Il tuo browser non supporta JavaScript!
Libri e librai dal 1946 Scopri cosa dicono di noi

Libri di Mario Piazza

Manifesti. Mangiare e bere nella pubblicità italiana (1890-1970). Ediz. italiana e inglese

Mario Piazza, Alessandro Bellenda

editore: Silvana

pagine: 240

Silvana Editoriale arricchisce la collana dedicata ai Manifesti storici italiani con un volume dedicato alla promozione e pubblicità dei prodotti alimentari italiani, realizzata tra il 1890 e il 1950. Un percorso cronologico illustrato che, in sintonia con il tema dell'imminente Expo 2015 di Milano, fa risaltare tutta l'eccellenza dei grandi marchi nazionali che hanno conquistato il mondo: lo spumante Cinzano, il cioccolato Perugina, i biscotti Saiwa e la pasta Buitoni, sino alle campagne della Cirio e della Star negli anni cinquanta. Un'ampia raccolta di manifesti e locandine ricostruisce l'immaginario commerciale del XX secolo italiano, attraverso le creazioni degli illustratori che lo hanno reso inconfondibile: Cappiello, Dudovich, Codognato, Mauzan, Seneca, Boccasile e molti altri, il cui talento ha fatto la storia della réclame pubblicitaria, strumento di promozione di un nuovo "vivere" tutto italiano.
39,00
 
Momentaneamente non disponibile

TDM5: grafica italiana. Ediz. italiana e inglese

Giorgio Camuffo, Mario Piazza
e altri

editore: Corraini

pagine: 392

La grafica costituisce un capitolo fondamentale della storia del design del nostro Paese dove, oltre che a svolgere la funzione di comunicare, interpretare e tradurre la realtà in forme visive, questa disciplina ha contribuito fortemente a costituire l'identità e la cultura dell'Italia del Novecento. Ed è proprio al design grafico italiano, nelle sue tante declinazioni, che è dedicato "TDM5: grafica italiana", catalogo della quinta edizione del Triennale Design Museum.
48,00 40,80

Intorno ai numeri. Oggetti, proprietà, finzioni utili

Mario Piazza

editore: Mondadori Bruno

pagine: 272

"I numeri non esistono - ha scritto un filosofo - il che non vuol dire che non esistano almeno due numeri primi tra 15 e 20." La matematica è allora una finzione? Esistono oggetti sconnessi dallo spazio-tempo, gli oggetti astratti, di cui i numeri sono l'esempio paradigmatico? E cosa rende affidabili le credenze su questi oggetti? Gli oggetti matematici sono sostituibili nel nostro quadro intellettuale del mondo? Il libro si propone di indagare su tali questioni, anche documentando le tensioni irrisolte, i dislivelli tra spazio fisico e mentale.
12,91
 
Momentaneamente non disponibile

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.