Il tuo browser non supporta JavaScript!
Il secondo semestre si avvicina, crea un gruppo d'acquisto e richiedi un preventivo. Saremo lieti di valutare prezzi più convenienti per te Scopri come

Storia della scienza

Che cos'è la scienza. La rivoluzione di Anassimandro

Carlo Rovelli

editore: Mondadori

pagine: 212

Tutte le civiltà umane, dagli Egizi ai Maya, dai Cinesi ai Babilonesi, hanno sempre pensato che il mondo fosse fatto di Cielo sopra e Terra sotto. Tutte, eccetto una: i Greci. Per loro non c'era altra Terra sotto la Terra. Né enormi tartarughe, come nei miti asiatici e pellerossa. O le colonne di cui parla la Bibbia. La Terra, per i Greci, non è altro che un sasso gigantesco che galleggia nello Spazio, immersa in un Cielo che continua sotto i nostri piedi. Ad avere questa straordinaria intuizione - "una delle idee più audaci, rivoluzionarie e portentose dell'intera storia del pensiero umano", secondo Karl Popper - è stato il filosofo Anassimandro nella prima metà del VI secolo a.C. È della sua straordinaria "rivoluzione scientifica" che parla questo libro, un'idea che ha aperto la strada alle scoperte di Copernico, Galileo, Newton, Einstein. E che diventa qui lo spunto per una riflessione articolata sulla natura del pensiero scientifico, della sua capacità critica e ribelle, in polemica tanto con il dogmatismo antiscientifico di chi pretende di essere depositario della verità quanto con il relativismo culturale oggi di moda. Per difendere, in maniera vivace e appassionata, la libertà di pensiero contro ogni forma di oscurantismo.
14,00

Storia curiosa della scienza. La rivoluzione degli arabi

Flavio Oreglio

editore: Salani

pagine: 175

Dopo "Le radici pagane dell'Europa", dove si illustravano le origini e l'evoluzione del pensiero umano dalla mitologia antica
14,00

Cantonate. Perché la scienza vive di errori

Mario Livio

editore: Rizzoli

pagine: 458

La teoria dell'evoluzione ha cambiato per sempre il nostro modo di concepire la vita sulla Terra, eppure il maestoso edificio costruito da Darwin non fu esattamente un viaggio rettilineo dal mito alla scienza: funzionò in realtà quasi per miracolo - tra errori, equivoci e imprecisioni - almeno fino alle scoperte di Mendel sui meccanismi dell'eredità biologica. A sbagliare, però, Darwin fu in ottima compagnia. Lord Kelvin, uno dei più grandi scienziati della seconda metà del diciannovesimo secolo, sostenne perentoriamente che la Terra non poteva essere più vecchia di qualche milione di anni; Linus Pauling, fondatore della biologia molecolare e due volte premio Nobel, propose un modello del DNA del tutto errato perché temeva di essere battuto sul tempo dai colleghi; l'astrofisico Fred Hoyle definì sarcasticamente "Big Bang" l'esplosione che dette origine all'Universo perché non vi credeva (ma era lui ad avere torto). Einstein stesso volle elaborare una teoria generale delle forze naturali senza tener conto della meccanica quantistica semplicemente perché non l'aveva mai studiata. "Un genio non sbaglia. I suoi errori sono cercati e sono l'anticamera delle scoperte" diceva l'Ulisse di Joyce e ci ricorda Mario Livio in questo nuovo saggio; un viaggio al cuore del pensiero scientifico attraverso gli scivoloni di cinque menti eccelse indotte in errore da vanità, ambizione o eccessiva fiducia in sé.
18,00

Come stanno le cose. Il mio Lucrezio, la mia Venere

Piergiorgio Odifreddi

editore: Rizzoli Controtempo

pagine: 311

Duemila anni fa un uomo guardò alla cultura del futuro, e ne anticipò una buona parte in un'opera visionaria e avveniristica: l'uomo era il poeta Lucrezio, l'opera il poema "De rerum natura". Tutte le grandi teorie scientifiche di oggi (l'atomismo fisico-chimico, il materialismo psicologico, l'evoluzionismo biologico) sono esposte e difese nei suoi canti. Tutte le grandi superstizioni umanistiche di ieri (la filosofia non epicurea, la letteratura non realistica, la religione non deista) sono criticate e attaccate nelle sue invettive. Il "De rerum natura" costituisce dunque, allo stesso tempo, un'opera di divulgazione scientifica e una testimonianza laica: esattamente le due chiavi di lettura del mondo alle quali ha legato il suo nome anche il "matematico impertinente" Piergiorgio Odifreddi. Ma allora chi meglio di lui potrebbe condurre il lettore nei meandri del poema antico, e mostrare che la scienza moderna è in larga misura una serie di postille a Lucrezio? "Come stanno le cose" affianca a una nuova traduzione in prosa del capolavoro di Lucrezio un commento illustrato di Odifreddi che ne mostra le connessioni ideali o fattuali con l'intera cultura, umanistica e scientifica. Si scopre così che le parole di un letterato classico e i pensieri degli scienziati contemporanei convergono nell'offrire una grandiosa visione del mondo.
20,00

La musica di Pitagora. La nascita del pensiero scientifico

Kitty Ferguson

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 414

Benché Pitagora e il suo famoso teorema siano universalmente noti, sulla sua vita, il suo pensiero e la storia della scuola da
14,00

Domare l'infinito. Storia della matematica dagli inizi alla teoria del caos

Ian Stewart

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 376

"La matematica ha una storia lunga, gloriosa, ma per certi versi trascurata, e l'influsso della disciplina sullo sviluppo della cultura umana è stato immenso". Così lan Stewart racconta la sua impresa temeraria di raccontare in poco più di 350 pagine l'intera storia della matematica, la disciplina umana forse più pervasiva, necessaria eppure costantemente temuta. Stewart non è il primo e non sarà certo l'ultimo a cimentarsi in un compito del genere, ma dalla sua ha ormai decenni di esperienza nel campo della comunicazione della matematica e moltissimi libri che attestano la qualità della sua scrittura e la dote, davvero rara, di saper esporre in modo comprensibile concetti molto complessi. Per questo "Domare l'infinito" è rapidamente diventato un classico della buona divulgazione, un libro che accompagna il lettore nei meandri del pensiero matematico, dall'invenzione stessa dei numeri, nella più remota antichità, ai più recenti sviluppi della moderna teoria del caos. Per scrivere una storia così variegata e così intimamente legata alla storia stessa dell'umanità non ci si può fermare alla superficie, lasciando intendere che solo gli addetti ai lavori possono apprezzarne davvero i contenuti. Proprio il contrario: Stewart ci vuole dimostrare che con un po' pazienza e di buona volontà chiunque può godere dell'universo che la matematica ci ha svelato.
32,00

Il prisma e il pendolo. I dieci esperimenti più belli nella storia della scienza

Robert P. Crease

editore: Longanesi

pagine: 266

Il bello è di solito associato all'arte e alla natura, difficilmente alla scienza. Eppure la celebre formula di Einstein E = mc2 è bella proprio perché nella sua semplicità racchiude non solo la complessità della natura, ma anche l'essenza di una grande poesia. In questo libro l'autore offre una guida a quanti vogliono scoprire il bello nella scienza, spiegando in modo chiaro e rigoroso i dieci esperimenti più belli della storia. Questi esperimenti, nati per lo più da idee semplici che uomini come Eratostene, Galileo, Newton, Cavendish, Rutheford e altri hanno trasformato in risultati grandiosi, spesso sono replicabili anche con le modeste risorse di un laboratorio scolastico (a volte anche con meno). E la loro bellezza può assumere molte forme, nello stesso modo per cui la bellezza di un pezzo di Bach è diversa da quella di uno di Stravinskij.
18,60

Studies on Volta and his times

editore: Hoepli

pagine: 192

17,00

Il Gabinetto di fisica di Alessandro Volta. CD-ROM

a cura di L. Falomo

editore: Hoepli

pagine: 384

Il Gabinetto di fisica dell'Università di Pavia fu inaugurato nel 1771 e alla sua evoluzione diede un contributo decisivo per un lungo periodo, dal 1778 al 1819, Alessandro Volta, senz'altro uno dei personaggi più straordinari della cultura scientifica settecentesca. In occasione delle celebrazioni per il bicentenario dell'invenzione della pila (1799-1999) il Gabinetto di Volta è stato ricostruito nella maniera più fedele possibile, restituendogli l'antico splendore. Il CD-ROM presenta l'intera collezione di strumenti, circa centoquaranta, da una prospettiva storico-didattica e in maniera interattiva, attraverso centinaia di animazioni, in gran parte tridimensionali.; è così possibile ancor oggi partecipare ad esperienze e dimostrazioni che hanno segnato momenti decisivi nello sviluppo delle scienze.
29,00

Studies on Volta and his Times

editore: Hoepli

pagine: 160

17,00

Studies on Volta and his Times

a cura di F. Bevilacqua, L. Fregonese

editore: Hoepli

pagine: 160

17,00

Studies on Volta and his Times

a cura di F. Bevilacqua, L. Fregonese

editore: Hoepli

pagine: 126

17,00
46,48

Scienza e civiltà in Cina

Joseph Needham

editore: Einaudi

pagine: 601

49,06

Scienza e civiltà in Cina

Joseph Needham

editore: Einaudi

pagine: 575

38,73

Personaggi e scoperte della fisica. Da Galileo ai quark

Emilio Segrè

editore: Mondadori

pagine: 680

Da Galileo a Newton, da Volta a Fermi, Segrè traccia i profili dei maggiori scienziati dell'umanità e insieme rivela le strate
18,00

Non sparate sulla scienza

Robin Dunbar

editore: Longanesi

pagine: 288

Frutto di un corso universitario tenuto all'University College di Londra, il libro, come evidenzia il titolo, si assume il compito di difendere la scienza dalle numerose accuse che le sono state fatte negli ultimi decenni, da Feyerabend sino all'ecologia. Per fare questo passa in rassegna le principali tappe della storia della scienza, spaziando dalla filosofia alla biologia, dalla psicologia alla sociologia, sempre riaffermandone l'essenzialità al nostro sviluppo e alla nostra stessa sopravvivenza.
14,46
30,30

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.