Libri della collana Estetica e architettura pubblicati da Mimesis
Dal 1946 a fianco di professionisti e studenti Scopri cosa dicono di noi

Mimesis: Estetica e architettura

Eppure and yet...

Renato Rizzi

editore: Mimesis

pagine: 90

Dieci brevi saggi da tenere con facilità in mano come utili strumenti operativi del pensiero
9,00 8,55

Il segreto nel nome architettura

Renato Rizzi, Andrea Tagliapietra

editore: Mimesis

pagine: 43

Nel testo qui presente gli autori, Renato Rizzi e Andrea Tagliapietra, hanno cercato di offrire, in forma sintetica, il risult
4,00 3,80

John Hejduk. Bronx. Manuale in versi

John Hejduk

editore: Mimesis

pagine: 906

Bronx
50,00 47,50

Solemnidad de la civilidad

Renato Rizzi, Andrea Tagliapietra

editore: Mimesis

pagine: 174

Il fenomeno delle periferie testimonia il fallimento della civiltà contemporanea
20,00 19,00

Peter Eisenman. Gher-ghar. House 11A

Susanna Pisciella

editore: Mimesis

pagine: 346

Gher e ghar sono la vocalizzazione e traslitterazione dall'ebraico della radice "Gime, l + Re-s", che significa "essere strani
30,00

Le arti dello spazio. Scritti e interventi sull'architettura

Jacques Derrida

editore: Mimesis

pagine: 420

Nel 1985 Bernard Tschumi, vincitore del concorso per il Pare de la Villette a Parigi, chiede a Jacques Derrida di collaborare
25,00 23,75

Lampedusa. La cattedrale di Solomon

Renato Rizzi

editore: Mimesis

pagine: 1215

Questo grosso volume assomiglia di più allo schedario per il banco di un ferraiolo che per il tavolo di uno studente in archit
50,00 47,50

Architettura. I pregiudicati

a cura di R. Rizzi, S. Pisciella

editore: Mimesis

pagine: 347

Se non si comprende la struttura fondamentale dei significati che si generano tra sapere e apparire non si può realmente avere cognizione di ciò che si vede e si produce. In questo orizzonte emerge il tema dei "pregiudicati", quegli ambiti del sapere che sono stati espulsi e rifiutati dalla cultura contemporanea, pur essendo a fondamento del sapere e dell'apparire; in una parola del "progetto".
24,00 22,80

Il daimon di architettura

Renato Rizzi, Susanna Pisciella
e altri

editore: Mimesis

pagine: 320

Due grandi ambiti del sapere strutturano l'opera: il "dominabile-tecnologico", l'"indonninabile-theologico"
30,00 28,50

Il daimon di architettura

Renato Rizzi, Susanna Pisciella
e altri

editore: Mimesis

pagine: 423

Le potenze della forma sono immagini invisibili
38,00 36,10

Il daimon di architettura

Renato Rizzi

editore: Mimesis

pagine: 144

Pensare e progettare in architettura vuol dire innanzitutto riconoscere i limiti contraddittori della nostra cultura contemporanea, e quindi impegnarsi con cura nella ricostruzione della triplice "arché": della legge, della libertà, della necessità. Ovvero: dell'"estetico", della "singolarità", della "visione".
14,00 13,30

Dépense e progetto

Fabian C. Giusta

editore: Mimesis

pagine: 196

Il binomio dépense e architettura suggerisce una relazione complessa, in certi casi misteriosa e, al tempo stesso, irrevocabile: non esiste opera architettonica senza un enorme dispendio, sia materiale che "spirituale". Il rapporto tra dépense e teoria, sviluppato nel Libro primo, costituisce il fulcro di una ridefinizione concettuale del fare progettuale. La separazione tra il tempo del dispendio e il tempo dell'opera permette infatti di identificare gli ambiti entro i quali si "accumula" l'eccedente formativo legato all'ideazione e alla realizzazione del congegno architettonico. Il fare del dispendio, che nel Libro secondo si vuole presentare, in tutta la sua essenzialità e necessità teorica, attraverso l'opera dell'architetto Renato Rizzi, si interroga sui fondamenti dell'agire progettuale, sulla sua capacità di costituirsi ancora una volta come centro creativo di un mondo formale portatore di linguaggi inclusivi in senso estetico, e dunque appartenenti al perimetro collettivo definito dall'idea di bellezza.
18,00 17,10

L'inscalfibile. Saggio sull'immagine theologica

Renato Rizzi

editore: Mimesis

pagine: 81

Un'attraversata fulminea nel pensiero occidentale per approdare nel regno "inscalfibile" di Architettura, dimora dell'"immagine" theologica. Un tragitto essenziale, guidato da costellazioni epistemiche, per liberarci dalla coercizione e dalla malìa del nichilismo, e nello stesso tempo, per rispondere ad un'insopprimibile istanza. Farsi penetrare dalle leggi austere della fascinazione. Premessa indispensabile per ogni autentica libertà: delle opere, del linguaggio, di ciascuno di noi. Il breve saggio iniziale e l'apparato delle "immagini" a seguire, formano di fatto un unico testo composto da due "grafie" diverse. Quella noetica del pensiero, quella visuale dei luoghi. Una duplice scrittura logico-estetica che si incarna e si espande nella materia delle opere, si dilata e si deposita nella sostanza delle forme. Un tentativo tutto rivolto all'"immagine" theologica: il volto di pietra dell'Architettura.
16,00 15,20

L'Aquila. S(c)isma dell'immagine

Renato Rizzi

editore: Mimesis

pagine: 111

Di fronte al dramma di una catastrofe naturale come risponde Architettura? Siamo davvero certi che il nostro sapere sia il giusto rimedio e non piuttosto una potenza distruttrice superiore alle stesse forze devastanti della natura? Domande e risposte implicano allora una riflessione profonda. Il terremoto dell'Aquila, al pari di altri tragici eventi, richiama il nostro pensiero a questa responsabilità, costringendoci ad un duplice sforzo "theorico". Infrangere il blocco mentale della contemporaneità; oltrepassare il paradigma dominante dell'Occidente. A queste domande inattuali si rivolge il progetto per la ricostruzione di Bagno Grande, uno dei molti borghi aquilani colpiti duramente dal sisma.
16,00 15,20
16,00 15,20

Eupalinos o l'architetto

Paul Valéry

editore: Mimesis

pagine: 117

Valéry pubblicò Eupalinos o l'architetto nel 1921, come prefazione al sontuoso Album Architectures (edizione a cura di L
12,00 11,40

L'affermazione dell'architettura. Una riflessione introduttiva

Damiano Cantone, Luca Taddio

editore: Mimesis

pagine: 168

La chiave di lettura che questo libro sviluppa per interpretare l'architettura contemporanea è offerta dalla parola affermazione, che rappresenta il punto di incontro tra la dimensione architettonica e quella filosofica. Ciò non deve essere inteso come se da un lato vi sia l'architetto e dall'altro il filosofo che riflette, quanto piuttosto come la presa di coscienza che nel piano immanente del fare e del produrre vi è in gioco un sapere, intrinseco al produrre stesso, che oltrepassa le competenze specifiche dell'architettura. È tale necessario sconfinamento che può diventare oggetto d'analisi critica sia da parte del filosofo sia dell'architetto.
16,00 15,20
12,00 11,40

La fine del classico

Peter Eisenman

editore: Mimesis

pagine: 181

Dissacrante, dissuadente, irriverente. L'architettura di Peter Eisenman, sotto l'urto del suo pensiero, esplode in costellazioni sconosciute. Questi primi saggi teorici tracciano le traiettorie iniziali di una mappa ancora in espansione, ancora ricca di segreti e meraviglie. Bisogna quindi ripercorrere questi testi come fossero guide, segnali luminosi da decifrare, per inoltrarsi nei territori infidi dell'estetica eisenmaniana.
20,00 19,00
16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento