Libri di Salvatore Settis | Libreria Cortina dal 1946
Vai al contenuto della pagina
Buono 18app in scadenza! Affrettati, hai tempo fino al 30 aprile 2024 Per saperne di più

Libri di Salvatore Settis

Registro delle assenze. Profili e paesaggi

Salvatore Settis

editore: Salani

pagine: 384

"Quante e quali sono le persone che hanno incrociato i loro cammini con il nostro? E quante e quali sono quelle che hanno cond
20,00 19,00

Paesaggio Costituzione cemento. La battaglia per l'ambiente contro il degrado civile

Salvatore Settis

editore: Einaudi

pagine: 350

Il paesaggio è il grande malato d'Italia: è devastato impunemente ogni giorno, sotto gli occhi di tutti, per il profitto di po
13,50 12,83

Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili

Salvatore Settis

editore: Einaudi

pagine: 173

Dove corre il confine fra «paesaggio» e «città»? E come giudicare o indirizzare gli interventi sull'uno e sull'altra, o la con
12,00 11,40

Se Venezia muore

Salvatore Settis

editore: Einaudi

pagine: 154

In tre modi muoiono le città: quando le distrugge un nemico spietato, quando un popolo straniero vi si insedia con la forza, o
13,00 12,35

Il paesaggio come bene comune

Salvatore Settis

editore: La Scuola di Pitagora

pagine: 24

Riconoscere la priorità del bene comune vuol dire subordinare ad esso ogni interesse del singolo, quando col bene comune sia in contrasto. Su questa visione si imperniò il grande (e ancora irrealizzato) progetto della Costituzione del 1948 per un'Italia giusta, libera e democratica. Quel progetto si esprime al meglio nell'art. 9 della Costituzione, secondo cui "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione". Il paesaggio è lo specchio più fedele della società che lo produce, che se ne alimenta, che può trarne forza, ma può anche distruggerlo, annientando sé stessa in uno spasimo suicida. Perciò il paesaggio è un banco di prova.
2,00

Contro il degrado civile. Paesaggio e democrazia

Salvatore Settis

editore: La Scuola di Pitagora

pagine: 16

"Una quercia che cade fa molto rumore; ma una grande foresta cresce in silenzio". Questo proverbio cinese descrive bene lo scenario italiano che stiamo attraversando. Guardiamo increduli il crescente degrado delle nostre città e del nostro paesaggio, e ci sdegniamo ogni giorno per il cinismo dei (pochi) colpevoli, per l'indifferenza dei (molti) spettatori, per le alleanze e compromissioni di fatto fra chi devasta i nostri orizzonti di vita e amministratori pubblici di ogni livello e di ogni partito. E chi manifesta la propria indignazione viene spesso accolto da commenti infastiditi, accusato di inutile pessimismo, invitato a assegnarsi e a pensare ad altro. È vero il contrario: "sa indignarsi solo chi è capace di speranza" (Seneca). Ma se talora abbiamo la triste impressione d'esser rimasti soli a difendere i valori del paesaggio (e della Costituzione), è perché non sappiamo ascoltare l'inarrestabile fruscio della foresta che cresce.
2,50

Italia S.p.A. L'assalto del patrimonio culturale

L'assalto del patrimonio culturale

Salvatore Settis

editore: Einaudi

pagine: 149

Norme recenti hanno offerto ai privati la gestione di parchi e musei e reso possibile l'alienazione del patrimonio dello Stato
16,50 15,68

Futuro del «classico»

Salvatore Settis

editore: Einaudi

pagine: 127

Un percorso attraverso i sentieri della storia dell'arte che, dai grattacieli postmoderni americani corrono fino ai tempi dei
12,00 11,40

Contro il degrado civile. Paesaggio e democrazia

Salvatore Settis

editore: La Scuola di Pitagora

pagine: 16

"Una quercia che cade fa molto rumore; ma una grande foresta cresce in silenzio"
12,50

Il mondo salverà la bellezza? Responsabilità, anima, cittadinanza

Salvatore Settis

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 55

Oggi non basta più amare il prossimo, ma è necessario estendere il precetto evangelico a coloro che abiteranno il futuro, conservando per loro la Terra, custode e nutrice. Per rendere migliore il nostro presente, per costruire il futuro il nostro comandamento deve diventare: "Amerai la Terra come te stesso".
8,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.