Libri di P. Pittaluga | Libreria Cortina dal 1946
In omaggio il libro "L'evoluzione a fumetti" se spendi più di 50 €

Libri di P. Pittaluga

Insediamenti turistici costieri e sostenibilità. Progetti di rigenerazione

a cura di P. Pittaluga

editore: Franco Angeli

pagine: 242

I paesaggi costieri sono sempre più interessati da processi di urbanizzazione e trasformazione tanto da essere profondamente a
31,00

Territori dell'abbandono. Strategie di rigenerazione per contesti spaziali e sociali in crisi demografica

a cura di P. Pittaluga, G. Onni

editore: Franco Angeli

Nei territori dell'abbandono lo spopolamento lascia un'eredità pesante: paesaggi dimenticati, patrimoni immobiliari in disuso,
20,00
10,00 9,50

Il progetto ambientale in aree di bordo

a cura di G. Maciocco, P. Pittaluga

editore: Franco Angeli

pagine: 320

Per la sua costitutiva ambiguità, bordo è una parola che si presta a molte interpretazioni, a differenti punti di vista, a div
38,00

L'epopea del gas (Genova 1838-1972). Dal gas illuminante al metano. Ediz. italiana e inglese

Michele Pittaluga, Manuela Signorelli

editore: ERGA

pagine: 224

Il gas naturale è una miscela di gas di cui il metano rappresenta oltre il 90 per cento, viene estratto dal sottosuolo, purificato, trasportato, odorizzato e distribuito nelle nostre case. Ma non è sempre stato così. Un tempo (fino agli inizi degli anni '70) il gas combustibile, chiamato gas di città, era un prodotto artificiale, frutto della distillazione secca del carbon fossile, effettuata in officine specializzate. La variazione delle caratteristiche del gas di città nel corso dei decenni è stata particolarmente significativa, tanto da renderne necessario il cambiamento del nome: il gas di città, fino agli inizi del '900, era infatti noto come gas illuminante. Già, perché in origine, il gas non serviva per alimentare calderine o fornelli, ma lampioni stradali. La tecnica di produzione venne sviluppata in Europa, nei paesi dove si trovano i giacimenti di carbon fossile: Inghilterra, Germania, Francia. Furono proprio francesi le società che avviarono a Genova un rudimentale impianto di produzione che, nel 1846 consentì l'accensione dei primi fanali pubblici. Era iniziata per Genova l'epopea del gas.
20,00 19,00

L'epopea del gas (Genova 1838-1972). Dal gas illuminante al metano. Ediz. italiana e inglese

Michele Pittaluga, Manuela Signorelli

editore: ERGA

pagine: 224

Il gas naturale è una miscela di gas di cui il metano rappresenta oltre il 90 per cento; viene estratto dal sottosuolo, purificato, trasportato, odorizzato e distribuito nelle nostre case. Ma non è sempre stato così. Un tempo (fino agli inizi degli anni '70) il gas combustibile, chiamato gas di città, era un prodotto artificiale, frutto della distillazione secca del carbon fossile, effettuata in officine specializzate. La variazione delle caratteristiche del gas di città nel corso dei decenni è stata particolarmente significativa, tanto da renderne necessario il cambiamento del nome: il gas di città, fino agli inizi del '900, era infatti noto come gas illuminante. Già, perché in origine, il gas non serviva per alimentare calderine o fornelli, ma lampioni stradali. La tecnica di produzione venne sviluppata in Europa, nei paesi dove si trovano i giacimenti di carbon fossile: Inghilterra, Germania, Francia. Furono proprio francesi le società che avviarono a Genova un rudimentale impianto di produzione che, nel 1846 consentì l'accensione dei primi fanali pubblici. Era iniziata per Genova l'epopea del gas.
13,00 12,35

Immagini spaziali e progetto della città

a cura di G. Maciocco, P. Pittaluga

editore: Franco Angeli

pagine: 192

La ricerca di un più forte rapporto con la realtà ha accelerato la transizione del progetto da una sfera esclusiva del sapere
23,50

Sulle tracce del labirinto

Franca Pittaluga

editore: Gangemi

pagine: 77

Sulle tracce del labirinto, il lettore è accompagnato in un mondo di spazi tangibili e di spazi immaginari. Insieme si varcano soglie, si percorrono sentieri e scale, si costeggiano muri: esperienze dentro lo spazio costruito, a tre dimensioni, ma anche all'interno di una spazio intellettuale bidimensionale, o attraverso una spazio onirico, portatore di infinite dimensioni. Un lavoro sui segni. Un testo fatto di immagini, prima che di parole, per occuparsi di architettura attraverso tre occasioni di riflessione che parlano di labirinti, ognuna nel proprio modo. Una visita dentro il cimitero di Caorle, piccolo sacrario ottocentesco sospeso tra mare e città. Un luogo reale, percorribile ed attraversabile in tutta la sua materialità, ed insieme pervaso di tanti ricordi e di tante metafore da apparire un'allegoria. Una visita dentro gli intrecci tra pittura ed architettura, ove medesimi segni realizzano diverse intenzionalità e sorprendenti contiguità. Una visita dentro stanze di labirinto che sono solo pensieri, svolti nell'allegrezza o nella concentrazione, per sentirsi come Alice e ritrovare, per un momento, il nostro convincimento di bambini: di essere possessori dello spazio.
16,00 15,20
43,50

Immagini spaziali e progetto del territorio

a cura di G. Maciocco, P. Pittaluga

editore: Franco Angeli

pagine: 256

30,50
21,00
21,00

Progetto e resistenza

Paola Pittaluga

editore: Franco Angeli

19,00
25,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento