Zero Bone Loss. Nuovi paradigmi per la preservazione della stabilità ossea - Tomas Linkevicius | Consegna Gratis
Novità Libri adottati nelle Università di Milano Tutti i libri corso per corso, esame per esame

Zero Bone Loss. Nuovi paradigmi per la preservazione della stabilità ossea

Zero Bone Loss. Nuovi paradigmi per la preservazione della stabilità ossea
titolo Zero Bone Loss. Nuovi paradigmi per la preservazione della stabilità ossea
autore
argomento
editore Quintessenza
formato Libro
pagine 304
pubblicazione 2020
ISBN 9788874920785
18app Carta del docente Acquistabile con bonus 18app o Carta del docente
 
198,00 188,10 (-5%)
 
Spese di spedizione gratis
Questo libro è diviso in due parti principali: la parte chirurgica e quella protesica. La struttura simula il reale trattamento clinico: l’impianto viene inserito prima di realizzare la protesi. La parte chirurgica è responsabile dello sviluppo della stabilità della cresta ossea e coinvolge diversi fattori, come lo spessore verticale dei tessuti molli, il livello di posizionamento implantare, la posizione del collo liscio dell’impianto, la modalità di connessione impianto-abutment.
D’altra parte, ottimi risultati chirurgici non durano se l’impianto è restaurato malamente. Da questo deriva la presentazione anche di concetti protesici che manterranno la stabilità della cresta ossea attorno agli impianti.

Per l’odontoiatra la perdita ossea rappresenta tuttora un serio problema, ma si tratta di una complicazione che può essere evitata. Combinando la sua esperienza clinica con evidenze scientifiche peer-review, l’autore di questo volume ha realizzato una guida inestimabile per l’implantologo che si pone l’obiettivo di prevenire la perdita ossea nei pazienti. Nel testo vengono illustrate diverse strategie finalizzate a raggiungere il risultato “zero perdita ossea” dopo anni dal trattamento.

Poiché una terapia di successo si basa su elementi sia chirurgici sia protesici, il volume è diviso in due parti, ciascuna delle quali si focalizza nel dettaglio su cosa deve essere fatto in entrambe le fasi per favorire la stabilità dell’osso. I casi rappresentati mostrano svariati tipi di situazioni cliniche, diverse opzioni di impianto e molteplici soluzioni protesiche, il tutto supportato da collaudati studi clinici “evidence based”.
 

Indice testuale

PARTE I: concetti chirurgici

Fattori chirurgici per definire la stabilità della cresta ossea
Fattori legati al design dell’impianto
Profondità di posizionamento dell’impianto
Spessore verticale dei tessuti molli
Posizionamento sottocrestale dell’impianto
Il livellamento della cresta ossea
La tent-pole technique
Aumento verticale dei tessuti molli
Mucosa aderente attorno agli impianti dentali
Raccomandazioni pratiche per il posizionamento implantare

PARTE II: concetti protesici

I fattori protesici che mantengono la stabilità della cresta ossea
Considerazione per protesi cementata
Protesi cementata/avvitata
Soluzioni con basi in titanio per protesi fisse parziali
Pilastri alternativi
Influenza del profilo di emergenza
Materiali protesici
Materiali sottogengivali
Evitare le protesi “zirconio senza zirconio”
Materiali sopragengivali per le protesi su impianti

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento