Il tuo browser non supporta JavaScript!
Nelle nostre librerie trovi anche letteratura, libri per l’infanzia, filosofia, diritto e molto altro! Scopri dove siamo

Psicoterapia dell'adolescenza

Il ritiro sociale negli adolescenti. La solitudine di una generazione iperconnessa

a cura di M. Lancini

editore: Cortina Raffaello

pagine: 334

Una generazione cresciuta "nella rete": prendendo le mosse da uno dei fenomeni tipici del nostro tempo, gli autori si interrog
26,00 22,10

Coinvolgimenti analitici con gli adolescenti. Sessualità, genere e sovversione

Mary T. Brady

editore: Astrolabio Ubaldini

pagine: 162

Intraprendere un cammino psicoanalitico con un adolescente non è mai facile, né per l'analista né per l'adolescente: pone sfid
16,00 13,60

Hikikomori. I giovani che non escono di casa

Marco Crepaldi

editore: Alpes

pagine: 124

Il termine giapponese hikikomori significa letteralmente "stare in disparte" e viene utilizzato per riferirsi a coloro che si
13,00 11,05

Adolescenti senza tempo

Massimo Ammaniti

editore: Cortina Raffaello

pagine: 218

Il modello di adolescenza elaborato dalla psicologia e dalla psicoanalisi a partire dal primo Novecento sembra oggi inadeguato
14,00 11,90

La psicoterapia in età evolutiva

Fabio Celi

editore: Hogrefe Editore

pagine: 272

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) ha avuto un'evoluzione naturale che ha visto il superamento dell'approccio dogmatic
21,00 17,85

I superconnessi

Come la tecnologia influenza le menti dei nostri ragazzi e il nostro rapporto con loro

Domenico Barrilà

editore: Feltrinelli

pagine: 144

Finita l'ubriacatura, responsabile di una confusione pedagogica senza precedenti, smaltita in parte la paura che sembra avere paralizzato un'intera generazione di educatori, è necessario che genitori e adulti in generale si riapproprino della titolarità del compito educativo. Un compito che, scoraggiati dalla mole della novità e dalla loro stessa autopercezione di inadeguatezza, hanno finito per rifiutare, spalancando le porte al presunto "nemico": la tecnologia. Lo sguardo di Domenico Barrilà, da sempre attentissimo all'influenza dei fenomeni sociali sulla psiche, si posa sui nostri "figli digitali", persi negli schermi dei loro cellulari e apparentemente vivi solo attraverso di essi. Vi scopre una generazione fragile, che oggi più che mai ha bisogno di educatori solidi, che non confondano l'"informazione" con l'"educazione". Si tratta di una generazione che, nella Rete e nel loro voler essere costantemente "connessi", trasferisce - magari distorcendolo - il bisogno di "legami" che è proprio dell'uomo da sempre. Barrilà guarda in faccia la rivoluzione digitale e gli effetti da essa prodotti nel delicato recinto che ospita educatori, genitori, bambini e ragazzi, portandoci a ragionare senza isterie e a misurarci con i riflessi dei cambiamenti, positivi e negativi, generati da vecchie e nuove realtà. Arrivati alla fine della lettura sperimenteremo la piacevole sensazione di essere tornati in gioco, con le idee più chiare e con qualcosa di solido da dire e da fare, ma soprattutto con la certezza che niente è più forte del legame educativo, a patto che si abbia voglia di tenerlo in vita.
13,00 11,05

Il diario di Viola. Storia della psicoterapia di una adolescente

Francesca Baggio, Silvia Facci

editore: Franco Angeli

pagine: 212

Un Natale Viola decide di raccogliere i suoi diari di adolescente e di regalarli alla sua ex terapeuta
25,00

Adolescenti consapevoli. La mindfulness per superare con resilienza le sfide della crescita

Bianca Bertetti

editore: Franco Angeli

pagine: 208

Nell'era digitale della società occidentale i "millennials", trovandosi ad affrontare le sfide tipiche dell'adolescenza, si se
26,00

Yes brain. Come valorizzare le risorse del bambino

Come valorizzare le risorse del bambino

Daniel J. Siegel, Tina Payne Bryson

editore: Cortina Raffaello

pagine: 190

Quando si trovano ad affrontare un compito sgradito o discussioni sul tempo da trascorrere davanti alla TV o con i videogiochi, i bambini spesso si chiudono a riccio, adottando un atteggiamento reattivo invece che ricettivo. Ma è possibile aiutare i bambini ad avere un atteggiamento caratterizzato da apertura e curiosità, cioè ad avere uno ”yes brain”, a essere disposti a osare ed esplorare, essere creativi e meno preoccupati di commettere errori. Grazie a questa ricettività, i bambini sono anche più competenti a livello relazionale, capaci di flessibilità e di resilienza nell’affrontare le avversità e le emozioni intense. In questo volume, gli autori forniscono gli strumenti – idee, strategie, “piani d’azione” – per portare i bambini di ogni età ad assumere questo atteggiamento nei confronti della vita così ricco di straordinari benefici.
18,00 15,30

Adolescenti nelle relazioni. Generazioni che co-costruiscono la società-mondo

Fabio Vanni

editore: Franco Angeli

pagine: 126

Educare oggi i ragazzi che sono nati in questo inizio di millennio è un compito particolarmente complesso ma altrettanto importante. Proveremo qui a rappresentare questa complessità ma anche l'urgenza di trovare strade credibili per farlo. Proporremo poi qualche idea che tenga conto delle ingenti novità e specificità dello scenario nel quale viviamo. Riorientare la convivenza in assenza di ordinatori forti ma in presenza di forti capacità trasformative in mano agli umani, organizzare le traiettorie di vita non già verso la conquista del mondo ma verso una diversa possibilità di relazionalità "fraterna", far dialogare le differenze tenendo a bada le violenze, trovare ordini nuovi. Tutto questo richiede un'alleanza "transfigurativa" fra le generazioni che condivideranno il futuro: non potranno semplicemente reiterare tradizioni educative, ma dovranno pensarne e sperimentarne di nuove, tenendo conto anche di ciò che i giovani sono in grado di insegnare ai più anziani e non solo viceversa. Questi temi riguardano un pubblico vasto ed eterogeneo giacché le funzioni educative oggi non sono più esclusivo appannaggio di insegnanti, genitori e parenti stretti, che naturalmente mantengono un ruolo centrale, ma di un universo molto più ampio di soggetti che, soprattutto per quanto riguarda gli adolescenti, incidono nel bene e nel male sulla loro traiettoria di sviluppo.
16,50

Inventare se stessi. Cosa succede nel cervello degli adolescenti

Sarah-Jayne Blakemore

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 246

Lunatici, pigri, inaffidabili. Spesso gli adolescenti vengono descritti ricorrendo a luoghi comuni e con una superficialità preoccupante. Tuttavia, il comportamento scostante tipico dei teenager non è irragionevole e non ha nulla fuori dall'ordinario. Ed è così per un motivo. Correre rischi, provare imbarazzo o passare più tempo con gli amici sono tutti sintomi di una fase importante dello sviluppo cerebrale, sono i segni di un viaggio che deve essere compiuto per poter diventare adulti. Fino a circa vent'anni fa, il lato spiacevole del comportamento adolescenziale veniva attribuito agli ormoni impazziti e ai cambiamenti che i giovani affrontano a scuola e nella vita sociale. Oggi invece sappiamo che il loro cervello va incontro a uno sviluppo sostanziale e che questo contribuisce probabilmente all'insorgere dei comportamenti tipici dell'età adolescenziale. E dunque che cosa accade a livello neurale, dentro il cervello dei ragazzi? Nel corso dell'adolescenza irrompe un processo fondamentale chiamato pruning, «potatura» o «sfoltimento sinaptico», che rinforza certe aree e ne elimina altre; le sinapsi usate in un determinato ambiente vengono conservate, tutte le altre vengono «sfoltite», dando infine forma alla struttura definitiva del cervello adulto. Frutto di un lavoro di ricerca decennale e degli studi pionieristici compiuti in prima persona da Sarah-Jayne Blakemore, "Inventare se stessi" è una guida per comprendere meglio i processi evolutivi del cervello adolescente. Il cervello dei teenager non funziona male. L'adolescenza è un periodo della vita in cui il cervello cambia profondamente: sta a noi comprenderlo, coltivarlo e onorarlo al meglio.
24,00 20,40

La Schema Therapy con i bambini e gli adolescenti

Christof Loose, Gerhard Zarbock
e altri

editore: Istituto di Scienze Cognitive

pagine: 395

Negli ultimi anni la Schema Therapy si è dimostrata estremamente efficace per il trattamento dei pazienti adulti e verrà adesso applicata per la prima volta al lavoro con bambini e adolescenti.Grazie al fatto che include principi della psicologia dello sviluppo e che si basa sul modello dei bisogni fondamentali dell’infanzia e del ciclo della vita, la Schema Therapy si presta particolarmente bene per il trattamento di bambini e adolescenti e per il lavoro con i genitori. I diversi approcci e punti di forza della terapia dovranno essere scelti in base alla fase evolutiva del bambino.Accanto a numerosi esempi, verranno offerti a terapeuti e pazienti, altrettante tecniche, strategie e materiali che possono essere direttamente applicati in terapia.
39,00 33,15
38,00 32,30

Adolescenti in bilico. L'intervento precoce di fronte ai segnali di disagio e sofferenza psichica

Carla Morganti, Emiliano Monzani
e altri

editore: Franco Angeli

pagine: 190

L'identificazione precoce nell'età adolescenziale di stati potenzialmente a rischio è un tema sempre più attuale e di cruciale
24,00

Gli adolescenti

Augusto Palmonari

editore: Il Mulino

11,00 9,35

Scene dal futuro. Adolescenza, educazione e distopia

Santa Parrello

editore: Franco Angeli

pagine: 168

Nella società ipermoderna - caratterizzata dall'urgenza, dal rischio e dalla fuga dal mondo interno - il disagio assume forme sempre più inquietanti. Le nuove famiglie mostrano una fragilità narcisistica che spinge ad aggirare il conflitto fra le generazioni e a indebolire la dimensione del desiderio autentico. La scuola attraversa una profonda crisi di autorità e credibilità, producendo dispersione di risorse e potenzialità umane. Il futuro, oggetto di profezie catastrofiche, appare chiuso alla possibilità e alla speranza. La distopia, altra faccia dell'utopia, ha il sopravvento. E ha sempre più successo come genere letterario: è un modo di immaginare l'avvenire esasperando i rischi del presente senza concedere alcun happy ending al lettore, con l'intenzione di colpirlo emotivamente e indurlo a riflettere. Da qualche anno anche la letteratura distopica per adolescenti registra grande fortuna. Essa presenta tuttavia una differenza rispetto alla "sorella" maggiore: ruota intorno a giovani protagonisti in formazione che alla fine riescono a ribellarsi. Su questo registro il futuro è di nuovo immaginabile, seppure in forma di incubo che mette in scena la paura del ritorno di un Padre dispotico e violento, riattivando la speranza di poter vivere una sana dimensione di conflitto con gli adulti. Rivolto a psicologi, insegnanti e studiosi delle scienze umane, questo volume propone una lettura articolata della sfida che l'adolescenza lancia alla società adulta contemporanea, costringendola a riflettere sulle proprie questioni irrisolte sottese alle relazioni educative e alla rappresentazione del futuro. Presentazione di Massimiliano Sommantico.
23,00

Adolescenti digitalmente modificati (ADM). Competenza somatica e nuovi setting terapeutici

Riccardo Marco Scognamiglio, Simone Matteo Russo

editore: Mimesis

pagine: 220

«Il libro nasce per rispondere a questa necessità clinica: trasformare il corpo da ostacolo in strumento per attivare elaborazioni e sviluppare capacità empatiche e relazionali. Un lavoro con e sul corpo per riagganciare l'adolescente alla soggettività che lo anima».
18,00 15,30

La psicoterapia breve in adolescenza. Un modello integrato

a cura di M. C. Gislon, V. Franchi

editore: Mimesis

pagine: 220

«L'adolescenza come modello naturale per l'intervento breve e l'intervento breve come modalità terapeutica efficace per l'epoca adolescenziale».
21,00 17,85

Quando tutto cambia. La salute psichica in adolescenza

Claudio Mencacci, Giovanni Migliarese

editore: Pacini Editore

pagine: 247

L'adolescenza scolpisce il nostro cervello, ne potenzia alcune competenze a discapito di altre. Non si tratta solo di competenze cognitive ma anche di competenze relazionali e affettive, che rimarranno sostanzialmente stabili nel resto della vita rappresentando un lascito per l'età adulta. Proprio per questo effetto "organizzatore" l'adolescenza rappresenta un periodo di straordinaria ricchezza e potenzialità, ma allo stesso tempo altamente sensibile, da tutelare. Molti fattori possono intervenire nel percorso di sviluppo e alterare la traiettoria evolutiva; le cose possono "andare male" visto che è nel periodo adolescenziale che danno i primi segni gran parte delle patologie psichiche. Su queste condizioni sarebbe necessario intervenire per tempo, visto che i trattamenti precoci sono associati spesso a ottime risposte cliniche. Eppure riconoscere i segnali di psicopatologia per cui è necessario un intervento tempestivo e discriminarli da manifestazioni che fanno parte del fisiologico, a volte turbolento, percorso di sviluppo individuale, non è sempre semplice. Obiettivo di questo libro, che nasce dall'esperienza maturata in questi anni di lavoro presso l'ospedale pubblico e i servizi territoriali, è di fornire quelle informazioni che possono permettere di porsi di fronte alle manifestazioni cliniche dell'adolescente con maggiori competenze, in modo da avere una bussola per navigare in acque che appaiono spesso molto tempestose.
18,00 16,20

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.