Libri di R. Sadleir | Libreria Cortina dal 1946
Novità Libri adottati nelle Università di Milano Tutti i libri corso per corso, esame per esame

Libri di R. Sadleir

BSI Swiss Architectural Award 2020. Ediz. italiana e inglese

a cura di N. Navone,

editore: Silvana

pagine: 200

«A conclusione della settima edizione dello Swiss Architectural Award, che sta sempre più crescendo nel suo ciclo biennale, at

Luca Moretto. Architettura per la vita-Architecture for life

a cura di C. Piva

editore: Mondadori Electa

pagine: 160

Nelle opere di Luca Moretto, torinese di nascita e formazione, si intrecciano armoniosamente la dimensione del fare e la ricer

Walter De Silva. Form in motion

Decio Giulio Riccardo Carugati

editore: Mondadori Electa

pagine: 190

"Per capirla, un'auto va accarezzata

Verrocchio Lab. Il restauro del Putto col delfino e nuove indagini sulla Madonna di Piazza-Restoring the Winged Boy with Dolfin and New Analyses of the Madonna di Piazza

a cura di A. Galansino,

editore: Marsilio

pagine: 96

La pubblicazione bilingue, italiano e inglese, che esce in occasione della mostra fiorentina Verrocchio, il maestro di Leonard

TAMassociati. Taking care. Architecture with Emergency

a cura di F. Serrazanetti

editore: Mondadori Electa

pagine: 189

Perseguendo iniziative a scopo umanitario, il volume è il racconto dei progetti che lo studio ha realizzato per l'organizzazio

Grana Padano. Una storia di qualità-A story of quality

a cura di S. Borghesi

editore: Mondadori Electa

pagine: 154

Per otto secoli è bastato il passaparola tra principi e popolo per diffondere il gusto prelibato del "grana", prodotto nei ter

Architettura e saperi-Architecture and knowledge

a cura di B. Pedretti, R. Grignolo

editore: Silvana

pagine: 247

"L'architettura e i saperi" raduna numerosi saggi, in questo caso tutti redatti da storici e critici, che scandagliano le molt

Edoardo Milesi. Forum Fondazione Bertarelli. Sala da concerti nella Maremma toscana-Concert Hall in the Tuscany Maremma

Marco Mulazzani

editore: Mondadori Electa

pagine: 95

"La forma ovoidale della costruzione è generata dalla sala interna, nella quale sono immersi e avvolti dal suono l'orchestra e il pubblico, ma risponde anche al desiderio di non introdurre cesure nella continuità dei profili delle colline, nelle distese di ulivi e di pini che le contrappuntano. Una parete curva sul fianco esterno, verso ovest, definisce il percorso di accesso al foyer, nascondendo progressivamente alla vista lo spettacolo della natura e preparando allo spettacolo che si svolge all'interno, i materiali utilizzati sono solo di tre tipi: il calcestruzzo scabro, del colore della terra, per il guscio della costruzione; l'acciaio corten ossidato naturalmente e il vetro per le superfici trasparenti che consentono di percepire dal foyer gli ultimi suggestivi scorci del paesaggio, prima di entrare nella sala. Il volume illustra con dovizia di documenti grafici e fotografie il progetto e il cantiere della Concert Hall, caratterizzata da soluzioni tecnico-costruttive di grande interesse. Il testo di Marco Mulazzani ne ricostruisce la genesi, restituendo il quadro dell'attività svolta da Edoardo Milesi in questi luoghi negli ultimi quindici anni e ne analizza le caratteristiche e gli esiti architettonici; un ampio reportage fotografico testimonia l'inserimento dell'opera nel paesaggio maremmano."

Dé Longhi. Ediz. inglese

Decio Giulio Riccardo Carugati

editore: Mondadori Electa

pagine: 167

Nel volume, la narrazione di Decio Giulio Riccardo Carugati e le sequenze fotografiche realizzate ad hoc da Denis Rocci riperc

Compact city. Nuovo centro civico Scandicci, Firenze. Ediz. italiana e inglese

Cristina Donati, Alessandro Ciampi

editore: Mondadori Electa

pagine: 159

Scandicci da "caso" a "modello", ovvero da "sobborgo satellite" a "città sostenibile" della futura configurazione metropolitana di Firenze. Dalla concertazione politica, alle logiche attuative, alle innovazioni del progetto urbanistico, tecnologico ed architettonico, il volume illustra tutte le fasi e da voce a tutti i protagonisti che hanno accettato la sfida di curare gli squilibri di un "sobborgo satellite" e di progettare la civitas di una città nascente. La prima opera in Italia, firmata Rogers Stirk Harbour, è quindi la storia di una trasformazione che propone un inedito dialogo tra la Scuola Strutturalista anglosassone e la realtà edilizia italiana in uno dei momenti di maggior crisi del settore dal dopoguerra. Un'opera strategica che riflette la visione urbanistica di Richard Rogers. Teoria e pratica trovano la loro applicazione sinergica nel nuovo centro civico di Scandicci che adotta i principi della "città compatta", cioè densa, policentrica, multifunzionale, innervata dalla rete del trasporto pubblico. Il cuore dell'intervento è una nuova piazza pubblica, su sui si affacciano il palazzo comunale preesistente e i tre nuovi complessi per la cultura, la residenza, il terziario. Un lungo percorso che il volume intende portare all'attenzione di tutti coloro, architetti, ricercatori, politici ed amministratori, interessati al dibattitto sul futuro sostenibile della città contemporanea.

Whitney Museum of Modern Art. Ediz. italiana e inglese

Renzo Piano

editore: Fondazione Renzo Piano

pagine: 198

Arassociati architetture. Ediz. italiana e inglese

a cura di M. Racic

editore: Mondadori Electa

pagine: 205

Il volume documenta l'attività dello studio di architettura Arassociati. Costituito nel 1997 a Milano da Marco Brandolisio, Giovanni Da Pozzo, Massimo Scheurer e Michele Tadini, lo studio si è distinto nella progettazione e realizzazione di numerosi edifici sia a uso pubblico che a uso privato in ambito nazionale e internazionale. Fortemente legata ai principi razionali della costruzione, la ricerca architettonica condotta da Arassociati si esprime attraverso l'idea di continuità tra edificio e tessuto urbano in stretta dialettica con il territorio a cui appartiene. Tra le principali realizzazioni ricordiamo: il recupero dell'ex Philips Site di Leuven; l'albergo StarHotel Rosa in piazza Fontana a Milano; il Campus Tiscali di Sa llletta, nel pressi di Cagliari; il recupero dei Chiostri del Carmine di Brescia a biblioteca universitaria; l'area Müller-Martini a Zurigo; la Galleria d'Arte Moderna di Bologna MAMbo e la ristrutturazione e l'ampliamento del TNP a Villeurbanne. A questi si aggiunge la ricostruzione del Teatro La Fenice di Venezia, con Aldo Rossi, grazie al quale lo studio si è aggiudicato nel 2004 il Premio Internazionale di Architettura Teatrale.

Carlo Colombo. Architect. Ediz. italiana e inglese

Francesca B. Filippi

editore: Mondadori Electa

pagine: 199

Colombo è oggi il volto emergente del design made in italy. Ha realizzato centinaia di progetti per i brand principali e la monografia ripercorre la sua ricerca attraverso progetti selezionati suddivisi in sezioni: Design (con oltre 60 progetti), Interiors (con 12 progetti) e Architettura (con 6 progetti). L'attività di Colombo spazia infatti con coerenza dall'ideazione di oggetti a quella di sistemi complessi, sino a giungere a progetti di interior design sia per abitazioni che per show room e allestimenti, per arrivare a progetti architettonici realizzati in Brianza, sua terra d'origine come negli Emirati Arabi. A partire dal 1996, tiene inoltre lezioni di industrial packaging che lo porterà a tenere conferenze in tutto il mondo. Carlo Colombo si esprime con uno stile fatto di forme pure, con una preferenza dichiarata per materiali semplici ma anche sempre nuovi e all'avanguardia per le soluzioni tecnologiche. Progetta con coerenza abitazioni, allestimenti, esposizioni, show room. Tutto nel suo modo personale di fare design, improntato al rigore e alla qualità del dettaglio. Il volume mostra tutto il suo talento, riconosciuto anche nelle prefazioni di Giulio Cappellini e Gilda Bojardi. Nella monografia i progetti realizzati dai più importanti brand del made in italy, tra cui Antonio Lupi, Arflex, Poliform, Cappellini, de Padova, Artemide, Guzzini.

Shuhei Endo. Architettura paramoderna. Ediz. italiana e inglese

a cura di

editore: Mondadori Electa

pagine: 327

"Skintecture", "Springtecture", "Rooftecture" sono alcuni dei nomi coniati da Endo per sintetizzare i caratteri formali e strutturali delle sue architetture siano esse diafane e poetiche pensiline ferroviarie, piccoli e aggrovigliati padiglioni, o case private il cui tratto distintivo, innovativo e personale, risiede nella scelta del materiale: economico, standardizzato, resistente, duttile, polivalente, riciclabile. Negli ultimi dieci anni l'opera di Endo si è evoluta e rinnovata, incarichi di rilievo lo hanno spinto verso organismi architettonici più complessi che ha dato origine a nuove forme espressive accompagnate dalla ricerca su nuovi materiali e soluzioni tecniche. Tra le opere di rilievo realizzate negli ultimi anni ricordiamo: il crematorio di Osaka Taishicho, lo stadio per il tennis e hub logistico della protezione civile Miki, il centro di controllo e rifugio anti-tsunami del porto di Futura, Minamiawaji, tutti nella prefettura di Hyogo. Il volume introdotto da saggi di Hiroyuki Suzuki e Frédéric Migayrou e da una selezione di scritti recenti di Shuhei Endo, presenta in modo esaustivo circa quaranta opere tra progetti e realizzazioni.

Guilty. The realization of a concept. Ediz. italiana e inglese

Decio Giulio Riccardo Carugati

editore: Mondadori Electa

pagine: 166

Guilty nasce macchina navigabile, scandita nel fraseggio dei segni persino prossimo al brutale

Rovine e rinascite dell'arte in Italia-Ruins and the rebirth of art in Italy. Catalogo della mostra (Roma, 3 ottobre 2008-15 febbraio 2009)

a cura di A. La Regina

editore: Mondadori Electa

pagine: 120

Partendo dai primi provvedimenti ottocenteschi, per arrivare a una riflessione sul concetto di tutela nei giorni nostri, la mostra si propone di illustrare le conquiste e i progressi compiuti nel nostro Paese in difesa del patrimonio artistico, ma anche i problemi posti dai traffici illeciti che su questo vengono costruiti. Articolata in sei sezioni, affronta anche i temi delle calamità naturali che hanno visto lo sforzo comune fra istituzioni, associazioni e collettività per la tutela delle opere d'arte e confermato l'utilità, ai fini del restauro, della documentazione preventiva.

Riva. A name a design

Decio Giulio Riccardo Carugati

editore: Mondadori Electa

pagine: 247

È il 1842: Pietro, abile calafato, lascia il lago di Como e si trasferisce sul lago d'Iseo, a Sarnico, dove ha inizio l'avvent

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento