Il tuo browser non supporta JavaScript!
Libri e librai dal 1946 Scopri cosa dicono di noi

Controstoria e storia dell'architettura

novità
Controstoria e storia dell'architettura
titolo Controstoria e storia dell'architettura
autore
argomento Architettura e Design Architettura Storia dell'architettura
editore Castelvecchi
formato Libro
pagine 1074
pubblicazione 2018
ISBN 9788832820836
 
150,00 127,50
Risparmi: € 22,50
 
Disponibilità immediata
Volume 1. In questo volume Bruno Zevi mette sotto la sua lente d'ingrandimento i vizi, i difetti, i caratteri e le perversioni ideologiche dell'architettura italiana. Avvalendosi di un'ampia antologia di scritti sull'urbanistica e sull'architettura di grandi autori, non solo specialisti (Croce, Argan, Giedion, Mumford, Dewey, Berenson, Bettini, Paci, Arnheim, Adorno, Eisenman, Lynch, Eco), Zevi rileva i problemi della periodizzazione, dei termini, dei criteri storiografici: strumenti indispensabili per lo studio e la comprensione delle principali opere architettoniche italiane, dalla Preistoria ai nostri giorni. Su queste basi solide la sua Controstoria compie un vertiginoso giro del mondo, per poi ricostruire la storia dell'ambiente e degli assetti territoriali paesaggistici e cittadini in Italia, dal Paleolitico alla dimensione metropolitana, e dare corpo a una straordinaria enciclopedia degli insediamenti urbani nel nostro Paese. Volume 2. Stabiliti nel primo volume i criteri metodologici sui quali impostare una controstoria, in questo libro Bruno Zevi mette in atto l'invito di Walter Benjamin a «passare a contropelo la Storia», sostenendo energicamente, dalla Preistoria ai nostri giorni, quelli che sono di volta in volta i portatori dell'innovazione spaziale ed espressiva, rivolgendo per contro i suoi strali su coloro che hanno frenato lo sviluppo della libertà in architettura, come se avesse entrambe le categorie fra le mani. Fermamente convinto, sempre con Benjamin, che «neppure i morti saranno al sicuro dal nemico, se vince», l'autore ci trasmette una visione della Storia tutt'altro che pacificata ed evolutiva: al contrario ci scaraventa nella tempesta di un processo dialettico e conflittuale sviluppato lungo i millenni, perché ciascuno di noi possa consapevolmente operare le proprie scelte imposte da un presente lacerato fra straordinarie potenzialità liberatorie e cupe pulsioni regressive. Volume 3. In questo volume Bruno Zevi passa al vaglio la Storia non dall'alto, come capacità di declinare un linguaggio architettonico prescrittivo definito a priori, ma dal basso, ovvero come coacervo di pulsioni creative molteplici che, dalla profondità delle diverse culture e dei diversi territori, esprimono le istanze spaziali e figurative più liberatorie e anticlassiche. A questi "dialetti", di matrice democratica e popolare, vengono ascritte le radici più profonde di quell'"architettura della modernità", che proprio nella liberazione dai dogmi e dalle regole precostituite della "composizione" trova il suo più autentico inveramento. In questa corrispondenza fra le testimonianze meno auliche del passato e le tendenze più radicali del presente risiedono l'originalità e la forza di un messaggio critico che non si presenta mai distaccato ed equilibrato, ma sempre "esagerato" e schierato.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.