Libri Pubblicati da EDIFIR | Sconti | P. 7
In omaggio il libro "L'evoluzione a fumetti" se spendi più di 50 €

EDIFIR

Paleroyal Odessa. Analisi per la pianificazione e la documentazione dell'immagine urbana. Ediz. italiana e russa

Sandro Parrinello, Nadia Yeksareva

editore: EDIFIR

pagine: 228

Odessa è la città dello scambio, una porta dell'Europa verso l'oriente dove i sapori del Mar Nero e i colori del Caucaso si uniscono al linguaggio delle architetture europee di città come Firenze, Venezia o Parigi. Questo libro, che tratta il disegno della città storica, racconta un'esperienza didattica e di ricerca sullo studio dei caratteri urbani del centro storico di Odessa e del quartiere del Teatro dell'Opera.
14,00 13,30

Raffaello, «la Muta». Indagini e restauro

a cura di M. Ciatti, M. R. Valazzi

editore: EDIFIR

pagine: 119

Il 43esimo volume della collana "Problemi di conservazione e restauro" che l'O.P.D. conduce insieme alla casa editrice Edifir-Edizioni Firenze presenta l'intervento di conservazione e restauro della così detta "Muta" di Raffaello della Galleria Nazionale di Urbino. Le osservazioni compiute dai restauratori insieme ai risultati delle indagini diagnostiche, realizzate secondo la consueta procedura del Settore di restauro dei Dipinti mobili (e cioè la seguente obbligatoria e ragionata progressione: indagini non invasive di area; indagini non invasive puntuali; indagini invasive non distruttive; indagini invasive distruttive) hanno evidenziato alcune caratteristiche del momento dell'esecuzione e qualche problema conservativo, affrontato e risolto col restauro. Indagini e restauro sono serviti anche per chiarire la dubbia paternità raffaellesca ed il fatto che si tratta sicuramente del ritratto di una persona reale, dato che l'underdrawing impiegato è quello che Raffaello usa in queste occasioni.
24,00 22,80

Guglielmo Galli. Venti anni di restauro delle sculture a Firenze (1967-1987)

Daniela Mignani Galli

editore: EDIFIR

pagine: 164

L'interesse per una più approfondita conoscenza degli eventi legati alla Conservazione e al Restauro avvenuti nel passato e per una riflessione sui suoi fondamenti teorici attuali, sta progressivamente crescendo; questo grazie alla consapevolezza di dover fondare gli studi e l'attività di restauro su basi storiche e teoriche più solide. La collana vuole rivolgersi agli addetti ai lavori e al mondo delle Università, fornendo sia una adeguata sede dove sviluppare la ricerca e il dibattito, sia la possibilità di reperire importanti materiali di studio. La collana è articolata su due serie: gli studi, destinati a presentare ricerche e studi in forma monografica o antologica e i documenti in cui verranno pubblicati o ri-pubblicati importanti materiali di studio.
18,00 17,10

Con le rovine. La musealizzazione contemporanea del sito archeologico

Fabio Fabbrizzi

editore: EDIFIR

pagine: 199

II progetto di musealizzazione del sito archeologico non è solo un progetto di opere che sono a servizio dell'archeologia, ma una reciprocità tra le rovine, la nuova architettura e il luogo che le ospita. Per far questo, non basta che il progetto sia in grado di declinarsi al meglio alle caratteristiche della rovina archeologica, a che diventi frammento assonante tra i molti frammenti presenti, ma che diventi un itinerario compositivo capace di "mettere a sistema" tutto il patrimonio di figure, latenze, memorie, dati ed esperienze che strutturano la dimensione odierna dell'archeologia. Per questo, di fronte alla presenza della rovina, l'autobiografia dell'architetto dovrebbe stemperarsi nell'ascolto delle infinite voci che compongono la totalità del luogo del quale la rovina ne è un suo frutto e con essa iniziare un dialogo di inserimento, in modo che il progetto contemporaneo, sia solo un processo di disvelamento di sensi già presenti nel contesto e in attesa soltanto di essere ritrovati.
18,00 17,10

La certosa di Calci nella grande guerra. Riuso e tutela tra Pisa e l'Italia

a cura di A. Gioli

editore: EDIFIR

pagine: 240

Il libro ricostruisce fasi, modalità e problematiche dell'utilizzo della Certosa di Calci, già dichiarata "monumentale" e aperta alle visite del pubblico, come caserma (1915), Ospedale di riserva (1916) e Ospedale per prigionieri di guerra dell'esercito austro-ungarico (1917-1919), e le sue conseguenze sulla conservazione e musealizzazione del complesso. Infine, l'oggi della Certosa di Calci: storia e attività del Museo di Storia Naturale dell'Università di Pisa, erede della Galleria del Giardino dei Semplici di fine Cinquecento, e del Museo Nazionale della Certosa di Calci, che comprende gli ambienti più significativi del complesso.
20,00 19,00

Giovanni Michelucci. Lo spazio che accoglie

Fabio Fabbrizzi

editore: EDIFIR

pagine: 139

Il volume raccoglie gli scritti dell'autore su varie tematiche percorse da Giovanni Michelucci nella sua lunga ricerca progettuale. Il tema dell'accoglienza, vero nucleo teorico e operativo attorno al quale ruota tutta la sua opera, si esprime attraverso le diverse declinazioni della cosiddetta "variabilità", ovvero quel particolare modo di pensare la forma architettonica partendo non da una visione aprioristica ma dalle infinite e mutevoli relazioni che concorrono a formarla. Da qui si snoda un itinerario critico che affronta visioni, opere e progetti sotto questa medesima chiave di lettura. Il volume è corredato degli schizzi del Maestro toscano, coservati presso la Fondazionie Michelucci di Fiesiole.
22,00 20,90

La «Tavola Doria». Tra storia e mito

a cura di M. Ciatti, C. Acidini

editore: EDIFIR

pagine: 123

Nel volume sono raccolti i contributi della giornata di studio "La Tavola Doria tra storia e mito", tenutasi il 22 maggio 2014, organizzata dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e l'Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di restauro. La Tavola Doria recentemente acquisita dallo Stato italiano e la cui attribuzione è oggetto di discussione da parte degli studiosi è stata in passato attribuita alla mano di Leonardo, che avrebbe così compiuto una sorta di prova della sua opera; ma si tende oggi a considerarla una derivazione dall'originale leonardesco, eseguita da un artista fiorentino che resta per il momento ignoto. Nel volume saranno presentati i risultati degli studi scientifici compiuti e dell'intervento di conservazione che si è reso necessario sul dipinto, così come sarà illustrato il progetto espositivo realizzato. Seguiranno contributi per un confronto sull'interpretazione del significato storico-artistico del problematico dipinto.
20,00 19,00

Architettura del paesaggio. Rivista semestrale dell'AIAPP Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio

editore: EDIFIR

pagine: 104

Questo numero della rivista presenta gli interventi di: Franco Zagari, Giovanna Marinoni, Antonio Perazzi, Serena Savelli, Anna Lambertini.
16,00 15,20

La basilica della Santissima Annunziata

a cura di C. Sisi

editore: EDIFIR

pagine: 278

Si concludono, con questo secondo volume dedicato alla storia dal Seicento all'Ottocento, le pubblicazioni sulla basilica della Santissima Annunziata, che con dovizia di immagini - frutto della campagna fotografica originale di Antonio Quattrone - e dettagliati studi scientifici - affidati a studiosi di grande prestigio scientifico in grado di approfondire tutti i campi di indagine offerti da un organismo architettonico fra i più vasti e "interdisciplinari" di Firenze -, consentono di conoscere con chiarezza la maestosa sacralità di un complesso di edifici caro a tutti i fiorentinii, testimone e protagonista da secoli della storia religiosa e civile della città. Saggi di: Paolo Bertoncini Sabatini, Alessandro Garssi, Dora Liscia Bemporad, Laura Lombardi, Riccardo Spinelli.
77,00 73,15

La basilicale di Santa Maria Maggiore di Lomello. L'architettura e il ciclo decorativo in stucco. Ricerche, restauro e valorizzazione

a cura di P. M. De Marchi, M. Palazzo

editore: EDIFIR

pagine: 283

"Questo volume raccoglie i risultati dell'importante lavoro svolto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con la Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia e le Soprintendenze di settore, sul complesso della Basilica di Santa Maria Maggiore di Lomello vicino Pavia e sul prezioso, pur se frammentario, ciclo decorativo in stucco altomedievale. La Direzione Regionale della Lombardia ha progettato, diretto e realizzato tra il 2005 e il 2014 l'attività di studio e restauro del corpus degli stucchi nonché il recupero e l'allestimento degli spazi della canonica annessa alla basilica per la loro conservazione e valorizzazione dopo il restauro. Tutta l'attività, compreso il rifacimento della copertura della basilica e i lavori architettonici per l'allestimento del museo, è stata realizzata con fondi del Ministero, che ha stanziato più di e 270.000. L'attività svolta rappresenta un esemplare percorso virtuoso che dal recupero dei lacerti in una situazione di semi abbandono che ne ostacolava la fruizione e li metteva a serio rischio di perdita, attraverso lo studio e gli interventi conservativi, è arrivato fino alla realizzazione di uno spazio espositivo all'interno del complesso e alla pubblicazione di tutti i dati scientifici acquisiti. Si è voluto compiere un intervento 'globale', non frammentato e parziale, ma tale da svolgere l'intero ciclo..." (Dalla presentazione di Caterina Bon Valsassina)
26,00 24,70

Tredici complessi monastici. 1953-2013

a cura di C. Bergo, C. Fiordimela

editore: EDIFIR

pagine: 140

"Sono arrivato qui. Ho preso il mio carnet da disegno, come d'abitudine. Ho disegnato la strada, gli orizzonti, ho inserito l'orientamento del sole, ho 'fiutato' la topografia. Ho deciso la posizione". Con queste parole Le Corbusier tratteggia il preludio al suo progetto per il Couvent de la Tourette a Eveux sur l'Arbresle, avviato nel 1952 da Couturier, padre dell'Ordine dei Dominicani. In quel decennio germinano anche i progetti per l'abbazia statunitense di St. John's a Collegeville, disegnata da Marcel Breur e per il Convento per le Carmelitane Scalze a Bonmoschetto, composto da Gio Ponti. Il 1968 sancisce il completamento dell'abbazia Saint Benedictusberg, a Mamelis Vaals, icona della teoria "spatial number" messa a punto da Dom Hans Van Der Laan, a cui si interessa anche Louis Kahn per gli studi del Dominican Sister's Motherhouse in Pennsylvania. Con il nuovo millennio il complesso monastico si rivela per molti progettisti ambito privilegiato di ricerca e occasione per esplorare nuove forme di connessione tra l'interiorità della meditazione, gli spazi per la relazione, l'architettura e il paesaggio. I monasteri progettati da John Pawson, Pierre Thibault, Durisch+Nolli, Jensen&Skodvin, Renzo Piano, Edoardo Milesi, preceduti da quelli ideati da Franco Antonelli, Gabetti&lsola e dai Maestri del secolo scorso, sono riuniti in questa antologia costruita con gli studenti del Laboratorio di progettazione del primo anno della Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano.
16,00 15,20

Firenze. Dalla colonna dell'Abbondanza alla porta di San Gallo. Percorsi di architettura

Ulisse Tramonti

editore: EDIFIR

pagine: 117

Senza imporre alternative di valore e di incidenza a itinerari universalmente noti, si suggerisce un nuovo tipo di percorso che ci accompagni in una lettura dei fenomeni aggregativi di alcune tipologie urbane, come la strada, il borgo e la piazza o di complessi edilizi, come palazzi, conventi, monasteri, ospedali, che hanno determinato la definizione spaziale e formale della città, nonché alla necessaria segnalazione di episodi che hanno incontrato minore attenzione e fortuna critica. Un percorso cadenzato dalle piazze, dagli incroci viari e dai relativi canti, vera rete geografica urbana, e che non è separabile dal movimento della sua gente, dalle sue botteghe artigianali, dai Caffè e dai negozi di eccellenza di via Roma, attraverso borgo San Lorenzo, la piazza San Lorenzo, fino alla via de' Ginori, che alterna l'incanto delle sue "case da Signore" ai fondi commerciali, per proseguire poi sulla via San Gallo fino all'omonima porta. Questo percorso fa parte di un progetto più ampio, teso a far conoscere i due assi storici, cardo e decumano massimi, fondamentali per la definizione della strutturazione urbana di Firenze: la ricchezza e la complessità dei tanti episodi architettonici che vi si incontrano, hanno determinato la necessaria suddivisione dei percorsi, che partendo tutti dalla Colonna dell'Abbondanza, monumentalizzazione dell'incrocio dei due assi, si diramano a Nord verso Porta San Gallo, a Sud verso Porta Romana per il cardo massimo, a Est verso Porta la Croce...
22,00 20,90

Le «pitture notabili» di Andrea Pasta. Osservazioni sulla conservazione ed il restauro a Bergamo nel Settecento

Luca Fiorentino

editore: EDIFIR

pagine: 248

Il volume è uno studio critico dedicato alle tematiche inerenti la conservazione ed il restauro che si trovano nella prima guida periegetica di Bergamo, edita nel 1775, redatta da un suo concittadino: il medico Andrea Pasta. L'analisi critica viene condotta confrontando le annotazioni del Pasta, inserite all'interno di tutto il testo, con quelle di altri "intendenti" a lui contemporanei (quali ad esempio Giacomo Carrara, Francesco Maria Tassi, Anton Maria Zanetti, Francesco Algarotti e Luigi Crespi). Vengono inoltre raggruppati per temi e commentati i differenti approcci agli interventi di restauro o di conservazione preventiva che il Pasta intendeva sottolineare con i suoi personali giudizi. Il libro si presenta con un apparato storico-critico introduttivo seguito dalla riproduzione anastatica de "Le pitture notabili di Bergamo che sono esposte alla vista del pubblico raccolte da Andrea Pasta, con alcuni avvertimenti intorno alla conservazione, e all'amorosa cura de' Quadri". In questo modo si pensa di rendere giustizia ad un testo davvero ricco di dati, di riferimenti, di pensieri teorici e pratici (anche contrastanti con quelli del Carrara), in alcuni casi si potrebbero dire scientifici, che, sviluppati ben prima del grande laboratorio di restauro veneziano di Pietro Edwards, ci inducono a riflettere sulla grande tradizione italiana dedita alla conservazione.
24,00 22,80

Piano di ricostruzione di Castelnuovo (AQ). Una esperienza di conoscenza, pianificazione e programmazione

editore: EDIFIR

pagine: 252

La pubblicazione raccoglie i risultati della ricerca oggetto di "Convenzione per la realizzazione delle attività relative alla ricostruzione post sima del 6 aprile 2009" fra il Comune di San Pio delle Camere (AQ) e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICeA) in collaborazione con il Dipartimento di Architettura (DIDA) dell'Università degli Studi di Firenze, finalizzata alia attività di supporto ai R.U.P. per la redazione del Piano di Ricostruzione di Castelnuovo dopo il sisma del 6 aprile 2009.
30,00 28,50

The players. Magazine. Fashion style, contemporary art, design, travel, lifestyle

editore: EDIFIR

pagine: 84

Il nuovo magazine della casa editrice che da anni collabora con Pitti Immagine Uomo
5,00 4,75

Il paesaggio nell'opera di Giuseppe Poggi per Firenze capitale

Flavia Tiberi

editore: EDIFIR

pagine: 205

Il volume analizza in maniera completa e dettagliata il piano di Giuseppe Poggi per Firenze capitale, anche con l'intento di evidenziare l'influenza che esso ha avuto nella conformazione del paesaggio urbano e dei suoi caratteri identitari. La trattazione dei temi di natura paesaggistica ed urbanistica è accompagnata da una sezione finale dedicata all'analisi dello stato conservativo degli arredi e dell'apparato vegetale progettati da Poggi per i viali urbani e per i giardini. La complessità dell'opera poggiana risulta essere ancora un tema di grande attualità scientifica ed assume particolare rilevanza alla luce delle imminenti celebrazioni per l'anniversario di Firenze capitale.
30,00 28,50
20,00 19,00
16,00 15,20

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento