Libri Psicologia medica: Novità e Ultime Uscite | P. 3
Dal 1946 a fianco di professionisti e studenti Scopri cosa dicono di noi

Psicologia medica

Psicologia sociale e promozione della salute

Paride Braibanti, Valentina Strappa
e altri

editore: Franco Angeli

pagine: 160

La salute è contemporaneamente un bene personale e un bene sociale e, come tale, la responsabilità della sua tutela spetta egu
21,00

Il cervello del paziente

Fabrizio Benedetti

editore: Giovanni Fioriti Editore

pagine: 304

In questo libro l'autore fornisce i dati scientifici delle scoperte e dei progressi più recenti delle neuroscienze, utili a spiegare sia i sistemi biologici coinvolti nell'interazione medico-paziente, sia il loro significato evoluzionistico. L'affrontare il rapporto medico-paziente da una prospettiva neuro-scientifica può presentare qualche vantaggio? Io credo di sì, per parecchie ragioni. La prima è ovvia: le neuroscienze sono interessate alla comprensione del funzionamento del cervello, e questo particolare incontro sociale può svelare i meccanismi delle funzioni cerebrali superiori, quali la fiducia e la speranza. La seconda ragione è che i medici, gli psicologi e il personale sanitario possono comprendere meglio le alterazioni da essi indotte nel cervello dei loro pazienti. Con questa conoscenza neuroscientifica in mano, il personale sanitario "vede" in maniera diretta come parole, attitudini e comportamenti attivino e inattivino molecole, aree corticali e sistemi sensoriali nel cervello dei pazienti. Io credo che questa "visione diretta" del cervello del paziente possa contribuire a incoraggiare un comportamento empatico e compassionevole da parte del personale sanitario. La terza ragione è legata alla seconda: sono convinto che i medici, gli infermieri e il resto del personale medico possano trarre beneficio dall'insegnamento delle Neuroscienze della Relazione Medico-Paziente nelle Facoltà di Medicina e nei Corsi di laurea in Infermieristica, come pure nei corsi di Psicologia.
32,00 30,40

Psicologia della salute

Mario Bertini

editore: Cortina Raffaello

pagine: 390

"La salute è uno stato completo di ben-essere fisico, mentale e sociale, e non semplicemente assenza di malattia o infermità." Se fino a qualche anno fa le più importanti cause di morte riguardavano malattie infettive acute, in seguito sono notevolmente aumentate le patologie ad andamento cronico, come il cancro, il diabete, le malattie cardiovascolari. Appare sempre più evidente la centralità del concetto di qualità della vita e l'importanza dei fattori psicologico-sociali nell'insorgenza, nell'evoluzione e nella gestione di queste patologie. La psicologia della salute si è impegnata per passare dal modello biomedico tradizionale al modello biopsicosociale, e si deve interrogare sul perché il concetto di benessere ha trovato un'accoglienza così scarsa sul piano scientifico. Il volume affronta il tema dell'elaborazione e della promozione di un "modello salute" da un punto di vista rigorosamente scientifico. Ciò che lo caratterizza è l'attenzione particolare alla svolta di paradigma in atto nella comprensione del ben-essere psicologico, sia per quanto riguarda i suoi lineamenti teorici sia per quanto riguarda le potenzialità delle sue applicazioni concrete.
26,50 25,18
29,00 27,55

Salute e qualità della vita. Il benessere globale dell'individuo

Barbara Muzzatti

editore: Carocci

pagine: 103

Il concetto di "qualità di vita relativa alla salute" (QdV-S) è divenuto rilevante a seguito dell'enfasi attribuita alla "salute" dall'Organizzazione mondiale della sanità: definire la salute non più come mera assenza di malattia, ma come benessere globale (bio-psico-sociale) dell'individuo, ha rappresentato una vera e propria rivoluzione copernicana in sanità ed ha aperto la strada a nuovi concetti e modelli. Nel volume si illustra la qualità di vita relativa alla salute evidenziandone le diverse sfaccettature, presentandone i metodi di rilevazione, descrivendone i punti di forza e le possibili fonti di problematicità, discutendone i significati e le implicazioni teoriche e pratiche. Ne risulta un'originale argomentazione critica della rilevanza e dell'utilità della registrazione della qualità di vita nei contesti sanitari ad uso di ricercatori e clinici, a prescindere dalla specialità di appartenenza.
12,00 11,40

Relazione di coppia e malattia cardiaca. Clinica psicologica relazionale in psicocardiologia

Angelo Compare

editore: Springer Verlag

pagine: 230

"Nella gioia e nel dolore, in salute e in malattia"
34,31 32,59

Dal sintomo alla persona. Medico e psicologo insieme per l'assistenza di base

a cura di L. Solano

editore: Franco Angeli

pagine: 240

È noto che le richieste che giungono al medico di medicina generale nascono spesso da problemi che necessitano di un approccio olistico, biopsicosociale. La progressiva differenziazione tra medicina e psicologia rende però piuttosto problematica sia una risposta adeguata da parte del solo medico, sia una collaborazione attuata mediante invio allo psicologo. Raramente il medico è in grado di soddisfare la domanda del paziente nel suo complesso: il tentativo di fornire risposte sul solo piano biologico conduce all'effettuazione di analisi e alla somministrazione di farmaci di cui lui per primo riconosce la dubbia utilità. E difficilmente può inviare il paziente dallo psicologo: il contatto con uno psicologo, diversamente da quello con un medico, è tuttora oggetto di forte stigmatizzazione. Questo nuovo lavoro riporta i risultati di un.iniziativa giunta ormai ad una fase pienamente matura, sulla base di una mole di dati che oltre ad illustrarla più estesamente confermano la sua fattibilità ed utilità concreta anche sul piano di una riduzione della spesa sanitaria. Si pone quindi come possibile modello per una sperimentazione più estesa, con la possibilità di verifiche più ampie sul piano dell'efficacia e del risparmio di spesa ottenibile. Si incrocia, in questo momento storico, con l'esigenza sentita da più parti dell'istituzione della figura dello psicologo di base, per la quale potrebbe costituire una collocazione strategica.
31,00

La pelle in psicoanalisi

Jorge Ulnik

editore: Astrolabio Ubaldini

pagine: 238

È attraverso la pelle, dalla nascita e per tutto il corso dell'esistenza, che prende corpo l'identità dell'individuo: essa si adatta all'ambiente, comunica benessere oppure disagio, riceve gli stimoli esterni e incarna quelli interni. Tramite la pelle viene vissuta l'esperienza del contatto e del distacco, si strutturano le nozioni di spazio e tempo e si realizza una fitta rete di comunicazioni preverbali. 'Pelle e psiche' è dunque un binomio indissolubile, e quando la pelle si ammala chiama in causa una complessità di fattori: biologici, genetici, psicologici, familiari, relazionali. L'autore approfondisce in modo nuovo e fecondo lo stretto rapporto che può nascere tra psicoanalista e dermatologo, dove l'uno può colmare con l'ascolto ciò che si nasconde allo sguardo dell'altro: spesso una scissione profonda tra psiche e soma, in seguito alla quale i vissuti di angoscia e sofferenza vengono cancellati dalla coscienza e scaricati sul corpo. Prefazione di Mariella Fassino e Dennis Linder.
22,00 20,90

Psicologia clinica del dolore

a cura di E. Molinari, G. Castelnuovo

editore: Springer Verlag

pagine: 264

Nel testo viene data una specifica attenzione al dolore cronico e alla dimensione trasversale della sofferenza che investe mol
46,79 44,45

L'ipnosi in medicina e psicoterapia

Cataldo N. Scilanga

editore: Piccin-Nuova Libraria

pagine: 1244

"L'intento di interrompere lo stato di oblio in cui versa l'ipnologia nel nostro paese da così lungo tempo ha costituito una motivazione aggiuntiva per accingermi a scrivere un testo sull'ipnosi clinica, basato sulle conoscenze più aggiornate a livello teoretico e pratico, che potesse rappresentare sia un'utile guida di riferimento per il principiante che una fonte di novità, approfondimenti e spunti di ricerca per il professionista esperto. Per rendere accessibile la materia ad un vasto pubblico e non solo agli specialisti del settore, ho cercato di adoperare un linguaggio semplice e immediato anche per trattare gli argomenti più complessi, compatibilmente con le esigenze di rigore, chiarezza e completezza dell'esposizione. I termini tecnici sono tutti spiegati nel testo. Come risulterà evidente fin dai primi capitoli, sotto il profilo teoretico la mia posizione può essere definita pragmatica/eclettica."
38,00 36,10

Psicologia della salute: un'introduzione

Lorenzo Tartarotti

editore: Franco Angeli

pagine: 208

Se è ormai acquisizione assodata che problemi e processi di ordine psicologico riguardino la salute (anche solamente quella fisica), assai più recente è, invece, un approccio scientifico alla disciplina che, a partire da questa acquisizione, si definisce psicologia della salute. Una disciplina che, negli ultimi decenni, ha esteso i confini del proprio ambito di ricerca e di azione, focalizzando l'attenzione sull'analisi dei processi psicologici e psicosociali che presiedono a comportamenti implicati non solo nella malattia, ma anche nella tutela e nella promozione della salute. A fronte di una transizione epidemiologica in cui le principali cause di mortalità e di patologia cronica risultano sempre più spesso ricondotte agli stili di vita e ai comportamenti degli individui, nell'ambito della promozione della salute gli strumenti interpretativi della psicologia - individuale e sociale - occupano uno spazio decisivo. Il testo è stato pensato, in primis, per gli studenti delle Facoltà di Psicologia ma, per il suo approccio introduttivo, è di sicuro interesse anche per studenti di altre discipline (Medicina e Professioni sanitarie) e per tutti quegli operatori che intendano accostarsi ai temi della prevenzione e della tutela della salute.
27,50

Il Sé spezzato. Psicologia della lesione spinale traumatica

Gioia Gorla

editore: Magi Edizioni

pagine: 183

Il volume indaga la particolare situazione psicologica delle persone che, a seguito di un incidente, hanno riportato una lesione al midollo spinale, con conseguenze più o meno gravi ma sempre irreversibili, per cui improvvisamente perdono capacità di movimento e di funzionalità corporea dal livello della lesione in giù. Si tratta di una disabilità estremamente grave che riguarda un numero elevatissimo di individui in tutto il mondo e che è in drammatico aumento anche in Italia. Per potersi reinserire nel loro ambiente e riprendere una vita il più possibile autonoma e attiva, le persone colpite da lesione spinale devono compiere un lungo e faticoso percorso riabilitativo che si svolge in particolari reparti ospedalieri detti Unità Spinali. Il libro nasce dall'esperienza di lavoro entro un'Unità Spinale e, indagando l'intreccio che lega la disabilità fisica con le trasformazioni nella vita psicosociale, colma una lacuna nella letteratura su questo argomento. Scritto innanzitutto per gli psicologi e gli operatori sanitari delle Unità Spinali (medici, fisioterapisti, assistenti sociali e infermieri), il volume si rivolge anche alle persone colpite da questa disabilità e ai loro familiari, tutti coinvolti in una situazione drammatica, che obbliga a ripensare e a ridefinire la vita su nuove basi.
16,00 15,20

Inentendu (L')

Ce qui se joue dans la relation soignant-soignè

VAN MEERBEECK P. , JACQUES J.-P.

editore: De Boeck

pagine: 330

35,00 33,25

Psychology for Health Professionals

Patricia Barkway

editore: Churchill Livingstone

pagine: 320

47,00 44,65

Giovani in pronto soccorso. Il corpo nelle emergenze psicologiche

Fabio Vanni

editore: Franco Angeli

pagine: 208

Sostare al Pronto Soccorso di alcune città italiane, fermarsi al triage, in sala d'attesa, in ambulatorio, permette di osservare il mondo giovanile in una cornice particolare: approdano a questo "nuovo porto urbano" ragazzi coinvolti in incidenti, atti autolesivi, tentativi di suicidio, ragazze che portano somatizzazioni, ma anche giovani presi in piccole discontinuità evolutive, opacità relazionali, bisogni di interlocuzioni adulte recettive e feconde. Attraverso un approccio che metta al centro la complessità del soggetto che si presenta e provando ad integrare la cultura medico-sanitaria con quella psicologica, si cerca così di restituire al giovane interlocutore, e alla sua famiglia che spesso lo accompagna, il senso della sua domanda di cura. Una domanda che mette sempre in primo piano il corpo ma che richiede una lettura più complessa, che tenga conto anche dell'anima. Il libro propone dapprima una trattazione del tema da differenti prospettive disciplinari: antropologica, sistemica, psicoanalitica, e successivamente - attraverso interventi di diverse figure professionali ed esperienze d'avanguardia sul territorio nazionale - espone modelli teorici e strumenti d'intervento da utilizzare in un contesto particolare come il Pronto Soccorso.
27,50

The Collaborative Psychotherapist

Creating Reciprocal Relationships with Medical Professionals

Dorothy A. Borresen, Nancy Breen Ruddy
e altri

editore: American psychological association

pagine: 232

While it is common knowledge that physical illness affects mental wellbeing and vice versa, there has been a surprising lack of cooperation between psychotherapists and MDs in serving patients' needs. ""The Collaborative Psychotherapist"" provides step-by-step guidance on how psychotherapists can work with their medical colleagues on a routine basis.The authors interview four veteran therapists and one medical doctor who provide valuable insider knowledge of how to collaborate successfully. The volume authors also provide advice on how therapists can extend their skills to collaborate more intensively on complex cases that may involve specialists. Case studies, model letters of introduction, suggestions for follow-up communication, and checklists of medical issues to consider when evaluating patients contribute further to illustrating creative and practical ways to work with medical professionals and improve patient care.
70,00 66,50

Protocolli di intervento per le demenze. Terapie farmacologiche e cognitivo-comportamentali per fronteggiare i sintomi del deterioramento

a cura di S. Pradelli, S. Faggiani

editore: Franco Angeli

pagine: 128

II volume si compone di una prima parte che analizza i possibili interventi farmacologici specifici per ciascun livello di deterioramento cognitivo attraverso un linguaggio semplice ma particolareggiato. Segue la presentazione italiana di un programma di stimolazione cognitiva di gruppo per demenze lievi-moderate, validato in Inghilterra e attualmente oggetto di sperimentazione anche in Italia. A chiudere il manoscritto, il capitolo dedicato ad un protocollo di riattivazione cognitiva validato per soggetti con deterioramento moderato-severo. I professionisti dell'area gerontologica troveranno, quindi, protocolli di intervento per i quali è stata dimostrata l'efficacia attraverso specifica sperimentazione, tra i pochi training che in tale ambito possono vantare simile validità sperimentale.
19,50

Il male in corpo. La prospettiva somatologica nella psicoterapia della sofferenza del corpo

Riccardo Marco Scognamiglio

editore: Franco Angeli

pagine: 384

Avventurandosi nel campo della vulnerabilità somatica, il testo esplora le possibilità dello strumento psicoterapeutico di penetrare nel dialogo con le logiche del corpo sofferente, al di là dei limiti tradizionalmente imposti dalla talking cure. Rivisitando storicamente i principali nodi critici, gli interrogativi teoretici e metodologici che la sofferenza nel corpo ha da sempre posto alla psicoterapia psicosomatica, questo libro, attraverso prospettive di ricerca e una vasta casistica clinica esplora il campo di confine fra la parola e il corpo, fra il mutismo e l'agito del paziente, fra il "troppo vuoto" di rappresentazioni e il "troppo pieno". Il testo si rivolge innanzitutto a psicologi e psicoterapeuti del campo psicosomatico e della Psicologia della salute; inoltre, per il continuo riferimento alla pratica clinica e i frequenti schemi procedurali, risulta una fondamentale guida per gli studenti in formazione.
39,00

Psicologia e salute. Introduzione alla psicologia clinica in ambito sanitario

Chiara A. Ripamonti, Carlo Alfredo Clerici

editore: Il Mulino

pagine: 240

La realtà sanitaria, in particolare quella ospedaliera, è estremamente complessa nelle sue molteplici declinazioni, che riguardano dimensioni di tipo organizzativo-gestionale, clinicomediche e psicologiche. La psicologia clinica offre al riguardo una prospettiva privilegiata di analisi, in quanto permette di cogliere gli aspetti emotivi ed affettivi che regolano i comportamenti, le dinamiche relazionali, le aspettative e gli obiettivi di chi si trova ad affrontare le problematiche inerenti la salute, sia che si tratti di un operatore sanitario (per esempio medico e infermiere) sia di un paziente o di un suo famigliare. Questo volume offre una prospettiva teorica aggiornata sui temi più significativi riguardo al rapporto tra salute e malattia: dalle problematiche della gestione clinica del paziente, agli interventi multidisciplinari, agli aspetti emotivi e relazionali dei pazienti rispetto alla malattia e alla morte nelle diverse fasi della vita e gli strumenti che essi hanno per affrontarli. Un testo per gli studenti delle lauree triennali e specialistiche, sia che si tratti di quelle mediche, infermieristiche e psicologiche, ma anche agli operatori socio-sanitari come medici, infermieri e assistenti sociali.
22,00 20,90

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.