Il tuo browser non supporta JavaScript!
Libri e librai dal 1946 Scopri cosa dicono di noi

Libri di P. Barbetta

Complessità e psicoterapia. L'eredità di Boscolo e Cecchin

P. Barbetta

editore: Cortina Raffaello

Quale eredità hanno lasciato i fondatori del Centro Milanese di Terapia della Famiglia? Il primo insegnamento di Boscolo e Cec
27,00 22,95
22,00 18,70

La follia rivisitata. Umori, demenze, isterie

Pietro Barbetta

editore: Mimesis

pagine: 184

Che cosa significa essere folle? In quanti modi si manifesta la follia? È fenomeno univoco oppure arcipelago di definizioni e riferimenti? Si può parlare di follia oggi senza considerare l'opera di Foucault? Il doppio legame di Bateson? l'AntiEdipo? Senza ripensare la storia della diagnosi psichiatrica? Questo libro non è solo per il clinico, ma per chi è curioso di conoscere le rappresentazioni della follia nella storia culturale dell'Occidente. Non si può rinunciare a raccontare che cosa fosse la follia prima che il discorso psichiatrico s'impadronisse dell'argomento, quando l'arte, la letteratura e la filosofia ne traevano per prime ispirazione. Le speranze riposte in questo libro: che possa esser compreso da chiunque lo legga, ma senza indulgenze riduttive o banalizzazioni indebite. Perché le malinconie, le demenze e le isterie sono parte della nostra esistenza e non possono essere trattate come fenomeni chimici.
18,00 15,30

Follia e creazione. Il caso clinico come esperienza letteraria

Pietro Barbetta

editore: Mimesis

pagine: 99

Come si presenta il caso, come si scrive, si racconta, come le memorie e le riflessioni autobiografiche, il confronto tra molteplici testimoni, tra diversi stili di scrittura e conversazione, assumono posizioni prospettiche differenti; queste le questioni chiave del libro. L'idea di caso non si limita al caso clinico; si tratta di ridisegnare la riflessione sull'evento (la contingenza) partendo dalla letteratura, immaginare alcune forme del racconto clinico diretto e indiretto per far emergere l'unicità preziosa, spesso dimenticata dalla foga esplicativa, dalla categorizzazione che cancella il singolare. Il libro si presenta anche come una critica radicale ai modi riduttivi del discorso clinico dominante nell'epoca post-moderna, neoliberale, al cinismo scientista nascosto dietro la tecnologia, che emerge nell'intertestualità di pratiche oppressive.
12,00 10,20

I linguaggi dell'isteria. Nove lezioni di psicologia dinamica

Pietro Barbetta

editore: Mondadori Università

pagine: 208

L'isteria si nasconde dentro una molteplicità di linguaggi che la occultano e la rivelano nel medesimo tempo. Il suo modo di nascondersi è la mimesi con l'Altro: ipnotista, psicoanalista, medico, familiare, gruppo demonizzato, folla isterizzata, sintomo che migra e si muove nel corpo, vincolo morale disatteso, regime totalitario. Il libro ricostruisce le vicende dell'isteria sul piano storico e culturale, ne vede i lati individuali, familiari, gruppali, comunitari e politici. Lo sguardo è quello del clinico che non si chiude nelle sedute codificate delle pratiche psicoterapeutiche, ma le connette al legame sociale e relazionale.
15,50 13,95

Diagnosi della diagnosi. Ricerca critico-interpretativa e categorie diagnostiche

a cura di P. Barbetta, P. Benini

editore: Guerini e Associati

pagine: 171

Una interpretazione della psicodiagnostica ad opera di studiosi di rilevanza nazionale e internazionale. Psicologi e psichiatri si confrontano su alcune categorie diagnostiche quali l'anoressia, il Post Traumatic Disorder, il disturbo dell'attenzione e dell'iperattività, sulla fase del ciclo femminile della menopausa proponendo una lettura «altra» da quella squisitamente intrapsichica e individualistica.
18,00 16,20
15,00 13,50

Anoressia e isteria. Una prospettiva clinico-culturale

Pietro Barbetta

editore: Cortina Raffaello

pagine: 165

Si ha il diritto di morire di fame? Esiste una libido alimentare che possa essere considerata il fulcro della costellazione anoressica? I legami tra i sintomi psicosomatici e l'abuso sessuale sono scontati come spesso si è indotti a credere? E come parlano le anoressiche della loro condizione quando lo sguardo dello psicologo è assente, per esempio quando dialogano in rete riguardo al rapporto con il cibo e con il corpo? A queste domande insolite quanto importanti risponde l'autore, sia attraverso l'analisi di alcuni casi clinici seguiti in ambito di psicoterapia individuale e familiare, sia sulla base di una ricerca, condotta con metodi etnografici, nel mondo virtuale delle chat line.
16,00 13,60
23,00
34,50

Comunicazione e condizione umana

Barnett W. Pearce

editore: Franco Angeli

pagine: 224

23,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.