Il tuo browser non supporta JavaScript!
Dal 1946 a fianco di professionisti e studenti Scopri cosa dicono di noi

Psicologia medica

Sentinelle traditrici. Un approccio integrato alla cura dei bambini con patologie del sistema immunitario

Simonetta M. Adamo, Claudio Pignata

editore: Franco Angeli

pagine: 160

Sentinelle traditrici sono quelle che vengono meno alla loro funzione e consegnano il castello al nemico. Così il bel castello, munito di complessi sistemi difensivi, viene invaso e distrutto. Il bambino gioca e racconta. La psicoterapeuta lo ascolta. La stanza è quella di un ospedale pediatrico. La malattia, di cui soffre il bambino, è una malattia immunitaria genetica. Le difese, in questi casi, si comportano proprio come "sentinelle traditrici", che non proteggono il corpo dagli agenti nocivi e che, a volte, effettuano un falso riconoscimento e rivolgono contro di sé il proprio attacco. Il libro, scritto a quattro mani da un pediatra immunologo e da una psicoterapeuta dell'età evolutiva, raccoglie le storie di dodici bambini e delle loro famiglie, dei danni inferti dalla malattia, ma anche delle modalità che consentono di arginarla e di contrastarla: le cure, la ricerca scientifica e le difese psichiche, che mirano a proteggere l'equilibrio individuale e famigliare. Attraverso queste storie si dipana la descrizione di una metodologia di presa in carico integrata, in cui convergono l'approccio della Medicina tradizionale, quello della Medicina sperimentale e quello della Psicologia clinica. Il volume si rivolge a genitori, immunologi, pediatri di base, psicologi clinici, psicoterapeuti infantili e della famiglia, infermieri pediatrici e altri operatori nel campo dell'infanzia.
20,00

Vivi ora e oltre la morte

Elisabeth Kübler-Ross

editore: Edizioni Mediterranee

pagine: 138

Un nuovo libro della dottoressa svizzera Elizabeth Kübler-Ross, una delle psichiatre più conosciute del nostro tempo, fondatri
13,50 12,83

Ripensare la salute. Per un riposizionamento critico nella psicologia della salute

Paride Braibanti

editore: Franco Angeli

pagine: 472

Il concetto di salute negli ultimi decenni si è caratterizzato per una apertura che sposta il focus dall'assenza di malattia alle scelte e alle azioni a livello degli individui, dei gruppi, delle organizzazioni e della comunità. Viene così posta una crescente attenzione al rapporto tra autonomia personale, soggettività e intervento psicologico e sociale che richiede un'accurata riflessione anche sul piano metodologico. Il volume vuole fornire un quadro metodologico e presenta così i principali approcci qualitativi di ricerca e di intervento che la psicologia sociale della salute mette a disposizione di questa nuova prospettiva. Collocandosi entro un quadro teorico-riflessivo e critico, tali metodologie sostengono una tensione trasformativa tra le asimmetrie di potere a livello socio-economico-culturale e la loro interiorizzazione nei processi mentali e nelle relazioni interpersonali. Un'attenzione particolare è riservata al modo in cui, su queste basi, possa essere avviata una rivisitazione delle competenze e delle identità disciplinari: nuove prossimità di sguardi possono provare a intrecciare dimensioni psicologiche, mediche, antropologiche ed educative in una linea di promozione della salute, di empowerment e di liberazione delle persone, delle comunità e dei popoli. Un manuale di riferimento, quindi, sia per gli studenti di psicologia della salute e psicologia sociale, sia per i professionisti della salute come supporto e confronto.
39,00

Manuale di psicologia della salute. Prospettive cliniche, dinamiche e relazionali

Chiara A. Ripamonti

editore: Il Mulino

pagine: 292

Il volume affronta il tema della salute in una prospettiva clinico-dinamica, dando particolare rilevanza ai fattori relazionali. La salute e la malattia vengono presentate privilegiando il punto di vista del paziente lungo tutto l'arco del ciclo di vita (dall'infanzia alla vecchiaia), dei suoi familiari e degli operatori sanitari. L'obiettivo è quello di fornire un'analisi approfondita degli aspetti più attuali e anche controversi della psicologia della salute, offrendo al tempo stesso indicazioni sulle strategie di prevenzione e intervento.
26,00 24,70

Manuale per OSS e ASA (Operatori socio-sanitari e ausiliari socio-assistenziali). Formazione in campo assistenziale, sociale e sanitario

a cura di M. Di Virgilio, I. Mussi

editore: Franco Angeli

pagine: 448

Le figure di operatori che si occupino con competenza e professionalità di assistenza in ambito sociale e sanitario sono sempr
48,00

Dieci minuti per la famiglia. Interventi sistemici in medicina di base

Interventi sistemici in medicina di base

a cura di G. Caiani,

editore: Cortina Raffaello

pagine: 243

La medicina di base è oggi orientata verso una consultazione centrata non più sul medico ma sul paziente, con maggior attenzione alla collaborazione. Ci sono inoltre considerevoli evidenze a favore di un approccio sistemico nel trattamento di molti problemi di salute. Dieci minuti per la famiglia è una guida pratica per i professionisti della salute che lavorano nella medicina di base e vogliono migliorare l’efficacia del proprio intervento con pazienti problematici e con le loro famiglie. Passo dopo passo, introduce la teoria e la pratica degli approcci sistemici, dà suggerimenti concreti per usare tecniche semplici di terapia della famiglia e incoraggia il pensiero sistemico e costruttivo per i casi individuali.
27,00 25,65

Medico, paziente e malattia

Michael Balint

editore: Giovanni Fioriti Editore

pagine: 390

Il problema del rapporto tra medico e paziente, e della sua rilevanza dal punto di vista diagnostico e soprattutto terapeutico, tende a diventare di competenza non più di una ristretta branca specialistica, ma di tutta la medicina. Il medico d'oggi, se da un lato è portato ad avere interessi sempre più specifici, dall'altro è costretto, nell'interesse stesso del malato, a non perderne di vista l'unità psicosomatica che, se al limite di alcune forme morbose assume la prevalenza nel quadro clinico, in ogni caso fa sentire il suo peso come modo di reagire del paziente alla situazione di malattia con tutta la sua personalità. Mentre i confini tra malattia psichica e organica diventano sempre più sfumati, la moderna psicologia offre mezzi di indagine e di intervento terapeutico adeguati alle situazioni di disturbo emotivo, indicando come adoperare in maniera tecnicamente corretta le capacità individuali di rapporto umano che ogni medico quotidianamente impiega nell'esercizio della sua professione. Questo libro, scritto in maniera semplice e accessibile anche a chi non ha specifiche conoscenze psicologiche, presenta i risultati di una ricerca svolta alla Tavistock Clinic di Londra da un gruppo di medici e psichiatri che hanno affrontato assieme il problema delle implicazioni psicologiche dello stato di malattia. I tentativi di Balint di risalire a principi generali hanno sempre il supporto di casi clinici dimostrativi e i risultati della sua esperienza ci vengono posti senza alcun pretenzioso atteggiamento di raggiunta conclusione: siamo di fronte a una premessa alla ricerca futura in un campo in cui, come l'A. stesso dice, dei risultati potranno aversi soltanto dalla più stretta collaborazione tra il medico e lo psichiatra in un continuo scambio di esperienze. In ogni caso, questo è un libro utile: al medico in genere, per una maggiore comprensione dei propri pazienti e allo psichiatra per orientarlo a portarsi fuori dall'isolamento del proprio gabinetto di consultazione, spingendolo ad affrontare in maniera concreta il problema dell'aiuto al proprio collega medico nel suo impegno emotivo con i pazienti.
34,00 32,30

Psicologia in medicina: vantaggi e prospettive

a cura di G. De Isabella, G. Majani

editore: Franco Angeli

pagine: 272

Chi sceglie la psicologia come cuore della propria vita professionale lo fa perché ci crede: crede che la psicologia sia uno strumento efficace per essenzialmente - migliorare la vita delle persone attraverso il potenziamento delle loro risorse cognitive e comportamentali. La psicoterapia basata sull'evidenza sta dando sempre più precisamente corpo a questa convinzione e costituisce un riferimento imprescindibile a cui il costante aggiornamento deve tendere. Nel suo rapporto con la medicina, la psicologia ha una storia fatta di impegno e crescita e ha un presente fatto di fatica e spesso di ostacoli. Se la psicologia vuole entrare nelle istituzioni sanitarie portando il suo contributo, deve imparare a descriverlo anche in termini di rapporti costo-efficacia e costo-utilità. Non basta più essere bravi: si deve dimostrare di essere anche utili in rapporto a quanto si costa. Quanta e quale salute si può produrre o quanta malattia si può prevenire o contenere a che prezzo. Questo libro offre una prospettiva da cui osservare molte delle grandi potenzialità del sapere psicologico applicato al mondo sanitario, e offre la giusta voce con cui portarlo all'attenzione di chi non lo conosce ancora, o di chi già lo conosce, e vuole, come all'inizio, continuare a crederci.
32,00

Psicologi in ospedale. Percorsi operativi per la cura globale di persone

a cura di A. Vito

editore: Franco Angeli

pagine: 272

Un ospedale moderno è davvero attento ai bisogni emotivi di pazienti e familiari? Esiste un ospedale "psychologically correct? Chi sono i medici, gli infermieri, i direttori, come persone, prima che come professionisti? A cosa serve uno psicologo in ospedale? Come vi agisce un terapeuta familiare? Come ricordare che ogni ammalato ha una famiglia e che ogni malattia è sempre familiare, per impatto, ricadute e risorse? Tale consapevolezza come muta l'approccio operativo? La medicina è sempre più personalizzata ed attenta ai bisogni soggettivi dei pazienti. Riconosce il ruolo dei fattori emozionali, psicologici, relazionali sul decorso delle patologie organiche come parti integranti del sistema-individuo. Scompare la concezione della malattia come singolo oggetto di cura a favore di un'ottica globale, in cui la relazione è il nodo centrale nei processi clinici. L'approccio sistemico appare necessario per governare il processo di umanizzazione delle strutture sanitarie. Tale mutamento radicale - culturale, tecnologico e di politica sanitaria - trova però molte resistenze a tradursi in modelli operativi sistematizzati. Agli psicologi non spetta solo la cura degli aspetti emotivi, né possono da soli mutare il sistema ospedaliero eppure il nostro contributo è imprescindibile. Il volume è rivolto a psicologi ma anche a medici, operatori ed, altresì, a manager e direttori ospedalieri, per confrontarsi in un dialogo pluridisciplinare con un modello ed un'esperienza operativa originale.
32,00

Comunicazione con il paziente. Il metodo END. «Empatia, normalizzazione, descalation» in crisi ed emergenza

Massimo Biondi

editore: Alpes Italia

pagine: 170

Il metodo END (Empatia, Normalizzazione, Descalation) è stato costruito di recente partendo da una sistematica revisione della letteratura internazionale in merito alla comunicazione sanitari-pazienti, quindi assembla le principali linee e direttive che organizzano la comunicazione, in parte già note isolatamente (ad esempio l'empatia o la normalizzazione, le tecniche di descalation) riunendole in un corpo unico, di norma utilizzabile in modo sequenziale. Si richiama a una visione sia psicologica che biologico/etologica della comunicazione e della relazione, così come della capacità di rappresentarsi gli stati mentali delle altre persone. Testato nel lavoro quotidiano di una delle più impegnative unità di emergenza psichiatrica in Italia (Dipartimento di Emergenza e Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura di Sapienza - Policlinico Umberto I di Roma) ha mostrato validità e sta contribuendo a innovare la modalità di contatto con i cittadini in emergenza in sanità. Già oggetto di corsi formativi è dimostrato si possa apprendere e migliori in modo incisivo il modo di lavorare. È composto da principi e procedure, che possono essere osservati, provati, appresi e messi in pratica, per lo più in setting di piccoli gruppi di apprendimento.
16,00 15,20

La morte e il morire

Elisabeth Kübler-Ross

editore: Cittadella

pagine: 328

Perché non siamo capaci di affrontare questo evento umano senza paure e senza difese? Quali sono i bisogni e i diritti di chi muore? Possono trovare in queste pagine un prezioso materiale per il loro lavoro medici, infermieri, operatori sociali, e anche chi voglia avvicinarsi alla morte per scoprirvi la vita.
19,50 18,53

Errori Medici

La comunicazione con il paziente e i familiari

a cura di

editore: Cortina Raffaello

pagine: 169

20,00 19,00

Aggressività eterodiretta in psichiatria. Riconoscimento e gestione

Mario Luciano, Virginio Salvi

editore: Il Pensiero Scientifico

pagine: 48

Questa guida, rivolta agli psichiatri, fornisce gli elementi per prevedere, riconoscere e trattare il paziente psichiatrico adulto che presenta comportamenti etero-aggressivi in ambiente ospedaliero.
8,00 7,60

La paura del lupo cattivo. Quando un bambino è in ospedale

Silvia Kanizsa

editore: Cortina Raffaello

pagine: 112

Prendersi cura di un bambino ricoverato in ospedale vuol dire farsi carico di tutte le sue esigenze, non solo di quelle sanitarie, per aiutarlo a trovare uno spazio di crescita e di riflessione anche in una situazione complessa e traumatica come quella dell'ospedalizzazione. Il ricovero in ospedale, in quanto presuppone una diagnosi poco rassicurante, comporta cambiamenti significativi della routine familiare, in primo luogo il fatto che non sono più i genitori, o non sono più solo loro, a prendere decisioni sul proprio bambino. Così, quando il piccolo incontra il "lupo cattivo", ovvero la malattia, è necessario che sia i familiari sia gli operatori sanitari sappiano elaborare strategie che permettano l'espressione, il controllo e l'elaborazione delle angosce che l'evento scatena non solo in lui, ma anche negli adulti che lo circondano. Il volume delinea il modo in cui l'intera équipe sanitaria, dai medici agli educatori ai volontari, deve essere coinvolta nelle problematiche fisiche e psicologiche del bambino malato, offrendo preziosi suggerimenti per aiutare sia i piccoli ricoverati sia i loro genitori a convivere con la malattia e, soprattutto, a superarla.
12,00 11,40

Un cerotto per l'anima. Elementi di psicologia e pratiche per operatori sanitari

Rocco Caccavari, M. Teresa Gaggiotti

editore: Mattioli 1885

pagine: 138

Il libro è il risultato di un'esperienza di lavoro comune di due operatori sanitari: un medico ed una psicologa. La riflessione riguarda i grandi temi che caratterizzano la relazione d'aiuto e che meritano una riflessione ed un approfondimento spesso disattesi. Gli autori vorrebbero, con il loro lavoro, proporre stimoli di riflessione ai giovani operatori sanitari senza dimenticare l'improvvisazione che ogni volta può essere necessaria poiché ogni persona, ogni operatore e ogni contesto lavorativo è unico e complesso.
14,00 13,30

Psicologia e salute. Esperienze e risorse dei protagonisti della cura

Antonella Delle Fave, Marta Bassi

editore: UTET Università

pagine: 250

"Psicologia e salute" propone un'analisi degli aspetti psicologici della salute e della malattia in una prospettiva integrata, di grande attualità per la formazione dei medici e degli altri professionisti in area sanitaria. Sulla base dei più recenti sviluppi nei settori della psicologia e della medicina, nonché della loro esperienza in ambito clinico e di ricerca, Antonella Delle Fave e Marta Bassi presentano una rassegna innovativa delle risorse individuali e sociali cui i professionisti della salute possono attingere per accompagnare efficacemente nel percorso della cura e dell'assistenza i pazienti e le loro famiglie. Ciò implica dare priorità alla persona, cioè favorirne la partecipazione attiva al processo di cura e promuoverne la qualità di vita in senso globale. Questi aspetti sono fondamentali per il successo di qualsiasi trattamento.
25,00 23,75

Il cervello del paziente

Fabrizio Benedetti

editore: Giovanni Fioriti Editore

pagine: 304

In questo libro l'autore fornisce i dati scientifici delle scoperte e dei progressi più recenti delle neuroscienze, utili a spiegare sia i sistemi biologici coinvolti nell'interazione medico-paziente, sia il loro significato evoluzionistico. L'affrontare il rapporto medico-paziente da una prospettiva neuro-scientifica può presentare qualche vantaggio? Io credo di sì, per parecchie ragioni. La prima è ovvia: le neuroscienze sono interessate alla comprensione del funzionamento del cervello, e questo particolare incontro sociale può svelare i meccanismi delle funzioni cerebrali superiori, quali la fiducia e la speranza. La seconda ragione è che i medici, gli psicologi e il personale sanitario possono comprendere meglio le alterazioni da essi indotte nel cervello dei loro pazienti. Con questa conoscenza neuroscientifica in mano, il personale sanitario "vede" in maniera diretta come parole, attitudini e comportamenti attivino e inattivino molecole, aree corticali e sistemi sensoriali nel cervello dei pazienti. Io credo che questa "visione diretta" del cervello del paziente possa contribuire a incoraggiare un comportamento empatico e compassionevole da parte del personale sanitario. La terza ragione è legata alla seconda: sono convinto che i medici, gli infermieri e il resto del personale medico possano trarre beneficio dall'insegnamento delle Neuroscienze della Relazione Medico-Paziente nelle Facoltà di Medicina e nei Corsi di laurea in Infermieristica, come pure nei corsi di Psicologia.
32,00 30,40

Psicologia della salute

Mario Bertini

editore: Cortina Raffaello

pagine: 390

"La salute è uno stato completo di ben-essere fisico, mentale e sociale, e non semplicemente assenza di malattia o infermità." Se fino a qualche anno fa le più importanti cause di morte riguardavano malattie infettive acute, in seguito sono notevolmente aumentate le patologie ad andamento cronico, come il cancro, il diabete, le malattie cardiovascolari. Appare sempre più evidente la centralità del concetto di qualità della vita e l'importanza dei fattori psicologico-sociali nell'insorgenza, nell'evoluzione e nella gestione di queste patologie. La psicologia della salute si è impegnata per passare dal modello biomedico tradizionale al modello biopsicosociale, e si deve interrogare sul perché il concetto di benessere ha trovato un'accoglienza così scarsa sul piano scientifico. Il volume affronta il tema dell'elaborazione e della promozione di un "modello salute" da un punto di vista rigorosamente scientifico. Ciò che lo caratterizza è l'attenzione particolare alla svolta di paradigma in atto nella comprensione del ben-essere psicologico, sia per quanto riguarda i suoi lineamenti teorici sia per quanto riguarda le potenzialità delle sue applicazioni concrete.
26,50 25,18
29,00 27,55

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.