Libri di M. De Crescente | Libreria Cortina dal 1946
Le librerie sono aperte, ricche di libri universitari ma anche di letteratura, libri per l’infanzia, filosofia, diritto e molto altro! Consulta gli orari di apertura

Libri di M. De Crescente

13,00 12,35

La psicoterapia globale nella comunità terapeutica. Il metodo Lahuén

Paolo Vincenzo Manco

editore: Alpes Italia

pagine: 162

Il libro vuole rappresentare la sintesi di decenni di esperienze nel campo dell'intervento terapeutico residenziale nella salu
14,00 13,30

L'immaginario grafico di Sisino

Tommaso Paloscia

editore: Polistampa

pagine: 72

Il volume raccoglie una sessantina di grafiche inedite o poco note del giornalista e critico d'arte Tommaso Paloscia (Roma, 1918 - Firenze, 2005). Suddivisi tra "grafica e vignette", "caricature" e "dipinti, disegni e illustrazioni", i lavori pubblicati vanno dagli anni anni '40 agli anni '80. Dopo aver cominciato, nei primi anni '30, a scrivere su "Il Messaggero", Tommaso Paloscia fu corrispondente da Pescara del "Guerin Sportivo". In seguito partecipò come ufficiale di complemento alla seconda guerra mondiale e militò nella Resistenza. Nel 1944 fu nella redazione di "Italia", settimanale del soldato italiano, e partecipò alla fondazione de "La bottega dei Quattro", settimanale "di politica, cultura, arte e varietà" stampato a Lecce tra il 1944 e il 1945. Come corrispondente dal fronte della Quinta Armata delle forze alleate in Italia, scrisse nel 1945 numerosi articoli per il quotidiano "La Patria". Nel 1946 diresse i settimanali umoristici fiorentini "La Carrozzella" e "Il Calandrino sportivo" per approdare poi, alla fine del 1947, a "La Nazione" dove militerà per oltre quarant'anni da cronista, capo redattore e infine responsabile delle pagina letterarie e artistiche. È stata una delle anime dell'esperienza di "Nazione Sera", di cui è stato caporedattore fino dagli esordi della testata nel 1953.
8,00 7,60

La paura, la noia, la rabbia. Contenimento, regolazione, trasformazione delle emozioni nei percorsi delle comunità terapeutiche

a cura di M. De Crescente

editore: Alpes Italia

pagine: 154

Le emozioni sono il "core" degli interventi in psichiatria anche se spesso ci si dimentica di questo. Riconoscere i vissuti emotivi, aiutare a tradurre questi in pensieri, fare esperienze emozionali correttive in un ambiente che consente e facilita questi processi è, infatti, il presupposto di ogni sforzo organizzativo, è il fine di ogni investimento formativo, è la mission inconfessata di ogni istituzione che si prefigge di aiutare migliorandola la condizione umana. Allora perché questo è un tema trascurato? Perché è così difficile parlarne? Perché è paradossalmente più facile fare diagnosi, discutere di meccanismi di difesa, utilizzare modelli riabilitativi complessi? Se la cura della vita psichica è prevalentemente una cura delle emozioni in favore della loro pensabilità, perché è così difficile affermarlo, metterlo al centro d'attenzioni e ricerche? Naturalmente non si possono dare risposte definitive a tale quesito, ma è possibile immaginare che nell'ambiente scientifico parlare di emozioni può apparire più un atteggiamento romantico che clinico, più una questione letteraria che una questione da sottoporre a prove, ricerche e valutazioni scientifiche. Oggi si va delineando un forte interesse che sconfessa l'ipotesi che le emozioni siano una variabile eterea e secondaria, rispetto alla concretezza e alle limitazioni dei sintomi, che invece proprio da quelle direttamente derivano. Il rischio che si paventa è pertanto pensare che parlare di emozioni vuol dire rimanere nell'astratto rispetto al concreto delle abnormità comportamentali e ancora una volta dover costatare che anche quest'ultime da quelle derivano. E cosi di seguito i deliri, gli agiti e i pensieri ingiuntivi. Le emozioni sono il motore della vita psichica e si può arrivare a soffrire anche della loro mancanza, ma effettivamente quando si parla di emozioni, tutto diventa confuso, ci sembra spesso di inoltrarci in una fitta nebbia in cui le cose si confondono alla nostra percezione. Il libro composto da vari interventi sul tema si apre con un'introduzione di Luca GaburrI riguardante il pensiero di Zapparoli che appare, nella letteratura sulle psicosi, come l'unico autore ad aver messo al centro della sua riflessione proprio quelle emozioni legate da un inestricabile vincolo.
15,00 14,25

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.