Via Dante a Milano. Una strada e la sua architettura nella città europea del XIX secolo - Pierfrancesco Sacerdoti | Consegna Gratis
Test di ammissione 2021 a Medicina, Odontoiatria e Professioni sanitarie Tutti i libri per la preparazione al test

Via Dante a Milano. Una strada e la sua architettura nella città europea del XIX secolo

Via Dante a Milano. Una strada e la sua architettura nella città europea del XIX secolo
titolo Via Dante a Milano. Una strada e la sua architettura nella città europea del XIX secolo
autore
argomenti Architettura e Design Architettura Design degli edifici e architettura sostenibile
Architettura e Design Architettura
Architettura e Design
collana Arti visive, architettura e urbanistica
editore Gangemi
formato Libro
pagine 368
pubblicazione 2021
ISBN 9788849238822
 
35,00 33,25 (-5%)
 
Disponibilità immediata
Nella seconda metà dell'Ottocento le città europee sono investite da radicali cambiamenti legati al nuovo assetto economico e sociale, segnato dall'ascesa della borghesia. Il modello più influente è la Parigi di Haussmann, ma si guarda anche a Vienna, a Budapest e alle città tedesche. La cultura dei progettisti è nutrita da repertori e manuali, che veicolano gli esempi dell'architettura storica e le nuove tecnologie. A Milano gli architetti si formano all'accademia di Brera e alla sezione di architettura del futuro Politecnico: in entrambe domina la figura di Camillo Boito, che mette in primo piano la questione dello stile nazionale. Dopo la realizzazione della nuova piazza del Duomo e della Galleria Vittorio Emanuele II, le trasformazioni del centro investono l'asse del Sempione, definito in età napoleonica ma ancora incompleto. La rapida espansione della città e la scelta di collegare il Duomo con il Castello Sforzesco, restaurato e destinato a prestigiose istituzioni culturali, sono le premesse per il progetto realizzato, parte del piano regolatore di Cesare Beruto (1889). Insieme a piazza Cordusio, al Foro Bonaparte e al Parco Sempione, via Dante dà forma alla sequenza di spazi urbani più riuscita e significativa della Milano ottocentesca. La nuova via è campione significativo della concezione architettonica della strada europea a fine Ottocento, sia per le norme che mirano a un risultato unitario, sia per la qualità degli edifici, progettati da alcuni dei migliori professionisti dell'epoca. Il volume indaga la storia di via Dante e le ragioni della sua qualità architettonica: un'esperienza densa di insegnamenti su come fare città.

Pierfrancesco Sacerdoti (Milano, 1979) è architetto e svolge attività didattica e di ricerca presso il Politecnico di Milano, dove ha conseguito il dottorato in Composizione architettonica. È autore di saggi dedicati all'architettura e all'urbanistica di Milano. Tra le sue pubblicazioni più recenti vi sono: Sperimentazione tipologica e rapporto con il contesto nell'opera di Giulio Minoletti: la Casa albergo di via Bertani a Milano, in Giulio Minoletti. Lo spettacolo dell'architettura (2017); La storia edilizia e architettonica dell'Albergo Diurno Venezia (con Stefano Masi), in Albergo Diurno Venezia. Storia, architettura e memoria nel sottosuolo di Milano (2017); Silvio Gambini e il liberty milanese: rapporti e influenze, in Busto in Liberty. La città e il suo patrimonio architettonico all'alba del Novecento. Uno sguardo scientifico ed estetico (2019). Dal 2003 organizza e conduce visite guidate sull'arte e sull'architettura di Milano.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.