Il tuo browser non supporta JavaScript!
Nelle nostre librerie trovi anche letteratura, libri per l’infanzia, filosofia, diritto e molto altro! Scopri dove siamo

Psicoterapia dell'adolescenza

Quando tutto cambia. La salute psichica in adolescenza

Claudio Mencacci, Giovanni Migliarese

editore: Pacini Editore

pagine: 247

L'adolescenza scolpisce il nostro cervello, ne potenzia alcune competenze a discapito di altre. Non si tratta solo di competenze cognitive ma anche di competenze relazionali e affettive, che rimarranno sostanzialmente stabili nel resto della vita rappresentando un lascito per l'età adulta. Proprio per questo effetto "organizzatore" l'adolescenza rappresenta un periodo di straordinaria ricchezza e potenzialità, ma allo stesso tempo altamente sensibile, da tutelare. Molti fattori possono intervenire nel percorso di sviluppo e alterare la traiettoria evolutiva; le cose possono "andare male" visto che è nel periodo adolescenziale che danno i primi segni gran parte delle patologie psichiche. Su queste condizioni sarebbe necessario intervenire per tempo, visto che i trattamenti precoci sono associati spesso a ottime risposte cliniche. Eppure riconoscere i segnali di psicopatologia per cui è necessario un intervento tempestivo e discriminarli da manifestazioni che fanno parte del fisiologico, a volte turbolento, percorso di sviluppo individuale, non è sempre semplice. Obiettivo di questo libro, che nasce dall'esperienza maturata in questi anni di lavoro presso l'ospedale pubblico e i servizi territoriali, è di fornire quelle informazioni che possono permettere di porsi di fronte alle manifestazioni cliniche dell'adolescente con maggiori competenze, in modo da avere una bussola per navigare in acque che appaiono spesso molto tempestose.
18,00 16,20
49,00 41,65

Adolescenza e pseudoadolescenza. Nuove emergenze e nuove prospettive

a cura di V. Quondamatteo, L. Chianura

editore: Franco Angeli

pagine: 160

Questo volume raccoglie riflessioni e pensieri originati dall'esperienza di un variegato gruppo di figure professionali che da anni, in diversi contesti terapeutici e riabilitativi, incontra ragazze e ragazzi il cui percorso evolutivo e autobiografico si è interrotto alle soglie dell'adolescenza o nella prima adolescenza. Questa interruzione si manifesta, il più delle volte, con il clamore dell'urgenza psichiatrica e con una apparente varietà di sintomi e forme di sofferenza fisica e mentale. Il percorso, spesso molto lungo, deve procedere verso la nascita di una libera curiosità per la mente dell'altro e della consapevolezza che dall'altro si possa imparare qualcosa.
21,00

L'autolesionismo nell'era digitale

Maura Manca

editore: Alpes Italia

pagine: 191

L'autolesionismo è estremamente diffuso soprattutto tra gli adolescenti a partire già dagli 11-12 anni. Parliamo di circa 2 adolescenti su 10 che attaccano intenzionalmente il proprio corpo con lamette, oggetti taglienti, che si bruciano, si colpiscono, si feriscono per scaricare un profondo dolore interno che non riescono a gestire con modalità più adattive. Si nascondono nel silenzio della loro stanza, hanno paura di essere scoperti perché si vergognano o si sentono in colpa nei confronti dei genitori. A volte si rifugiano nei meandri della rete, pubblicano il loro corpo sui social network nascosti da un hashtag e condividono le loro sofferenze con gli "amici" virtuali nell'illusione di avere un contenimento emotivo ed un sostegno morale. I genitori spesso non sanno come comportarsi quando scoprono il disagio vissuto dai figli. "L'autolesionismo nell'era digitale" si presenta come una guida per comprendere tutte le sfaccettature dell'autolesionismo, per capire come si manifesta, la relazione con i social media e le comunità online nonché una valido aiuto per i genitori alle prese con le condotte autolesive dei figli.
17,00 14,45

Le passioni fragili

Eugenio Borgna

editore: Feltrinelli

pagine: 233

Perché gli adolescenti sono tristi? Da che cosa deriva il loro senso perenne di inadeguatezza nei confronti del mondo che li circonda? Come si articolano, e come si confrontano, esperienze psicopatologiche ed esperienze creative? Quali sono gli orizzonti problematici della psichiatria oggi? Sono inconciliabili tra loro, o sono possibili reciproche influenze? Sappiamo riconoscere il valore umano della malattia? Queste e altre domande articolano una riflessione sulle passioni fragili che appartengono alla nostra vita e alla nostra crescita. Eugenio Borgna percorre il tema del dolore, indaga la malattia dell'anima nell'infanzia e nell'adolescenza, s'inoltra nelle fragilità di ogni comunità e cerca di dare una voce al silenzio del cuore. Certo, è necessario distinguere nell'area sconfinata delle depressioni una condizione depressiva, che sarebbe meglio chiamare malinconia, o tristezza vitale, e fa parte della vita di ogni giorno, da quella che ha dimensioni psicopatologiche radicalmente più profonde; benché ci siano depressioni che sconfinano l'una nell'altra. Borgna ci guida nella consapevolezza della "significazione terapeutica delle parole", e si muove fin sui confini della psichiatria, permeando l'enigma degli intrecci tra malinconia e poesia in una lettura inedita e profondissima delle voci di Emily Dickinson, Georg Trakl, Guido Gozzano e Antonia Pozzi. Ogni ferita che l'anima sopporta, ogni passione fragile, appartiene a pieno titolo alla nostra esperienza e richiede di essere riconosciuta come tale. Un saggio che rompe il monolite del dolore e mostra che le passioni fragili devono emergere nella loro realtà tutta umana. Che non possiamo fare a meno di riconoscere la loro verità psicologica per accedere alla conoscenza di noi stessi.
18,00 15,30

Adolescenti in crescita. L'ACT per aiutare i giovani a gestire le emozioni, raggiungere obiettivi, costruire relazioni sociali

Louise L. Hayes, Joseph Ciarrochi

editore: Franco Angeli

pagine: 348

C'è qualcosa di davvero diverso in questo volume: un manuale per psicologi e psicoterapeuti che non parla solo di cura, ma di come aiutare giovani e adolescenti a crescere in modo sano. In questo delicato periodo dello sviluppo, la sfida evolutiva più importante è "crescere", che non significa solo diventare ogni anno "più vecchi". Perciò, smettiamo di considerare il passare del tempo come condizione sufficiente per crescere bene e impegniamoci a costruire i presupposti per creare adulti forti, capaci di affrontare le sfide emotive e cognitive della vita. Questo è il messaggio chiave degli autori, che mettono di fronte a una sfida importante, a un cambio di ruolo affascinante ma anche a un compito da far tremare i polsi: non essere solo semplici "meccanici" pronti ad aggiustare quello che è rotto e non funziona nei ragazzi che incontriamo in terapia, ma diventare il "contesto" che permette loro di sviluppare quelle competenze che gli consentiranno di crescere in modo sano. In una parola: resilienza. Questo volume è dunque per certi versi un manuale anomalo, ma affonda tuttavia le proprie radici in un terreno solido: l'Acceptance and Commitment Therapy (ACT), uno dei più recenti ed efficaci modelli evidence-based di psicoterapia cognitivo comportamentale, ricco di strumenti utili per aiutare i giovani a rispondere in modo nuovo e diverso ai propri pensieri, a riconoscere e gestire le proprie emozioni in modo efficace e a progettare azioni orientate verso che ciò hanno più a cuore. Esercizi, fogli di lavoro e report di sedute arricchiscono e completano questo testo rendendolo uno strumento pratico e d'immediato utilizzo per psicologi e psicoterapeuti che lavorano con giovani e adolescenti.
41,00

Adolescenze e famiglie

Mirella Baldassarre

editore: Alpes Italia

pagine: 210

Le mutazioni della società attuale: quali forme di psicopatologie determinano? Quali aspettative, quali richieste e soprattutto quale dolore producono nei nostri adolescenti? Il termine crisi, ormai in disuso, si delinea come lavoro psichico di destrutturazione, elaborazione e ricostruzione del materiale emotivo sperimentato. I cambiamenti straordinari della famiglia: famiglie allargate, monoparentali, ricomposte, interculturali, quali ripercussioni esercitano sulle nuove generazioni? L'intento è quello di riflettere sui percorsi terapeutici alla ricerca di strategie capaci di contenere e indirizzare adolescente e famiglia verso una riflessione attenta su ciò che entrambi dolorosamente si trovano a vivere, nell'intento di evitare una cronicizzazione del disagio psicologico. Al di là delle adolescenze travagliate si nasconde un'infanzia dolorosamente complessa senza la presenza di legami stabili, capaci di costruire un mondo interno.
17,00 14,45

Ragazzi non pensati. Esperienze di cura con gli adolescenti: un contributo psicoanalitico

editore: Mimesis

pagine: 148

Chi sono i "ragazzi non pensati"? Sono ragazzi che non hanno trovato nella mente degli adulti di riferimento uno spazio per essere riconosciuti e pensati. Le loro storie rivelano una particolare qualità traumatica delle relazioni con le figure di accudimento. Sono adolescenti che presentano deficit di mentalizzazione, tendenza a scaricare le tensioni psichiche sul corpo o attraverso agiti, e un mondo oggettuale e relazionale instabile. Gli autori, sulla base di una lunga esperienza clinica e di ricerca, evidenziano - e questi sono proprio gli aspetti innovativi del libro - i principali ostacoli da rimuovere, così che possa darsi un effettivo spazio per la cura e le componenti fondamentali della relazione terapeutica. La psicoanalisi, nelle sue formulazioni più evolute e recenti, è il modello teorico clinico di riferimento degli autori. Ogni capitolo è illustrato da numerosi esempi clinici. Il volume contiene un contributo inedito in Italia di René Roussillon: Il gioco e il potenziale.
14,00 11,90

Adolescenti e comunità terapeutiche tra trasformazioni e nuove forme di malessere

a cura di C. Bencivenga, A. Uselli

editore: Alpes Italia

pagine: 228

Il tema centrale del libro è la cura dell'adolescente attraverso la comunità terapeutica. Tema quanto mai attuale, soprattutto per quei percorsi adolescenziali in cui l'arresto dello sviluppo, il fallimento dei compiti evolutivi e le difficoltà familiari sono conclamati e la sofferenza emotiva, a volte, dirompente. È acquisito, nell'esperienza clinica e nella ricerca, che non esiste un'unica traiettoria di sviluppo adolescenziale ma percorsi differenti. Nel libro vengono riportate le esperienze adolescenziali più complesse e difficili, dove la sofferenza narcisistica e le dissociazioni sono in primo piano e l'intervento degli operatori si centra sul promuovere un migliore rapporto con la realtà e una maggiore integrazione tra aspetti di Sé. Uno dei pregi dell'opera è quello di mettere in luce la complessità del percorso dell'adolescente in comunità terapeutica e nella rete dei servizi a questa collegati. Una rete di relazioni che ha, tra i suoi scopi, quello di rimandare all'adolescente in grave difficoltà un'immagine di Sé il più possibile coerente, di riattivare le risorse, di aiutare a rinegoziare il rapporto con un passato spesso traumatico e progettare il futuro.
18,00 15,30

Manuale DBT® per adolescenti

Jill H. Rathus, Alec L. Miller

editore: Cortina Raffaello

pagine: 420

Introduzione di Marsha M. Linehan Edizione italiana a cura di Lavinia Barone e Cesare Maffei Manuale DBT® per adolescenti di J. H. Rathus e A. L. Miller. Scritto da autorevoli esperti nell’ambito della Dialectical Behavior Therapy (DBT®), il manuale DBT® per adolescenti offre gli strumenti indispensabili per trattare negli adolescenti problemi emotivi e comportamentali di qualsiasi livello di gravità. Cinque sono le abilità di cui i clinici acquisiscono la competenza per poterle insegnare ad adolescenti e genitori: Mindfulness, Tolleranza della sofferenza, Percorrere il sentiero di mezzo, Regolazione emotiva ed Efficacia interpersonale. Il testo include tracce delle sedute, note didattiche, punti di discussione, esempi, compiti da eseguire a casa e ottantacinque schede da compilare. Il libro è anche cercato come: Manuale DBT® per adolescenti Rathus, Manuale DBT® per adolescenti Miller.
49,00 41,65

Psicoterapia cognitiva dell'infanzia e dell'adolescenza. Nuovi sviluppi

a cura di L. Isola, G. Romano

editore: Franco Angeli

pagine: 296

L'approccio cognitivista descrive la mente come un sistema di scopi e conoscenze che regolano sia le reazioni emotive, sia l'attività mentale, sia la condotta individuale. Così, anche i sintomi psicopatologici, nella maggior parte dei casi, possono essere considerati espressione di attività finalizzate al raggiungimento di un obiettivo, al pari di qualsiasi altra attività. Il manuale riunisce i contributi di psicoterapeuti che da anni si occupano di psicopatologia infantile e utilizzano l'approccio cognitivo comportamentale nella formulazione del caso e nella pianificazione dell'intervento. Gli autori considerano anche eventuali spiegazioni legate all'espressione di un danno neurale o alla conseguenza di un deficit cognitivo e fondano il proprio intervento su alcuni punti salienti: la consapevolezza che le difficoltà psicopatologiche dell'infanzia e dell'adolescenza debbano essere inquadrate in una prospettiva temporale comprendente la fase di sviluppo che il soggetto sta attraversando e il percorso evolutivo del processo psicopatologico; l'importanza dell'individuazione dei meccanismi di mantenimento ovvero di quei processi ricorsivi di aggravamento e di cronicizzazione della sofferenza psicopatologica; la rilevanza che assumono le esperienze di attaccamento e la storia di vita del soggetto, elementi utili a comprendere i fattori di vulnerabilità individuale; il coinvolgimento dei genitori nel processo terapeutico e l'importanza dell'intervento su più setting contemporaneamente.
36,00

Clinica psicoanalitica della relazione con l'adolescente

a cura di F. Vanni

editore: Franco Angeli

pagine: 218

29,00

Ragazzi al limite. Seminari per conoscerli e aiutarli

Tito Baldini

editore: Franco Angeli

pagine: 416

Il volume presenta una raccolta di seminari attraverso i quali uno scienziato sociale mette a disposizione l'esperienza profes
43,00

Il corpo in una stanza. Adolescenti ritirati che vivono di computer

editore: Franco Angeli

pagine: 304

Il fenomeno del ritiro sociale - degli "hikikomori" - viene da anni studiato in Giappone. In Italia, invece, è ancora poco conosciuto, ma sempre più diffuso: negli ultimi dieci anni, infatti, è aumentato a dismisura il numero di genitori che chiedono aiuto, sgomenti di fronte all'isolamento sociale e al ritiro domestico del proprio figlio. Il volume fornisce una panoramica completa ed esaustiva sul tema del ritiro sociale. Nel corso della loro attività clinica e di ricerca, infatti, gli psicoterapeuti del Minotauro hanno cercato di entrare in contatto con i ragazzi ritirati nei modi più diversi: bussando alle loro porte, inviando messaggi e, in molti casi, riuscendo a farsi portare dentro la stanza e a discutere di Manga e videogiochi. Talvolta li hanno ingaggiati in lunghi percorsi psicologici durante i quali hanno sostenuto contemporaneamente gli sforzi dei loro genitori. Per la sua completezza e organicità, il testo si presenta come strumento indispensabile per tutti coloro - psicologi, psichiatri, insegnanti e genitori - che desiderino avere un quadro completo sulla teoria e sul trattamento del ritiro sociale in Italia.
35,00

La sfida adolescente. De-costruzione, incantamento e appropriazione di un mondo proprio

Jean-Paul Matot

editore: Alpes Italia

pagine: 221

L'adolescente, nel passaggio verso un mondo dove ciò che gli viene proposto non gli appartiene in proprio, deve, per sentirsi "se stesso", poter rielaborare la materia prima della sua infanzia, decostruirla. Questo movimento comporta dei rischi: dal lato degli adulti, quello di una confusione tra decostruzione e distruttività; dal lato degli adolescenti, quello di un al di là della decostruzione oggettuale. La decostruzione richiede così l'appoggio degli universi magici, che sfumano la cesura tra fuori e dentro, reale e immaginario; questi spazi dell'incantamento, che proteggono gli adolescenti dalla passivazione e permettono la trasformazione dell'onnipotenza, sono quelli dei mondi intermediari, da Alice a Harry Potter. Decostruzione e incantamento attraversano il rapporto degli adolescenti al proprio corpo, alla famiglia, alla tecnologia e alle istituzioni e sostengono la vitalità dello sviluppo. Rinnovano i riferimenti tradizionali dei processi psichici adolescenziali legandoli al potenziale creativo di questa età e aprono le prospettive dell'aiuto e delle cure destinati agli adolescenti e alle loro famiglie.
18,00 15,30

Perchè non mi parli? Il conflitto tra genitori e figli adolescenti

John Coleman

editore: Cortina Raffaello

pagine: 200

Non è facile essere genitori di un adolescente. Quanto rigidi o permissivi si dovrebbe essere? Qual è il modo migliore per sostenere un adolescente richiuso su se stesso? Come comunicare con qualcuno che lascia cadere nel vuoto quello che dite? E come resistere alla tentazione di avere comunque l'ultima parola? Basato sulle più recenti ricerche riguardanti lo sviluppo del cervello, i pattern del sonno nell'adolescenza e la comunicazione, il libro propone ai padri e alle madri un modo nuovo di affrontare la relazione con i figli adolescenti. Attingendo alla sua vasta esperienza di lavoro, l'autore, oltre a consigli pratici, riesce a fornire indicazioni chiare su come superare le dinamiche che guidano il comportamento ostile degli adolescenti, assumendo un atteggiamento che riduca i conflitti e crei le basi per relazioni solide e durature.
16,00 13,60

Il percorso identitario degli adolescenti di origine straniera. Tra culture affettive e diversità culturali

Giovanna Ranchetti

editore: Franco Angeli

pagine: 192

Gli adolescenti di seconda generazione si trovano quotidianamente ad affrontare dei conflitti nel tentativo di negoziare e destreggiarsi su più fronti: quello familiare, che rappresenta la cultura d'origine, e quello dei pari, che rappresentano l'attuale contesto culturale. Il loro percorso identitario si intreccia con il processo di integrazione nella realtà presente in cui reiventare in maniera personale aspetti tradizionali relativi all'origine familiare e scoprire al contempo nuove identificazioni. Nel ripercorrere il processo di soggettivazione di questi adolescenti emerge come la spinta identitaria, frutto della spinta evolutiva adolescenziale e della doppia appartenenza culturale, possa favorire la "nascita sociale" e rispondere al loro bisogno di integrazione e di partecipazione attiva nel contesto attuale di appartenenza per sentirsi soggetti riconosciuti, proprio come desidera ogni adolescente nel suo traghettare verso il mondo adulto. La complessità che caratterizza lo sviluppo evolutivo degli adolescenti di origine straniera e le risorse messe in campo da questi adolescenti offrono un contributo per comprendere da un altro punto di vista, rispetto all'adolescente autoctono, le difficoltà in cui si trova ogni adolescente nel suo personale processo di soggettivazione, ma anche le potenzialità e gli "indicatori fase specifici" su cui egli può far leva nella sua costruzione identitaria.
26,00

Narciso innamorato. La fine dell'amore romantico nelle relazioni tra adolescenti

Gustavo Pietropolli Charmet, Laura Turuani

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 171

Per lungo tempo generazioni di bambini - e soprattutto bambine - sono cresciute nel mito dell'amore romantico, dominato dall'idea della dedizione totale all'altra persona. Oggi quel modello si è ormai dissolto e, come mostrano Pietropolli Charmet e Turuani in questo saggio che illumina i rapporti sentimentali dei nuovi adolescenti, al suo posto si è imposta una visione "narcisistica" dell'amore, più pratica e fondata sull'idea che la relazione di coppia sia un mezzo per giungere alla piena realizzazione di sé. In un percorso che dischiude le caratteristiche dell'innamoramento adolescenziale in relazione ai cambiamenti vissuti dalla società, tra spinta al successo individuale, precocità sessuale e crisi della famiglia tradizionale, gli autori rivelano potenzialità e rischi di questo "amore di Narciso": grazie a esempi e consigli, la loro analisi non solo ci permette di comprendere meglio la vita sentimentale dei nostri figli, ma costituisce anche una guida per accompagnarli verso quell'amore maturo e consapevole che permetterà loro di diventare adulti.
12,00 10,20

La consultazione psicologica con l'adolescente. Il modello psicoanalitico della relazione

Il modello psicoanalitico della relazione

Fabio Vanni

editore: Franco Angeli

pagine: 172

Il libro propone un modello di consultazione psicologica con l'adolescente che valorizza l'incontro interumano psicologo-adolescente collocato all'interno dei loro rispettivi sistemi di riferimento prossimale. La proposta fa riferimento ad una visione della scienza e della clinica come attività umane e interumane, non tecnicistiche o sacrali. Il modello "psicoanalitico della relazione", aperto come pochi altri agli apporti di altre discipline e pensieri sul "soggetto della relazione", fa da sfondo teorico ed epistemico. La declinazione operativa si fonda sulla ultraventennale esperienza dell'autore e dei suoi collaboratori nel lavoro di cura con adolescenti e con i loro compagni di strada - genitori, insegnanti, ma anche magistrati, poliziotti, allenatori, ecc, - nonché sull'esperienza di lavoro di ricerca e di promozione della salute. Il testo è rivolto particolarmente a psicologi, medici, psicoterapeuti interessati ad avvicinarsi alla comprensione del lavoro clinico con gli adolescenti di oggi, ma anche a educatori, insegnanti, operatori che quotidianamente li incontrano nel loro lavoro.
23,00

TCS-A. Test sul superamento dei compiti di sviluppo in adolescenza. Sessualità, abilità cognitive e socio-relazionali e identità

Paolo Gambini

editore: Centro Studi Erickson

pagine: 118

Il TCS-A si propone di valutare il superamento dei compiti evolutivi in adolescenza raggruppandoli in 4 aree di sviluppo che includono 12 dimensioni: compiti legati alla pubertà e alle pulsioni sessuali (Accettazione del proprio corpo, Integrazione delle pulsioni sessuali, Relazioni con amici dell'altro sesso); compiti legati alle competenze cognitive (Capacità di coping, Competenza emotiva, Efficacia nello studio); compiti legati alle relazioni (Relazione con gli amici, Efficacia filiale, Inserimento sociale); compiti legati alla costruzione dell'identità personale (Acquisizione dell'identità, Conoscenza e coerenza del sé, Senso e soddisfazione di vita). Normato su un campione di 1375 adolescenti e dotato di buone proprietà psicometriche, il TCS-A può essere somministrato a adolescenti tra i 14 e i 19 anni, individualmente o collettivamente, in ambito psicoeducativo, clinico e di ricerca, da psicologi, psicoterapeuti, insegnanti, educatori, docenti e studenti universitari.
39,00 33,15

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.