Le spese di spedizione sono gratis per ordini superiori a 39 €

Ecomafia 2011. Le storie e i numeri della criminalità ambientale

Ecomafia 2011. Le storie e i numeri della criminalità ambientale
titolo Ecomafia 2011. Le storie e i numeri della criminalità ambientale
curatori ,
argomento Scienza e Tecnica Ambiente Gestione del territorio e risorse naturali
collana Annuari
editore Edizioni Ambiente
formato Libro
pagine 426
pubblicazione 2011
ISBN 9788866270041
 
24,00 22,80 (-5%)
 
Disponibile normalmente in 1/2 giorni
Anche nel 2010 gli ecomafiosi hanno sversato tonnellate di veleni in terreni un tempo fertili o nei cantieri di quelli che avrebbero potuto essere quartieri modello, e che si sono trasformati in incubi per chi li abita. Quando non è possibile seppellirli, gli si dà fuoco, magari usando come base per la pira pneumatici smaltiti illegalmente: nella "Terra dei fuochi" in Campania non si arretra nemmeno di fronte alle nuvole di diossina. L'edizione 2011 del rapporto Ecomafia conferma come la seconda area di business per le ecomafie sia il cemento. E poco importa se dopo un temporale interi quartieri vengono sommersi da colate di fango: l'importante è costruire e guadagnare in fretta, risparmiando anche sulla qualità del cemento e sulla sicurezza degli operai. L'attività degli ecomafiosi è sempre più proiettata su una dimensione globale, con Cina e Africa in cima alla lista dei paesi in cui vengono smaltiti rifiuti di ogni tipo, con una preferenza per quelli tecnologici. Si è estesa anche al comparto delle energie da fonti rinnovabili, dimostrando che le organizzazioni criminali esercitano un controllo capillare sul territorio, e non si lasciano sfuggire nessuna occasione di guadagno. Sta di fatto che le ecomafie italiane non conoscono crisi, e i loro guadagni crescono di anno in anno, spaziando con disinvoltura, oltre che nei rifiuti, nel ciclo del cemento, nel racket degli animali, nei beni archeologici, negli incendi. Introduzione di Pietro Grasso.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.