Il tuo browser non supporta JavaScript!
Libri e librai dal 1946 Scopri cosa dicono di noi

Libri di N. Flora

Cartas de arquitectura

a cura di N. Flora, J. Mera

editore: LetteraVentidue

pagine: 96

" Un giorno ho deciso di condividere con Juan Mera un testo di Knut Hjeltnes, fortemente lirico e capace di narrare il proprio
13,50 11,48

Lettere dall'architettura

a cura di N. Flora, J. Mera

editore: LetteraVentidue

pagine: 92

"Un giorno ho deciso di condividere con Juan Mera un testo di Knut Hjeltnes, fortemente lirico e capace di narrare il proprio
13,50 11,48

Il cloud computing

Flora Pirozzi

editore: Giuffrè

pagine: 132

13,00 11,70

Per un abitare mobile

a cura di N. Flora

editore: Quodlibet

pagine: 166

Nicola Flora e il suo gruppo di studio hanno condensato in questo volume il frutto di un intenso lavoro di ricerca in collaborazione con un'impresa privata. Questo frutto ha portato alla realizzazione di alcuni prototipi sperimentali di arredamento che raggruppano un alto numero di funzioni abitative, tanto che, essendo questi trasportabili, si può parlare di un abitare mobile. Si rinnova così un vecchio sogno modernista che nel tempo ha contagiato progettisti lontanissimi fra loro, da Yona Friedman ad Alberto Rosselli, come spiega il curatore: "Quella che definiamo MobilArchitettura vuole spingere i progettisti, e specie i più giovani e in particolar modo quelli ora in formazione, a guardare positivamente le condizioni materiali nelle quali molti di loro oggi vivono: compressione degli spazi personali in luoghi ibridi dove avvengono in maniera convulsa e sintetica tutte le attività della giornata e non solo. Riposare lì dove dormo, e contemporaneamente preparo il cibo e raduno i miei amici; oppure leggo, studio, penso, mi connetto al mondo che si presentifica improvvisamente in uno spazio piccolissimo e che, in tal modo, è contemporaneamente qui e altrove".
22,00 18,70

Manuale di comunicazione della ricerca scientifica

M. Flora Mangano

editore: Tangram Edizioni Scientifiche

pagine: 119

La comunicazione della ricerca scientifica è una disciplina ancora poco diffusa in Italia. Non si tratta della divulgazione della scienza, che punta a rendere comprensibili argomenti scientifici, di attualità o di base, a un pubblico non esperto. La comunicazione della ricerca scientifica si rivolge a chi si occupa di ricerca: in laboratorio, in campo, in ufficio; alle prese con un lavoro da scrivere, o con una presentazione orale. Pensato soprattutto per ricercatori all'inizio della carriera accademica (dottorandi, borsisti, post doc, ecc), questo manuale è indirizzato anche a chi pratica questa professione da più tempo e svolge attività didattica; educatori, quindi, ma non necessariamente comunicatori. Con un linguaggio accessibile anche a chi non ha rudimenti di teoria della comunicazione, si propone di iniziare a colmare un vuoto formativo nella comunicazione della ricerca scientifica e fornisce le basi per comprendere come comunicare a partire da perché e per chi comunicare. Questa seconda edizione, disponibile anche in formato e-book e sui supporti elettronici più comuni, presenta una bibliografia aggiornata e ulteriori spunti per l'approfondimento.
14,00

L'idea di domestico in Knut Hjeltnes. Casa Straume e casa Bøe Møller. Ediz. italiana e inglese

Nicola Flora

editore: LetteraVentidue

pagine: 132

"Mi piace che le nostre case siano più ricche dentro, che fuori
18,00 15,30

Abitare

Nicola Flora

editore: LetteraVentidue

10,00 8,50

Progetti mobili

Nicola Flora, Francesca Iarrusso

editore: LetteraVentidue

16,50 14,03

Pompei. Modelli interpretativi dell'abitare. Dalla domus urbana alla villa extraurbana. Ediz. italiana e inglese

Nicola Flora

editore: LetteraVentidue

pagine: 192

Questo libro è un atto d'amore che la cultura dell'architettura contemporanea tributa a quella fucina di luoghi, spazi, e soprattutto di immaginazione del nuovo possibile, che è l'antica città sannita-romana di Pompei. Da quasi tre secoli questa città posta ai piedi del Vesuvio e parzialmente dissepolta, oggi compressa dall'edificazione selvaggia del secondo novecento, muove milioni di turisti all'anno, ma non smette di stimolare nuovi immaginari, generando in egual misura conoscenza ed invenzione.
22,00 18,70

Norwegian talks. L'architettura di Kunt Hjeltnes, Carlo-Viggo Holmebakk e Jensen & Skodvin

a cura di N. Flora, G. Postiglione

editore: Quodlibet

pagine: 204

Il volume presenta per la prima volta in Italia il lavoro di tre studi di architettura norvegesi: Knut Hjeltnes, Carl-Viggo Hølmebakk e Jensen&Skodvin, ancora poco noti in Italia ma tutti eredi, in modo diverso, della lezione di Sverre Fehn, il grande maestro recentemente scomparso. I tre studi di architettura, tutti con alle spalle una carriera piuttosto consolidata, sfruttano al meglio le difficili condizioni ambientali del loro paese, coperto dai ghiacci per lunghi mesi, dando vita ad architetture site specific, vale a dire accomunate dallo speciale genius loci norvegese. Ivo Pannaggi, pittore di formazione e poi architetto attivo per oltre un trentennio a Oslo, aveva già individuato molti anni or sono questo carattere peculiare nella "luce siderale che sviluppa i solidi in una successione di superfici piane, senza ombre e senza chiaroscuro, come nel più ortodosso dei quadri cubisti".
26,00 22,10

I borghi dell'uomo. Strategie e progetti di ri/attivazione. Ediz. italiana e inglese

Nicola Flora, Eleonora Crucianelli

editore: LetteraVentidue

pagine: 184

"Crescere tra le piccole case di un paese del sud, sentire storie di troppi viaggi di necessità lontano da queste terre, assistere a ritorni spesso sporadici o tardivi - a volte tesi solo a respirare nuovamente, in quei luoghi, l'aria conosciuta da bambino -, ri/passare dove i tuoi cari ti chiamavano dai giochi al conforto della casa fino a far riemergere un sapore profondo di giorni che sono eterni in quanto mai dimenticati: queste sono cose che formano più dei pensieri da adulto. In quei posti di un sud intenso ed interno sono stato educato a vedere il mondo, a prendere posizioni sulle cose - oggi anche sul mio ruolo di architetto e docente - e, come per me, lo stesso è accaduto a molti cittadini italiani che vivono in città ben più grandi. Come (quasi) tutti ho cercato di ritornare con costanza ogni volta che potevo lì dove, bambino, si sono formati i primi pensieri, consapevole che era il punto di origine di ogni mia azione e riflessione, certo che prima o poi lì avrei trovato spazi per il futuro che mi appartiene, o che (spero) apparterrà almeno ai miei figli. A questo processo di elaborazione di un immaginario possibile per i centri minori appenninici, senza il quale mai seguiranno pratiche azioni e vere architetture, è indispensabile che partecipino anche le persone che vivono intorno all'elaborazione del progetto di architettura - imprenditori, politici nazionali, amministratori locali, artisti - contribuendo a costruirlo questo futuro, prima nelle attese, poi nelle possibili concrete figurazioni."
20,00 17,00

Il bagno di Bellinzona

Aurelio Galfetti, Flora Ruchat­Roncati
e altri

editore: Silvana

pagine: 220

Esito di un concorso pubblico bandito nell'estate del 1967, il Bagno di Bellinzona di Aurelio Galfetti, Flora Ruchat-Roncati e Ivo Trümpy offre la prima manifestazione concreta di quella "architettura territoriale" che ha caratterizzato, dalla fine degli anni Sessanta sino agli sviluppi più recenti, l'architettura ticinese. Muovendo dai materiali in larga parte inediti conservati all'Archivio del Moderno, integrati da disegni, fotografie (d'epoca e attuali), documenti provenienti dagli archivi privati degli architetti, nonché da altri archivi pubblici e privati, il volume propone una lettura critica dell'opera, ripercorrendone la genesi: dal concorso all'elaborazione delle varianti intermedie, sino alla stesura e alla realizzazione del progetto definitivo.
35,00 29,75

Lezioni dall'architettura. Appunti, scritti e saggi intorno all'architettura della piccola scala

Nicola Flora

editore: CLEAN

pagine: 160

La raccolta di scritti di questo volume contribuisce ad un doppio chiarimento all'interno delle discipline della progettazione architettonica: in prima istanza che non esiste una dimensione progettuale qualificata la quale non sia fondata su una chiara percezione teorica del rapporto natura-artificio; ed in secondo luogo che tale dialettico rapporto, che trova nei differenti tempi e luoghi diverse declinazioni, sia finalizzato a rendere chiaro e consapevole il rapporto sia con la natura che con la sua modificazione ad opera dell'uomo l'architettura - per quella che resta il fine di ogni azione progettuale: la persona.
10,00 9,00
10,33 9,30

Metodi molecolari in Sanità Pubblica

a cura di G. Giammanco, S. De Flora

editore: Centro Scientifico Editore

pagine: 312

Con questo volume la Sltl (Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica) vuole contribuire a dare la massima diffusione, fra i soci e fra tutti coloro che operano nel campo della Sanità pubblica, alle possibilità di applicazione delle moderne tecniche di laboratorio a sostegno delle indagini epidemiologiche e degli interventi di prevenzione. Negli ultimi anni, infatti, le metodologie biologiche-molecolari si sono imposte come strumento di indiscutibile importanza sia in campo diagnostico che nella ricerca scientifica.
34,00 30,60

Arne Korsmo-Knut Knuisen. Due maestri del nord

a cura di N. Flora, P. Giardiello

editore: Officina

pagine: 184

18,50

Glenn Murcutt. Disegni per otto case

a cura di P. Giardiello, N. Flora

editore: CLEAN

pagine: 160

18,00
12,39 10,53

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.