Il cortile del Richini. Un monumento da conservare - Antonello Negri, Pasquale Tucci | Consegna Gratis
Consegna gratis sugli ordini superiori a 29 €

Il cortile del Richini. Un monumento da conservare

Il cortile del Richini. Un monumento da conservare
titolo Il cortile del Richini. Un monumento da conservare
autori ,
argomenti
collana Musei collezioni e luoghi artistici
editore Skira
formato Libro
pagine 272
pubblicazione 2013
ISBN 9788857222141
18app Carta del docente Acquistabile con bonus 18app o Carta del docente
 
39,00 37,05 (-5%)
 
Disponibilità immediata
Spese di spedizione gratis
Finito di costruire intorno al 1640, il Cortile del Richini faceva parte dell'Ospedale che, già a partire dal 1400, fu voluto dagli Sforza e progettato dal Filarete. Nel corso dei secoli il complesso ospedaliero ha subito varie trasformazioni finché nel 1938 l'Ospedale si trasferì a Niguarda e iniziarono i lavori di ristrutturazione dell'edificio per adibirlo a sede dell'Università degli Studi di Milano. Gravemente danneggiato dai bombardamenti nel 1943, l'intero edificio venne restaurato (in parte ricostruito) e riadattato a sede universitaria nel 1951. Il volume è suddiviso in tre grandi sezioni: ricordare per conservare (la storia del Cortile monumentale della Ca' Granda, la sua nascita e rinascita), osservare per conservare (la campagna fotografica di Carlo Vannini che illustra, anche nei dettagli, le ottanta campate del Cortile) e indagare per conservare (le indagini su quattro campate campione per studiare le cause del degrado dei preziosi manufatti).
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento