna (e utile) collocazione storico-spaziale nel campo analitico." (dall'Introduzione)
30,00 25,50

Storie che curano. Lo psicodramma pubblico

Luigi Dotti, Giovanna Peli

editore: Franco Angeli

pagine: 176

Scritto a più mani, il libro intreccia tecnica, teoria, narrazione, immagine e poesia, in un dialogo continuo tra intenzionalità professionale di chi conduce uno psicodramma e le risonanze di chi lo vive dall'interno. Questo libro nasce da un incontro. Alcuni giorni dopo uno psicodramma pubblico una partecipante abituale agli incontri consegna al conduttore un disegno e uno scritto che raccontano una storia rappresentata sulla scena del teatro di psicodramma. Queste due persone sono gli autori di questo libro. Scritto a più mani, il libro intreccia tecnica, teoria, narrazione, immagine e poesia. Porta a sintesi l'esperienza di 10 anni di rassegne di psicodramma pubblico continuativo (Le relazioni sulla scena) che hanno visto quasi 4000 presenze complessivamente. L'intreccio di elementi teorici, tecnici ed esperienziali fa in modo che questo volume possa rivolgersi sia ai professionisti delle relazioni umane e dell'intervento sociale (che potranno trovare spunti ed indicazioni tecniche e operative per il lavoro con i grandi gruppi), che alle persone comuni che hanno conosciuto lo psicodramma o che potrebbero sperimentarlo.
22,50

Giochi del corpo e delle emozioni nello psicodramma analitico

a cura di L. Stradella

editore: Moretti & Vitali

pagine: 150

14,00 11,90

Il sogno. Dalla psicologia analitica allo psicodramma junghiano

a cura di M. Gasseau, R. Bernardini

editore: Franco Angeli

pagine: 496

Il sogno costituisce secondo Carl Gustav Jung un'espressione naturale e spontanea della forza vitale dell'individuo. Il sogno, in altre parole, è come un teatro interiore, in cui "chi sogna - scrive Jung - è scena, attore, suggeritore, regista, autore, pubblico e critico insieme". Tenendo aperto il dialogo su un duplice versante, quello della teoria e quello della prassi clinica, il volume presenta una panoramica di scritti, opera di psicologi analisti, di studiosi dei fenomeni onirici e di psicodrammatisti, i quali mettono in luce - da un lato - alcune questioni teoriche fondamentali relative all'interpretazione del sogno e - dall'altro lato - alcuni aspetti del lavoro clinico sul sogno nell'esperienza analitica individuale e nei gruppi di psicodramma a orientamento junghiano. La prima parte del volume si rifà alla presenza del sogno nelle culture antiche - dai riti di incubazione dell'Antico Egitto ai templi di Asclepio nel Mediterraneo, il cui culto è qui rivisitato alla luce della psicologia analitica - e a quanto la psicologia analitica stessa nella storia dell'umanità abbia sempre trovato nutrimento e materiale di studio comparativo. La seconda parte tratta dell'interpretazione del sogno nell'ambito della teoria e della prassi della psicologia analitica, tentando di rispondere a una serie di interrogativi. La terza parte entra nell'ambito del lavoro sul sogno nello psicodramma junghiano.
49,50

Incontri sulla scena. Lo psicodramma classico per la formazione e lo sviluppo nelle organizzazioni

Giovanni Boria, Francesco Muzzarelli

editore: Franco Angeli

pagine: 320

Il libro, nato dall'unione delle esperienze operative e dei vertici di osservazione di uno psicologo e di un formatore aziendale, si focalizza sulle applicazioni formative dello psicodramma classico con rigore di metodo e forte contestualizzazione organizzativa. Lo psicodramma è un metodo d'approccio psicologico finalizzato allo sviluppo personale che esplora il mondo psichico e le relazioni attraverso l'azione e la rappresentazione scenica, guidate da consegne registiche finalizzate ad attivare specifiche funzioni mentali. Attraverso lo psicodramma si possono creare efficacissime regie di cambiamento e apprendimento a beneficio di persone e organizzazioni, in perfetta assonanza con le dinamiche che attualmente attraversano la società e l'economia e con bisogni della moderna formazione, sempre più centrata sulla valorizzazione dell'emozionalità e dell'esperienza soggettiva di ciascuno. Il testo è reso particolare dalla presenza di numerosi protocolli di intervento psicodrammatico applicati in svariate organizzazioni, analiticamente descritti e rigorosamente commentati passo per passo, una vera miniera di spunti sia teorico-metodologici sia pratici. Il libro è dedicato a professionisti della formazione e della consulenza, manager delle risorse umane, insegnanti, educatori, animatori, studenti universitari e a tutti coloro che desiderano conoscere o approfondire le potenzialità formative dello psicodramma classico.
32,50

Narrazione e rappresentazione nella psicodinamica di gruppo. Teorie e tecniche

Giorgia V. Margherita

editore: Franco Angeli

pagine: 256

Se i gruppi utilizzano un pensiero e quindi un linguaggio per immagini, un discorso riconducitele al mito ed al sogno, è anche vero che ogni gruppo ha una propria identità, una storia, un progetto che origina in un contesto vincolato e vincolante, che ne definirà confini, obiettivi, modalità operative, in termini reali ed in termini di fantasie. Il lavoro con i gruppi richiede dunque coordinate nuove e composite per osservare, rappresentare e quindi ri-narrare i processi. La riflessione si sposta dal pensiero per immagini al linguaggio del sogno, dai teatri interni alla messa in scena delle relazioni nella clinica e nel gruppo. Si attraversano poi alcuni concetti chiave di teoria della tecnica (transfert-controtransfert, modello di campo, interpretazione, setting) mostrando la nascita di tali concetti in ambito psicoanalitico duale, l'evoluzione e l'applicazione nella psicoanalisi di gruppo.
29,00

Lo psicodramma

Anne Ancelin Schützenberger

editore: Di Renzo Editore

pagine: 368

16,00 14,40

Vite urlate. Adolescenti e psicodramma

Giampaolo Mazzara

editore: Franco Angeli

pagine: 192

In questo libro l'autore ci accompagna in un percorso nel mondo dell'adolescente, mettendo a fuoco l'attualità di Moreno ed il carattere distintivo dello psicodramma quale strumento basato sull'azione, indicando l'efficacia del gioco, come liberazione ed esperienza, confermando l'opportunità di fondare la validità di una lettura analitica del gioco su una ricerca fenomenologica. Questo adolescente si muove in un gruppo di pari, attraversa ponti di intesa empatica, creati da un terapeuta che valorizza l'incontro ancor prima delle trasformazioni terapeutiche. Un adolescente da incontrare affinché impari ad interagire con più libertà con il suo mondo interno ed esterno, a partire dalla scoperta delle parole per definire ciò che sta vivendo e di un adulto che può essere il suo organizzatore di esperienza. Il testo può costituire un fondamentale riferimento teorico, metodologico ed esperienziale sia per gli studenti di psicologia e di discipline connesse con l'educazione e la formazione, che per professionisti quali psicologi, psicoterapeuti, educatori, operatori nell'ambito della psichiatria e della riabilitazione. Come i membri del gruppo, anche il lettore diviene testimone di questa ricerca, che per l'autore non è solo mentale ma anche morale ed emotiva.
22,00

La scena contesa. Lo psicodramma psicoanalitico in adolescenza

Maria Zirilli

editore: Franco Angeli

pagine: 176

Aiutare un adolescente in crisi è spesso difficile: i ragazzi non amano chiedere aiuto e, quando lo fanno, tutt'al più "portano il proprio corpo"; un corpo in cui passato, presente, voglia di esserci e di contare si incontrano, si scontrano e si impongono con modalità estranee agli adulti - acconciature, ornamenti, abiti originali che agiscono da veri e propri segni di riconoscimento. È sotto, dietro, al di là di questo involucro che si annida il disagio. Ma, far emergere la sofferenza, darle un nome e condividerla è più facile se anche il luogo in cui gli sforzi convergono è a misura d'adolescente: agire "fuori" dalle strutture classiche e dai contesti rituali della cura può dunque essere d'aiuto. In questo senso lo psicodramma si pone quale modalità di approccio e di cura significativamente efficace proprio per le caratteristiche strutturali che lo connotano: nel gruppo si può "fingere per gioco" di essere infiniti "altri da sé" e scoprire, parlando e agendo, le innumerevoli possibilità di vita "alternativa" a quella che, nel presente, incombe e "fa male".
19,50

Lo psicodramma psicoanalitico. Evoluzione del metodo e funzioni di cura

Roberto Pani

editore: Franco Angeli

pagine: 352

Lo psicodramma psicoanalitico è una psicoterapia in e di gruppo il cui setting - che richiama un piccolo set teatrale - diventa un laboratorio, una palestra psichica, uno spazio fisico e mentale dove i pensieri raccontati e le scene giocate danno vita a situazioni emozionali uniche. Il gruppo ristretto dei partecipanti comunica sia a livello intrapsichico sia a livello degli interlocutori interiori che, per ciascun individuo, sono personificati dagli altri partecipanti. Nel gioco di specchi che si crea, nel dialogo che prende vita, la messa in scena del corpo e dei sentimenti aiuta a capire più profondamente se stessi e a fortificare la propria consapevolezza di sé. Per questo, il volume intende mostrare come tale dialogo, per la sua specificità, possa rivelarsi utile non solo a chi intende "fare chiarezza dentro di sé", ma anche a quanti, per ragioni professionali, debbano prendersi cura degli altri. Partendo dall'evoluzione storico-teorica del metodo, passando alle applicazioni cliniche e analizzando le componenti emozionali e neurofisiologiche correlate, il testo illustra quindi le potenzialità dello psicodramma analitico come mezzo psicoterapeutico e come metodo di training permanente da suggerire, ad esempio, per evitare il burn-out. Il volume si rivolge a studenti delle Facoltà di Scienze della formazione e Psicologia, ma anche a quanti, già avviati nel campo delle professioni d'aiuto, vogliano approfondire le loro conoscenze sull'argomento.
33,50

Fiaba, sogno e intersoggettività. Lo psicodramma analitico con bambini e adolescenti

Angela Sordano

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 244

Sogno, fiaba, immagini: ecco l'"amo del pescatore" con cui Angela Sordano aggancia l'interiorità del bambino e dell'adolescente inseriti nel gruppo psicodrammatico. In una fase, come quella evolutiva, in cui l'analisi verbale risulta inefficace per individuare adeguate chiavi di lettura dell'esperienza emotiva, il lavoro sulle rappresentazioni oniriche e sui disegni portati durante i gruppi mostra invece tutta la sua efficacia. Il lettore è portato a esplorare le modalità di autorappresentazione ricorrenti nel linguaggio figurativo dei giovani pazienti e a scoprire come evolve, con il procedere della terapia, l'immagine che il bambino ha di sé nel mondo.
22,00 18,70

Dal teatro allo psicodramma analitico

Roberto Pani, Donata Miglietta

editore: Franco Angeli

pagine: 192

Il testo illustra l'evoluzione che ha portato lo psicodramma analitico a definirsi come tecnica di psicoterapia psicoanalitica. Il volume, che vede la collaborazione di psicodrammatisti impegnati da anni nella formazione di gruppi, intende offrire uno strumento sulla possibilità di trattare con e attraverso il gruppo tanto nella cura quanto nella formazione e nell'educazione. Affiancando riflessione teorica a vignette cliniche tratte dall'esperienza si rivolge a psicologi, psicoterapeuti, educatori e formatori e a quanti operano nel campo della relazione d'aiuto.
20,50

Lo psicodramma psicoanalitico. Manuale per le istituzioni

Edoardo Razzini

editore: Cortina Raffaello

pagine: 230

Lo psicodramma psicoanalitico e le tecniche connesse hanno da tempo un ruolo significativo nella psicoterapia istituzionale con pazienti gravi e con soggetti in età evolutiva e nella formazione degli operatori delle professioni di aiuto. Questa tecnica propone un'efficace integrazione tra comunicazione verbale e non verbale e offre un terreno di incontro nel quale si incrociano le dimensioni terapeutica, ludica e reale, facilitando l'espressione e la decodifica di scenari del mondo interno individuale e della fantasmatica familiare e gruppale. L'autore si propone il compito di organizzare in forma omogenea e ordinata il corpus teorico, tecnico e metodologico dello psicodramma psicoanalitico.
19,50 16,58
25,00

Lo scarto del cavallo. Lo psicodramma come intervento sui piccoli gruppi

Paola De Leonardis

editore: Franco Angeli

pagine: 256

Questa immagine "scacchistica" viene utilizzata dalla scrittrice per indicare gli slittamenti creativi che intervengono nella relazione fra sé e sé e fra sé e gli altri, mediante lo psicodramma laddove esso promuove il cambiamento personale. Il libro espone fondamenti teorici e principi applicativi dello psicodramma allargando la sua riflessione alle principali correnti psicologiche che hanno spostato la loro attenzione dal fenomeno al campo, dalla pulsione alla relazione, dal singolo al gruppo. L'autrice avanza una propria lettura della dinamica intragruppale promossa dallo psicodramma, ponendo quest'ultimo a cerniera fra il pensiero gruppoanalitico attuale e i recenti orientamenti di psicologia sociale.
25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.