EMDR e riparazione transgenerazionale. Dopo il suicidio di un figlio - Chiara Gatti | Consegna Gratis
Vai al contenuto della pagina
Consegna gratis sugli ordini superiori a 29 €

EMDR e riparazione transgenerazionale. Dopo il suicidio di un figlio

Titolo EMDR e riparazione transgenerazionale. Dopo il suicidio di un figlio
Autore
argomenti
Editore Edizioni Libreria Cortina Milano
Formato
libro Libro
Pagine 314
Pubblicazione 2023
ISBN 9788870432282
Carte Cultura Carta del docente Acquistabile con Carte culturaCarta del docente
 
25,00 23,75 (-5%)
 
Disponibilità immediata
Spese di spedizione gratis sopra i 29,00 €
Com'è possibile sopravvivere al suicidio di un figlio? Quali sono le competenze cliniche necessarie per affrontare l'emergenza e permettere ai sopravvissuti di riprendere a vivere? Quali dinamiche legano il suicida ai nodi traumatici transgenerazionali non elaborati? L'autrice risponde a questi interrogativi tentando di fare luce sui motivi che hanno portato un ragazzo a porre fine alla propria esistenza, attraverso l'approfondimento di relazioni familiari complesse e lo svelamento di segreti e traumi irrisolti.
Il modello di comprensione e d'intervento proposto si basa sulle teorie dell'attaccamento e della dissociazione strutturale post-traumatica, tenendo conto dei più recenti sviluppi nel campo dell'epigenetica e prevedendo il ricorso all'EMDR, psicoterapia mirata alla rielaborazione degli eventi avversi sottostanti ai disturbi emotivi. Attraverso il concetto di teratoma psichico, Chiara Gatti formula l'ipotesi che possano esistere "parti dissociate" depositarie di memorie traumatiche transgenerazionali. L'approccio presentato si presta a essere utilizzato con molte altre tipologie di pazienti, consentendo, oltre all'inquadramento del sintomo in una prospettiva transgenerazionale, di predisporre interventi clinici mirati e incisivi.
 

Biografia dell'autore

Chiara Gatti, psicologa e psicoterapeuta, è supervisore e facilitator EMDR Europe. È responsabile del Centro di psicoterapia EMDR Monteverde di Roma. Ha lavorato in ambito neuropsicologico presso l'Ospedale San Camillo di Roma e ha collaborato con la direzione sanitaria dell'ARES 118 del Lazio, occupandosi del disagio psicologico degli operatori e dell'attività formativa. Da sempre interessata ai correlati somatici e neurobiologici del trauma, si dedica allo studio delle modalità di trasmissione del trauma attraverso le generazioni mettendo a punto specifici modelli di trattamento.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Photo gallery principale