Il tuo browser non supporta JavaScript!
Sei già un nostro utente? Il sito è cambiato ma il tuo account no. Scopri di più

Dipendenze/Addiction

A caro prezzo. La droga, le verità scientifiche e i pregiudizi sociali

Carl Hart

editore: Neri Pozza

pagine: 352

«A caro prezzo» è il discusso memoriale del neuroscienziato Carl Hart, un uomo cresciuto in uno dei quartieri più malfamati di Miami. Hart andava a scuola solo per non essere sbattuto fuori dalla squadra di basket, faceva uso abituale di droghe e stupefacenti e a sedici anni era già diventato padre. Tuttavia, grazie a una combinazione di duro lavoro, sport e disciplina militare, Carl Hart è riuscito a sottrarsi al destino che ha colpito quasi tutti i suoi amici e familiari, e oggi è diventato un rinomato scienziato impegnato nella battaglia contro l'abuso di droghe, nonché docente alla Columbia University. In questo provocatorio memoriale il Dr. Carl Hart esamina la relazione tra droga e piacere, dimostrando come l'isteria emotiva derivata dalla disinformazione su quanto concerne le droghe illegali riesca a oscurare i veri problemi che le persone emarginate si trovano a fronteggiare, contribuendo anche ad accentuare la cattiva gestione delle già limitate risorse pubbliche...
18,00 15,30

Le dipendenze tecnologiche. Valutazione, diagnosi e cura

Giuseppe Lavenia

editore: Giunti Organizzazioni Speciali

pagine: 112

Tante sono le potenzialità della Rete e degli strumenti tecnologici, tante sono le possibilità di abusarne fino a incorrere in fenomeni patologici, come l'hikikomori, il cyberbullismo e la pornodipendenza. Situazioni che mettono in allarme e che rischiano di compromettere gli equilibri relazionali, sia nella vita degli adolescenti sia in quella degli adulti. Analizzando passo a passo il comportamento degli utenti di Internet è stato elaborato un Modello di Sviluppo Evolutivo suddiviso in due fasi: la prima, dove si osserva in che modo si è arrivati alla Rete e come ci si è attivati fino a trovare la cosiddetta personale "web base-sicura"; la seconda, dove si indaga sulla relazione e sulla comunicazione dell'utente-dipendente mediate in parte o totalmente dal mezzo tecnologico. Su queste basi, anche attraverso la narrazione di casi clinici, il volume esamina in modo puntuale le varie tappe del percorso psicoterapico e propone interventi finalizzati al recupero di un uso consapevole, ovvero non patologico, dei mezzi tecnologici.
14,00 11,90

La fabbrica della luce. Dipendenza da cocaina: come sconfiggerla

Antonello Bonci, Luigi Gallimberti

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 233

È possibile curare la dipendenza da cocaina? Fino a non molto tempo fa nessuno dei percorsi sperimentati in tutto il mondo - spesso lunghi, ardui, dolorosi, ed esposti a facili ricadute - si era dimostrato efficace. Questo libro racconta una storia diversa. Dopo anni di ricerche, lo psichiatra Luigi Gallimberti e il neurologo Antonello Bonci hanno raggiunto sorprendenti risultati, mediante un trattamento all'avanguardia che sta rivoluzionando le neuroscienze e anche la cura della dipendenza da cocaina. Attraverso la stimolazione diretta e di altissima precisione del cervello, Gallimberti e Bonci sono riusciti ad azzerare il bisogno della sostanza, prima nelle cavie animali e poi, quasi miracolosamente, nei loro pazienti. Senza dolore, senza effetti collaterali, né rischi per la salute. I due autori presentano i risultati ottenuti, e raccontano il percorso che li ha condotti a questa straordinaria scoperta scientifica attraverso le emozionanti storie delle persone da loro curate. Un libro pieno di speranza e di luce, la stessa che compare negli occhi dei pazienti che prima erano immersi nell'oscurità della dipendenza.
16,00 13,60

Senti chi fuma. La «spinta gentile» verso la cessazione

Johann Rossi Mason, Fabio Beatrice

editore: Guerini e Associati

pagine: 221

Il fumatore nervoso, quello rassegnato, l'ex tabagista di successo, l'indeciso, il pentito. Esistono tante categorie di fumatori, quasi tutte accomunate dalla fatidica domanda che a un certo punto emerge inevitabile: «E se smettessi? Sì, ma come?». Mentre sono molti i libri che hanno affrontato il come dire addio alle sigarette, attraverso consigli di medici, psicologi e altri specialisti, nessuno si era ancora preso la briga di ascoltare i diretti interessati, le loro richieste, le motivazioni e i bisogni. Lo hanno fatto gli autori di «Senti chi fuma», da anni impegnati nella divulgazione dei temi più "brucianti" del tabagismo. Lo hanno fatto utilizzando le più moderne tecniche di storytelling, una branca della medicina narrativa, utilizzando interviste semi-strutturate ad oltre venti persone che hanno affrontato il percorso di cessazione. Ne sono emersi due elementi fondamentali che devono orientare le politiche antifumo dei prossimi anni: solo i fumatori possono essere autori del percorso di cessazione, ma per ottenere risultati significativi, occorre che siano seguiti e sostenuti da una classe di medici formati a formulare proposte individuali e «ricevibili». Perché un fumatore, pur sapendo tutto dei danni procurati dalle sigarette, continua a fumare, anche in seguito a gravi problemi di salute? La risposta risiede anche nella psicologia cognitiva e nelle scienze comportamentali, in particolare nel concetto di «nudge», ovvero qualsiasi aspetto in grado di alterare il comportamento delle persone in modo prevedibile senza proibizioni. Una specie di «spintarella» nella direzione della scelta che si desidera ottenere. Prefazione di Valerio Fabio Alberti e introduzione di Stefania Polvani.
19,00 17,10

Le abitudini da cui piace dipendere. Algoritmi, azzardo, mercato, web

Maurizio Fea

editore: Franco Angeli

pagine: 114

Azzardo, algoritmi, mercato, web sono onnipresenti nella vita di milioni di persone, adulti e adolescenti, immersi in contesti, tecnologie, ambienti sociali, pressioni pubblicitarie, reti di relazioni virtuali, dominate dal ruolo sempre più rilevante di quei processi di calcolo che vanno sotto il nome di algoritmi e dalle regole del marketing. Il libro analizza le conoscenze necessarie a comprendere le ragioni, scritte nella nostra natura biologica e nelle sue interfacce digitalizzate, che spiegano gli intrecci tra le propensioni della mente umana alla gratificazione e il mercato, le tecnologie e i loro effetti sulla nostra quotidianità. Stiamo partecipando a un gigantesco esperimento universale, che mette in gioco il modo in cui evolveranno i nostri cervelli, grazie alla formazione di abitudini che riempiono la vita a milioni di persone, e di cui c'è scarsa consapevolezza. Per limitarne rischi è necessario promuovere intelligenza critica e indirizzare gli sviluppi delle tecnologie e dei mercati, dando a questi ultimi delle cornici etiche entro le quali si possano valutare non solo cose come il rispetto della privacy, ma fondamentalmente la capacità di considerare l'uomo come fine e non come mezzo. La stessa tecnologia che sviluppa i giochi d'azzardo può essere orientata alla protezione dei soggetti vulnerabili, i processi di profilazione della clientela usati a scopo promozionale possono essere usati anche per migliorare le capacità critiche delle persone, gli algoritmi che creano le bolle autoreferenziali dei social network possono generare scenari diversi e nuovi approcci di senso ai problemi. Fronteggiare quelle derive problematiche che chiamiamo dipendenze comportamentali non riguarda solo gli specialisti: il mercato lo sosteniamo noi con le nostre scelte, la tecnologia la usiamo con più o meno competenza, le nostre propensioni possiamo riconoscerle e anche in parte governarle.
16,00
16,00 13,60

Il valore della clinica. Diversione e misuso dei farmaci agonisti oppiacei

a cura di P. F. D'Egidio

editore: Franco Angeli

pagine: 192

A venticinque anni dalla definizione del mandato istituzionale dei SerD, il volume intende promuovere una profonda riflessione critica sul ruolo dei Servizi e della loro operatività, a partire da temi complessi come la diversione e il misuso nei trattamenti farmacologici. Diversione e misuso sono fenomeni che per la loro complessità possono determinare per gli operatori dei SerD importanti implicazioni di tipo clinico, gestionale e giuridico; per i pazienti lo sviluppo di un rischio clinico e di una riduzione dell'efficacia degli interventi. Affrontare questi due fenomeni richiede il confronto operativo con la quotidianità a partire dall'analisi delle metodologie e delle strategie di lavoro, spesso perfettibili. Diversi sono, infatti, gli aspetti da comprendere relativi al paziente, al sistema curante, all'ambiente. In quest'ottica è fondamentale il tema della responsabilità: solo una corretta conoscenza delle norme legislative nelle sue varie articolazioni può aiutare il medico, l'operatore e le équipe di cura a prendere decisioni più efficaci e utili per il paziente. Il libro si propone di offrire spunti di riflessione e indicazioni pratiche per il corretto inquadramento di tutti i possibili aspetti legati al fenomeno della diversione e del misuso, dando un'interpretazione clinica e delineando strategie per la prevenzione e il controllo.
25,00

La famiglia del tossicodipendente

Stefano Cirillo, Roberto Berrini
e altri

editore: Cortina Raffaello

pagine: 300

Nuova edizioneL’aggiornamento del volume, vent’anni dopo la prima edizione, ha consentito di approfondire alcune teorizzazioni e procedure sorte in seno alla terapia familiare, alla teoria dell’attaccamento e all’infant research. I mutamenti che hanno coinvolto i consumatori di droghe, relativi alla qualità delle sostanze usate e alla loro diffusione capillare, hanno comportato una sovrapposizione di problemi non più circoscritti ai servizi per le tossicodipendenze, ma allargati ai consultori per adolescenti, ai servizi sociali, alle scuole e naturalmente ai terapeuti privati, ai quali le famiglie portano richieste di consultazione, a causa di figli tossicodipendenti di ogni età. Un fenomeno che rende imprescindibile il lavoro con le famiglie.
28,00 23,80

Adolescenza e dipendenze

a cura di T. Giacolini, C. Leonardi

editore: Giovanni Fioriti Editore

pagine: 362

Questo libro offre una descrizione dei disturbi da uso di sostanza e dei comportamenti di addiction che si manifestano in adolescenza, con l'intento di migliorare la nostra comprensione del problema tramite l'utilizzo di diverse prospettive teoriche. I singoli contributi non vogliono, pertanto, corrispondere a una visione univoca del fenomeno in questione, né tantomeno offrire un quadro esplicativo definitivo, ma offrono un punto di riferimento per lo studio, per il trattamento terapeutico e per gli interventi comunitari rivolti a adolescenti con problematiche connesse all'uso di sostanze o con comportamenti di addiction. Il filo rosso che unifica i singoli contributi è dato pertanto dal comune interesse per il tema, nella convinzione che solo la contaminazione dei saperi può condurre a una conoscenza di fenomeni complessi. Il volume è articolato in tre sezioni: aspetti generali, riferimenti teorici e di ricerca, quadri clinici. In ogni sezione sono presenti contributi di professionisti che hanno una competenza prioritaria nell'adolescenza o nelle dipendenze, da cui emerge anche la diversa prospettiva di osservazione.
32,00 27,20

Guarire i giovani dalle dipendenze. 100 domande e risposte

Vincent Dodin

editore: Edizioni LSWR

pagine: 224

Qual è la differenza tra uso occasionale e tossicodipendenza? Esistono individui più vulnerabili di altri alle dipendenze? Che cosa sono le droghe sintetiche? Si può diventare dipendenti da Facebook, dal lavoro o dallo sport? Si può obbligare un giovane a curarsi? Alcool, sigarette, droghe, medicinali, cyber-dipendenze, disturbi alimentari, giochi patologici, acquisti compulsivi, la lista è lunga e nuovi comportamenti compaiono senza tregua. Sotto forma di 100 domande/risposte, brevi e precise, Vincent Dodin affronta, in modo chiaro e concreto, tutto ciò che c'è da sapere sulle dipendenze, sui prodotti e sui nuovi consumi, sui comportamenti delle persone affette da dipendenze, sul loro trattamento e sulla loro presa in carico. Sintetizzando le conoscenze attuali, quest'opera pratica, frutto di anni di ricerche che hanno avuto un riscontro nella realtà quotidiana e con i pazienti, spiana la strada verso la guarigione.
18,90 17,01
18,00 15,30

Droghe ricreative. Le life skills per crescere in-dipendenti

Nuova edizione aggiornata

Franco Riboldi, Enrico Magni

editore: Franco Angeli

pagine: 200

In questa nuova edizione il volume è stato aggiornato sugli sviluppi più recenti e significativi del mondo ricreativo giovanile. In particolare è stato dato ampio spazio all'escalation del consumo alcolico, una delle emergenze più critiche nei giovani d'oggi. L'alcol non è propriamente una droga, ma le motivazioni che sostengono la sua diffusione tra i giovani e le modalità del suo utilizzo ne giustificano l'accostamento alle attuali droghe ricreative (cannabis, anfetamine, LSD, ecstasy, ketamina, smart drugs e designer drugs). Questa revisione ha ulteriormente impreziosito un libro già valido, in cui sono indicati in modo semplice e chiaro gli strumenti necessari per una prevenzione efficace. Due gli scopi perseguiti nella trattazione: 1. Illustrare gli stretti legami tra le tappe evolutive dell'adolescenza e la ricerca del piacere attraverso droghe e alcol. 2. Promuovere le strategie preventive più appropriate in funzione dei diversi "fattori di rischio" e dei potenziali "fattori di protezione" presenti nei giovani. Per originalità e praticità il volume si colloca tra gli "strumenti veramente utili" per genitori, insegnanti, educatori e chiunque operi a contatto con i giovani.
27,00

Dioniso: alcol e disturbi correlati. Concettualizzazione e trattamento secondo l'orientamento cognitivo

Tullio Scrimali

editore: Franco Angeli

pagine: 256

l consumo di bevande alcoliche e i disturbi ad esso correlati costituiscono una topica estremamente complessa che esibisce un impatto drammatico sulla salute dell'uomo a livello planetario. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha calcolato che, in media, 3,3 milioni di morti ogni anno possono essere imputate, direttamente o indirettamente, al consumo eccesivo di alcol e che un'assunzione esagerata di bevande alcoliche costituisce il principale fattore eziopatogenetico di oltre 200 diverse affezioni psichiatriche e mediche. D'altra parte, le bevande alcoliche costituiscono inoltre il fulcro di importanti valenze storiche, culturali ed economiche e il loro uso moderato non danneggia la salute, favorisce la socializzazione e completa un'alimentazione, non solo sana, ma anche estetica e rilassante, come quella mediterranea. Nella monografia, l'autore descrive un originale modello cognitivo complesso, da lui stesso sviluppato, per i disturbi correlati all'alcol, nonché le strategie di prevenzione e di cura, individuate in molti anni di ricerca, di didattica e di lavoro clinico nell'ambito dell'alcologia. La monografia offre informazioni aggiornate ed esaurienti a studenti, ricercatori e operatori della sanità e della salute mentale che desiderino fare il punto sulla problematica alcologica, secondo una prospettiva d'orientamento cognitivocomportamentale, l'unica, a tutt'oggi, evidence-based. Per il suo linguaggio chiaro e discorsivo, il libro può essere utilizzato anche ai fini della psicoeducazione e dell'informazione di persone non addette ai lavori.
36,00
22,00 18,70

Le psicosi sintetiche. Il contributo della psicopatologia fenomenologica italiana alle psicosi indotte da sostanze

a cura di G. Di Petta, D. Tittarelli

editore: Giovanni Fioriti Editore

pagine: 234

"Cosa hanno a che fare i ravers sballati di droghe sintetiche al rombo martellante della techno music, perduti nell'ultima alba del mondo, con Christiane F. e i ragazzi dello Zoo di Berlino? Cosa fanno i SerT per questi psiconauti senza insight di tossicomania, che sdegnano oppiacei e comunità terapeutiche? Che fa lo psichiatra di guardia in pronto soccorso di fronte a uno scatenato adepto delle piante di Dio? Quanti di questi ragazzi rimangono per sempre prigionieri del viaggio? Sulle tracce lasciate nella seconda metà del Novecento dai grandi Maestri della psicopatologia italiana due psichiatri di frontiera esplorano e descrivono l'emergenza della follia chimica, lontana sia dalla follia classica che dalla dipendenza classica. Se ogni epoca sceglie le sue malattie mentali e la sua psichiatria, la post-modernità ci sfida dunque con le psicosi sintetiche. Siamo noi in grado di comprenderle e di curarle? O preferiamo soccombere nell'asfissia metodologica, omologante e disumana dell'attuale psichiatria di superficie?" (dall'Introduzione).
28,00 23,80

La gestione clinica dei farmaci agonisti e la relazione nel setting terapeutico

a cura di A. Lucchini, P. F. D'Egidio

editore: Franco Angeli

pagine: 184

I Servizi delle Dipendenze sono caratterizzati da bassa tecnologia e alta specializzazione degli operatori, per cui la corretta assunzione del farmaco può essere significativamente influenzata non solo dalle caratteristiche soggettive del malato ma anche da quelle del medico e dell'équipe terapeutica. Ciò assume particolare valore nel trattamento delle dipendenze da sostanze con farmaci agonisti degli oppiacei. Tali considerazioni fanno da spunto per una riflessione profonda sulle caratteristiche della relazione paziente-terapeuta all'interno del setting terapeutico. Quali sono i parametri della relazione paziente-terapeuta che possono influenzare la corretta assunzione del farmaco? In che misura sono presenti misuso e diversione del farmaco agonista tra i malati che si hanno in cura? In che modo vengono valutati? I contributi scientifici presentati nel volume rappresentano un eccellente spaccato della realtà dei Servizi italiani. Un segnale dell'impegno a migliorare in metodologie e qualità l'approccio ai pazienti in trattamento nei Servizi, senza sottovalutare la rilevanza di fattori ambientali, culturali e sociali. Obiettivo del volume è dare coniugare le evidenze scientifiche, la ricerca applicata e la pratica clinica, sfida centrale per una società scientifica e professionale come FeDerSerD.
21,00

Behavioral Addictions: DSM-5 and Beyond

Nancy M. Petry

editore: Oxford University Press Inc

pagine: 256

This book explains the rationale for changes in the DSM-5(R) related to incorporating behavioral addictions alongside substance use disorders; it also illuminates the significance of including the construct of behavioral addictions in this widely used psychiatric diagnostic manual. The chapters herien describe eight behaviors often considered addictions, including gambling disorder, internet gaming disorder, internet addiction, food addiction, hypersexuality, shopping addiction, exercise addiction, and tanning addiction. Also examined are prevalence rates in epidemiological samples, risk factors, and promising treatment approaches. The result is an easy-to-use resource and guide for clinicians, students, and researchers.
49,00 41,65

Doppie diagnosi in comunità terapeutica

a cura di D. Peroni, M. Clerici

editore: Franco Angeli

pagine: 160

L'intervento sul paziente complesso, in particolare le cosiddette "doppie diagnosi", segue - ormai da anni - una strategia onnicomprensiva, multimodale ed integrata che tende ad associare, inevitabilmente, tecniche di trattamento specialistico alle fasi di residenzialità, nonché progetti specificatamente dedicati alle famiglie ed alla fase di rientro. Tali strategie - che si basano su modelli inclusivi ed intensivi - hanno destato crescente interesse nell'ambito delle comunità terapeutiche che offrono, da sempre, una progettualità clinica "ad ampio spettro" finalizzata soprattutto a garantire la continuità dell'intervento e a incentivare la compliance di pazienti che soffrono di disturbi mentali gravi, in primis i disturbi di personalità, che per definizione sono multiproblematici e la cui complessità si declina in ambiti quali la gestione dell'impulsività, l'autolesività, il discontrollo nell'assunzione contemporanea di farmaci e sostanze, i comportamenti "a rischio", la conflittualità familiare a partire da alti livelli di emotività espressa, nonché la sempre più frequente marginalizzazione sociale. Viene qui presentata l'esperienza della Comunità terapeutica Emmaus, una delle prime comunità terapeutiche italiane il cui progetto ha coinvolto fin dall'inizio operatori provenienti dai più diversi contesti del Servizio pubblico (DSM, SerT, Università) e del Privato sociale (Associazione "La ricerca" ONLUS rete Fict Federazione Italiana delle Comunità Terapeutiche).
20,00

Dipendenze comportamentali. Criteri, evidenze, trattamento

Kenneth P. Rosenberg, Laura Curtiss Feder

editore: Edra

pagine: 431

Il DSM-5 ha introdotto una nuova categoria clinica chiamata "dipendenza comportamentale" (esplicitamente quella dal gioco d'azzardo, implicitamente le altre, fra cui il gioco online e l'uso di Internet), ponendo immediate esigenze di aggiornamento professionale per psicoterapeuti e psichiatri. In cosa differisce una dipendenza comportamentale da un disturbo del controllo degli impulsi? Quali sono i criteri per determinare che alcuni comportamenti sono dipendenze? Che cosa comportano tali differenze in termini di trattamento efficace? Questo testo si propone come punto di riferimento del settore in ambito professionale (e potenzialmente accademico). Questo lavoro spiega esaurientemente i criteri utilizzati per determinare la dipendenza, le prove per identificare comportamenti assortiti come dipendenze, e il trattamento evidence-based per ciascuno di essi. Si rivolge a qualsiasi professionista clinico (psicoterapeuta, psichiatra, medico) che cura le dipendenze. Rassegna esaustiva delle varie dipendenze comportamentali. Definizione dei criteri diagnostici. Diagnosi e trattamento evidence-based per ogni dipendenza comportamentale.
19,00 16,15

Doppia diagnosi. Tra tossicodipendenza e psicopatologia

Nuova edizione

Paolo Rigliano

editore: Cortina Raffaello

pagine: 330

Si tende sempre più a vedere ogni tossicomane come un soggetto portatore di un disturbo di rilevanza psichiatrica. In undici capitoli che affrontano le differenti forme di tossicodipendenza, l'autore prende in esame la definizione e il trattamento delle condizioni di "doppia diagnosi" e fornisce un'analisi dettagliata del rapporto tra i singoli disturbi psichiatrici e tutte le sostanze più pericolose, dall'alcol alle anfetamine, dalla cocaina all'eroina. Sviluppando una critica della visione corrente, il volume si rivolge a psicologi e psichiatri, che sempre più spesso affrontano pazienti con forme di dipendenza, agli operatori delle comunità terapeutiche, agli operatori sociali impegnati nel supporto ai giovani.
29,00 24,65

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.