Libri di Fiorella Bulegato | Libreria Cortina dal 1946
Dal 1946 a fianco di professionisti e studenti Scopri cosa dicono di noi

Libri di Fiorella Bulegato

Salvatore Gregorietti. Un progetto lungo 50 anni- A fifty-year project

Alberto Bassi, Fiorella Bulegato

editore: Skira

pagine: 448

L'attività professionale di Salvatore Gregorietti consente non solo di indagare in maniera scientifica il suo lavoro, ma di me
49,00 46,55

I musei d'impresa. Dalle arti industriali al design

Fiorella Bulegato

editore: Carocci

pagine: 208

I musei d'impresa hanno registrato in Italia un significativo sviluppo specie nel corso dell'ultimo decennio. Una crescita quantitativa e qualitativa che ha contribuito alla progressiva messa a fuoco di specifiche problematiche e metodologie museografiche, scientifiche e culturali. Senza tralasciare la vicenda storica dei musei industriali e artistico-industriali, il volume avvia una ricognizione puntuale dei musei d'impresa, facendone emergere alcuni elementi distintivi rispetto ad altre strutture museali. Da tale approfondimento emerge come una delle potenzialità delle realtà esistenti è legata al contributo che queste possono fornire dentro alle imprese alla formazione del progettista, ma anche di chi opera in altre funzioni aziendali. Un'ipotesi verificata con tre significative case histories: l'archivio-museo Alessi, il museo Ferragamo, la Tipoteca Italiana.
19,10 18,15

Michele De Lucchi. Comincia qui e finisce là

Fiorella Bulegato, Sergio Polano

editore: Mondadori Electa

pagine: 327

Nella pubblicistica, così come nell'opinione comune, la figura di Michele De Lucchi ha trovato posto in agevoli confini, entro una semplice quanto rassicurante definizione: quella del brillante designer di tipica estrazione italiana, in quanto tale non esente da sistematiche, sempre più frequenti incursioni nell'area del progetto di interni e di architettura.
49,00 46,55

Il design degli architetti italiani 1920-2000

Fiorella Bulegato, Elena Dellapiana

editore: Mondadori Electa

pagine: 256

L'affermazione del disegno industriale, specialmente nel secondo dopoguerra, si deve all'attività svolta dagli architetti diventati protagonisti del passaggio dalla dimensione artigianale a quella industriale delle imprese, tanto nell'arredo quanto nell'industrial design. Attraverso l'analisi della produzione dei più importanti progettisti del Novecento italiano Fiorella Bulegato e Elena Dellapiana evidenziano coincidenze e distanze di approcci metodologici e pratici tra l'attività del designer e dell'architetto. Ne emergono visioni diverse che si compongono di variegate declinazioni sulla concezione dell'oggetto: dal pensarlo come struttura, composizione di elementi o contenitore di meccanismi, fino alle riflessioni che si originano dalla natura dei materiali, dalla funzione o dal dibattito sullo spazio abitativo. Il libro, scandito in quattro sezioni temporali (dagli anni Venti alla seconda Guerra mondiale, l'affermazione degli anni Cinquanta, la crisi degli anni Sessanta, la condizione contemporanea), dedica a ogni protagonista selezionato una scheda che, attraverso approfondimenti paralleli sull'architettura e sul disegno industriale, associa progettista a oggetti progettati.
35,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento