18app attiva! I nati nel 2001 potranno iscriversi e ricevere 500 euro da spendere in buoni Scopri di più

Politiche sanitarie

Il personale nelle RSA e nelle strutture per anziani. Organizzare e gestire il lavoro sociale

Franco Iurlaro

editore: Maggioli Editore

pagine: 258

I livelli di integrazione fra settore sanitario, sociale e socio-sanitario, sono carenti nel nostro Paese
26,00 24,70

La sanità futura. Come cambieranno gli utenti, le istituzioni, i servizi e le tecnologie

Francesco Longo, Mario Del Vecchio
e altri

editore: Università Bocconi

pagine: 297

Come saranno i sistemi sanitari tra dieci o vent'anni, alla luce delle dinamiche e delle trasformazioni in corso sul piano finanziario, istituzionale, organizzativo, tecnologico, epidemiologico e la conseguente evoluzione della medicina e dei modelli di consumo dei pazienti? In questo volume si analizzano e si discutono i possibili "futuri", utilizzando la tecnica degli scenari, che per ogni variabile rilevante indica le possibili traiettorie evolutive e ne delinea i principali impatti. Gli scenari sono costruiti cercando di cogliere i "segnali" presenti nel sistema, i pareri di opinion leader del settore, i trend di alcune variabili rilevanti e il dibattito nella letteratura internazionale, oltre a quelle che potrebbero essere le principali aree di discontinuità. Per ogni scenario sono discusse le possibili implicazioni strategiche per gli attori del sistema: le aziende pubbliche e private del Servizio Sanitario Nazionale, le imprese farmaceutiche e tecnologiche e gli erogatori di servizi di supporto.
29,00 27,55

Le sfide della sanità americana. La riforma di Obama. Le innovazioni di Kaiser Permanente

Gavino Maciocco, Piero Salvadori
e altri

editore: Il Pensiero Scientifico

pagine: 170

Il libro cerca di offrire ai lettori la descrizione chiara e sintetica delle principali caratteristiche del sistema sanitario americano, proponendo la cornice storico-politica della sua evoluzione e dando conto dell'importante svolta che la riforma rappresenta. Da segnalare anche l'attenzione che il volume dedica ad un'organizzazione sanitaria unica nel panorama della sanità americana, poco nota in Italia anche se attiva ormai da più di 50 anni: Kaiser Permanente, un modello da conoscere e studiare, che interesserà tutti coloro che ricercano le soluzioni migliori per rendere l'assistenza sanitaria più funzionale, più efficace, più "centrata" sul paziente.
14,00

Bilancio di missione

a cura di M. Biocca

editore: Il Pensiero Scientifico

pagine: 282

Render conto del perseguimento degli obiettivi di salute assegnati alle Aziende sanitarie, andando oltre la "semplice" contabilità dei risultati finanziari, è l'esigenza cui si propone di rispondere uno strumento come il Bilancio di missione. Il libro raccoglie le esperienze e le riflessioni dei dirigenti e operatori che hanno avviato la sperimentazione dei Bilanci di missione in Emilia-Romagna tra il 2004 e il 2008, insieme ai commenti dei destinatari e utilizzatori nelle Aziende sanitarie. Un testo che si rivolge, quindi, non solo a coloro che producono (o vorrebbero produrre) questo genere di strumenti, ma anche a coloro che li ricevono (o li dovrebbero ricevere) e li utilizzano, come amministratori, componenti di associazioni sociali e politiche, dirigenti sanitari; uno strumento importante anche per docenti e studenti nel campo della programmazione e della gestione delle politiche, soprattutto di quelle sanitarie, e della comunicazione istituzionale.
28,00

Metodi e strumenti per la formazione nelle aziende sanitarie

editore: McGraw-Hill Education

Questo testo è indirizzato a tutti i formatori, a coloro che frequentano il master in tutoraggio, il corso di laurea magistrale in scienze infermieristiche e a tutti coloro che lavorano nei centri per la formazione delle aziende sanitarie pubbliche o private. Il testo introduce gli elementi essenziali della formazione continua agli adulti, nello specifico, la formazione in ambito sanitario, e offre a coloro che devono progettare la formazione nelle aziende ospedaliere o sanitarie locali alcuni preziosi strumenti già testati e comunemente impiegati dalla stessa Agenzia per la Formazione - Azienda USL.
23,00 21,85

La riforma Brunetta

Luca Benci

editore: McGraw-Hill Education

Quest'opera affronta le ricadute della riforma Brunetta all'interno di uno dei settori coinvolti, la sanità pubblica, con una disamina delle norme applicabili e della loro integrazione con leggi e contratti, esistenti e precedenti, e illustrando la parte demandata ai recepimenti regionali. Tre sono le impressioni emergenti: la prima è relativa alla eccessiva centralizzazione delle disposizioni, la seconda è che sembra essere arrivata la fine del periodo di relazioni sindacali basate sulla "concertazione", per lo meno nel settore pubblico. La terza è invece basata sulla continua taratura che la normativa opera, più che sul pubblico impiego generale, sul comparto dei ministeri. Si ha, infatti, la sensazione che la riforma sia stata fatta avendo a mente proprio i ministeriali. Per tale motivo la sua lettura e la sua interpretazione, se calata in un contesto molto diverso, come quello della sanità aziendalizzata, non sempre risulta agevole. Dopo anni di "privatizzazioni" del rapporto di lavoro sembra comunque essersi aperta la strada, con i dovuti distinguo, verso una nuova "ripubblicizzazione" del pubblico impiego.
22,00 20,90

Medicina e sanità: snodi cruciali

Ivan Cavicchi

editore: Dedalo

pagine: 385

Nonostante alcune regioni siano state razionalizzate, gestite, riorganizzate, sussistono storiche arretratezze: il sistema medico-sanitario, nel suo complesso, non è ancora riuscito a ripensare i suoi modelli tradizionali di tutela in sintonia con i tanti cambiamenti culturali introdotti dalla postmodernità, in particolare quelli propri a una nuova domanda umanitaria di cura. Da questa scollatura profonda prendono forma i problemi più delicati quali il contenzioso legale, la medicina difensivistica, la delegittimazione dei medici, i conflitti tra professioni, il ricorso esagerato alle procedure, la sfiducia nella medicina pubblica, la diffidenza nei confronti dell'ospedale, l'ampliarsi delle medicine non convenzionali. Il volume indaga sulle difficoltà che la medicina e la sanità incontrano nel loro rinnovamento e ripensamento. Ormai è chiaro che i vecchi modelli di assistenza, che sono a un tempo modelli di servizi e di professioni, producono elevati costi umani a carico delle persone e maggiori costi economici a carico del sistema. Oggi "conviene" a tutti un pensiero per un cambiamento culturale e organizzativo anche profondo.
18,00

La valutazione delle performance individuali nelle aziende sanitarie

Andrea Vettori, David Vannozzi

editore: Franco Angeli

pagine: 144

Alla luce della legge 15/2009 e del D.Lgs 150/2009 (così detta Riforma Brunetta) il testo vuole essere innanzitutto una guida pratica di facile consultazione per la creazione, step by step, di un modello di valutazione delle performance individuali per le aziende sanitarie che ancora non posseggono tale sistema; in secondo luogo, vuole essere anche una conferma ed un rafforzamento per le aziende sanitarie che, invece, hanno già in uso un sistema similare. I due autori - che hanno maturato la loro esperienza l'uno come consulente e formatore nell'area dell'organizzazione e dello sviluppo delle risorse umane nelle aziende sanitarie e l'altro come direttore amministrativo di un'azienda sanitaria locale - hanno sviluppato una particolare capacità di comprensione delle aziende sanitarie e delle competenze specifiche nell'area delle risorse umane, grazie alle situazioni e alle problematiche che hanno vissuto e alle opportunità che quotidianamente hanno visto delinearsi. Per le sue caratteristiche, il testo si rivolge quindi a tutti coloro che, nelle Asl in particolare e più in generale in tutto il settore della sanità, occupano funzioni dirigenziali, direttive e di supervisione e intendono comprendere come concretamente si articola e cosa, dunque, occorre fare per implementare un sistema di valutazione della performance individuale.
18,00

L'affare rischio clinico. Trasferimento assicurativo e gestione diretta

editore: Franco Angeli

pagine: 384

Frutto del confronto tra medici dirigenti, specialisti nelle varie branche delle medicina, medici legali sia universitari che delle aziende ospedaliere che delle aziende unità sanitarie locali e rappresentanti del mercato assicurativo, broker ed economisti sanitari, questo volume cerca di superare la situazione di insoddisfazione di tutte le parti interessate, revisionando i criteri e i metodi di valutazione del rischio clinico e di calcolo dei premi, dei massimali e delle eventuali franchigie che siano più rispondenti alla specificità dei rischi delle strutture. Il volume è strutturato in due parti. La prima è dedicata al mercato assicurativo che interessa le strutture sanitarie, sviluppa l'analisi dei sinistri e del contenzioso, valuta l'offerta presente sul mercato per le strutture pubbliche e private, passa in rassegna critica le strategie e le esperienze sanitarie più avanzate basate sulla combinazione di trasferimento, ritenzione e finanziamento del rischio (Fondi speciali del rischio, captive assicurative). Seguono proposte di strumenti e di sistemi di clinical risk manager, valutando in termini di costo/efficacia da una parte i risparmi dovuti alle attività di ritenzione e riduzione dei rischi e dei costi assicurativi e dall'altra i costi e i benefici sorgenti dalla gestione diretta del rischio. La seconda parte riguarda la responsabilità professionale medica, vista sia in rapporto alla polizza RCT aziendale sia rispetto alle dinamiche del mercato assicurativo.
46,50

Ospedali e salute. Settimo rapporto annuale 2009

a cura di Ermeneia

editore: Franco Angeli

pagine: 336

Il Rapporto "Ospedali & Salute - 2009" inaugura il suo secondo quinquennio di presidio della realtà ospedaliera italiana. Si è deciso di creare un appuntamento - che mancava - di riflessione e di proposta su una realtà importante come è quella dei servizi ospedalieri. Ad essa fa capo non solo più della metà della spesa pubblica per la salute, ma soprattutto una vera e propria "esperienza sociale", visto che ogni anno circa 12 milioni di persone entrano nelle strutture ospedaliere pubbliche, private accreditate o private tout-court per effettuare visite, analisi, interventi o per intraprendere cure a vario titolo. A questo si aggiunga che nel settore prestano la loro opera poco meno di 650 mila addetti che a vario titolo si occupano dei pazienti ed interagiscono con le rispettive famiglie. Lo scopo del Rapporto è quello di interpretare con continuità una realtà complessa e in costante evoluzione, mettendo le analisi e le riflessioni al servizio degli operatori, dei decisori e della pubblica opinione.
22,00

Spunti per una sanità migliore

Girolamo Sirchia

editore: Piccin-Nuova Libraria

25,00 23,75

La formazione alla prevenzione. Rapporto prevenzione 2010

editore: Il Mulino

pagine: 522

La legge 833 del 1978, istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale, riaffermando la previsione costituzionale secondo cui "la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività", dichiara che il SSN è destinato, con i suoi servizi, strutture e attività, "alla promozione, al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione". La prevenzione, dunque, in primo piano. E "promuovere comportamenti e stili di vita per la salute" è primario e costante obiettivo dei Piani sanitari nazionali. Eppure, ancora oggi non si riesce a spendere per la prevenzione la quota del 5% del fondo sanitario, prevista per legge. Di fronte a tale situazione, la Fondazione Smith Kline, nell'ambito delle proprie attività istituzionali in tema di medicina preventiva, ha deciso di intraprendere studi e interventi tesi a identificare le cause che impediscono al SSN di sviluppare pienamente il passaggio dal modello malattia al modello salute, ossia da una scala di sopravvivenza ad una scala di promozione. Nasce così il Rapporto Prevenzione, articolato in due parti: la prima, dedicata alla costituzione di un Osservatorio nazionale della attività regionali di prevenzione, che si propone di acquisire e diffondere informazioni e best practices attraverso un metodo di raccolta ed analisi dei dati standardizzata; la seconda, dedicata ogni anno ad un approfondimento tematico: per il 2010, "la formazione per la prevenzione".
42,00

I rischi in sanità. Un nuovo fenomeno sociale

a cura di T. Pipan

editore: Franco Angeli

pagine: 272

A seguito di un vertiginoso incremento delle denunce dei pazienti sottoposti all'errore medico si è da tempo verificata una crisi della logica assicurativa che ha portato le aziende sanitarie a ideare nuove strategie per prevenire i rischi negli ambiti tradizionalmente soggetti a questo fenomeno. In accordo con l'idea di fondo che nella società del rischio che non sono più i singoli individui ad essere attori centrali per la gestione dei rischi. Il libro si pone due semplici domande. Da un lato ci si interroga sulla gestione e la prevenzione dei rischi da parte delle organizzazioni sanitarie che vi fanno fronte quotidianamente. Allineare materiali eterogenei quali formazione, risk management, un nuovo linguaggio e nuovi artefatti sono le strategie elaborate per controllare gli errori medici. Questi 'alleati' come li chiamano i sociologi della scienza e tecnologia diventano prodotti più o meno durevoli nella strategia di network di cui fanno parte. Dall'altro ci si interroga su come si difendono i cittadini. Il libro pone inoltre una questione metodologica e sostiene che i rischi vadano studiati nel loro contesto per evitare le semplificazioni della razionalità economica o dei modelli psicologici.
31,00

Analisi del sistema di finanziamento della ricerca sanitaria in Italia

Fabrizio Tediosi, Amelia Compagni

editore: Franco Angeli

pagine: 112

I modelli di finanziamento e di valutazione sono fondamentali per lo sviluppo di una ricerca sanitaria avanzata, efficiente e rispondente ai bisogni reali dei sistemi sanitari moderni. Questo studio analizza il sistema di finanziamento e di valutazione della ricerca sanitaria in Italia, esplorando in particolare i modelli adottati dal Ministero della salute e il finanziamento della ricerca svolta da strutture sanitarie quali gli IRCCS. L'analisi, inoltre, confronta l'Italia con altri tre paesi, Inghilterra, Germania e Francia, che pur nelle diversità mostrano come i sistemi di finanziamento e valutazione della ricerca sanitaria siano attualmente prioritari nelle politiche pubbliche, nonché soggetti a continue revisioni e aggiustamenti.
13,50

La sanità della Lombardia. Il sistema sanitario e l'attività ospedaliera nel periodo 2003-2008

a cura di G. Pelissero

editore: Franco Angeli

pagine: 128

Nella trentennale e travagliata storia del Servizio sanitario nazionale (Ssn) italiano, nato con la Legge 23 dicembre 1978 n. 833 nel tentativo di applicare al nostro paese il modello di welfare sanitario britannico nato come "modello Beveridge", la Lombardia ha introdotto con la Legge Regionale 11 Luglio 1997 n. 31 una innovazione per molti aspetti radicale. Integrando i principi generali di universalità e solidarietà posti alla base del Ssn con quelli di sussidiarietà e libertà di scelta, infatti, la riforma sanitaria lombarda ha espresso una nuova visione dei rapporti fra Sistema sanitario e cittadino-utente e dei rapporti fra il livello di governo (Stato/Regione) e la rete degli operatori (Asl e Aziende ospedaliere di diritto pubblico e di diritto privato).Questa nuova concezione, che fra l'altro affronta per la prima volta il problema del conflitto di interessi introdotto nella sanità italiana con la L. 833/78 e presente in tutte le altre Regioni, porta la Lombardia a promuovere un modello di sanità aperto e pluralistico, nel quale il centralismo programmatorio tipico dei modelli di tipo Beveridge viene superato, o almeno grandemente attenuato, dall'introduzione di strumenti che conferiscono, almeno in parte, un maggiore potere al cittadino/paziente, limitando così la discrezionalità politica e il peso delle burocrazie e dell'organizzazione.
13,50

La progettazione teraupeutica nelle strutture socio-sanitarie. Dalla valutazione multi dimensionale al PAI (Piano Assistenziale Individuale)

Monica Zanolla

editore: Maggioli Editore

pagine: 130

Oggi, grazie all'apporto dato dalla ricerca e dal superamento dei paradigmi della salute basati sulla razionalità scientifica
16,00 15,20

Rapporto sanità 2009. Complessità del governo aziendale per la promozione della salute

a cura di F. Vanara, N. Falcitelli

editore: Il Mulino

pagine: 285

"Una delle conquiste più significative della cultura che caratterizza le aziende sanitarie è stato il riconoscimento teorico,
22,30

Il maestro e le margherite. La qualità dell'assistenza sanitaria secondo Avedis Donabedian

Avedis Donabedian

editore: Il Pensiero Scientifico

pagine: 202

Il Maestro è Avedis Donabedian
32,00

Qualità in biotech e pharma. Gestione manageriale dei processi dalla ricerca ai suoi prodotti

Antonella Lanati

editore: Springer Verlag

pagine: 212

Lo scopo di questo testo è fornire al lettore una visione generale della qualità applicata al settore delle scienze della vita
51,99 49,39

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.